Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
La Chiesa e le leggi


GENNAIO 2014

     

Il MAGISTERO DI PAPA BERGOGLIO

 

 

            Pesantissime le parole dell’allora Card. Bergoglio, che il 22 giugno 2010 scriveva alle Suore Carmelitane dei Monasteri di Buenos Aires: (…) qui pure c’è l’invidia del Demonio, attraverso la quale il peccato entrò nel mondo: un’invidia che cerca astutamente di distruggere l’immagine di Dio, cioè l’uomo e la donna che ricevono il comando di crescere, moltiplicarsi e dominare la terra. Non siamo ingenui: questa non è semplicemente una lotta politica, ma è un tentativo distruttivo del disegno di Dio. Non è solo un disegno di legge ma è una “mossa” del padre della menzogna che cerca di confondere e d’ingannare i figli di Dio. 1 ”. 

            L’Enciclica Lumen Fidei di Papa Francesco, che sappiamo essere scritta “a quattro mani”, non poteva che essere in continuità con il Magistero della Chiesa. Pur non parlando esplicitamente del problema, essa potrebbe essere addirittura passibile di censure anti-omofobe: “Penso anzitutto all’unione stabile dell’uomo e della donna nel matrimonio. Essa nasce dal loro amore, segno e presenza dell’amore di Dio, dal riconoscimento e dall’accettazione della bontà della differenza sessuale, per cui i coniugi possono unirsi in una sola carne (Gen 2, 24) e sono capaci di generare nuova vita,  (…)”(Lumen Fidei, 52). Il Papa ci esorta poi a manifestare Dio pubblicamente: “Quando la fede viene meno, c’è il rischio che anche i fondamenti del vivere vengano meno (…) Saremo forse noi a vergognarci di chiamare Dio il nostro Dio? (….) la Fede illumina il vivere sociale, essa possiede una luce creativa per ogni momento della storia (…)” (cfr. Lumen Fidei 54-55).

            Anche le altre parole di Papa Francesco, evidentemente in continuità con l’Insegnamento ecclesiale, rese dopo le GMG, sono state oggetto di estrapolazioni parziali e distorsione in mal fede, da parte di non pochi mass media. 2

 

 

I GRAVISSIMI E URGENTI DOVERI DEI VESCOVI E DI TUTTA LA CHIESA

 

            E’ proprio un Vescovo, ad aver denunciato  che “mentre il Paese è impegnato per volontà dei legislatori e del Parlamento in uno snodo difficilissimo della sua vita sociale sembra che la cristianità non sia presente. E per cristianità intendo la realtà istituzionale della Chiesa, le realtà laicali, le realtà associative, tutto il complesso del popolo di Dio che vive oggi in Italia, senza evidenziare maggiori responsabilità. 3 La Sacra Congregazione del resto la Dottrina della Fede, invece esorta a più riprese la Chiesa tutta ed i Vescovi in particolare a vigilare e ad annunciare profeticamente la Verità:

             “I Pastori devono, dunque dar prova di pazienza e bontà; ma non è loro permesso né di rendere vani i comandamenti di Dio, né di ridurre oltre misura la responsabilità delle persone.” (Pers. Hum., 10).

            “E’ compito dei Vescovi insegnare ai fedeli la dottrina morale concernente la sessualità, quali che siano le difficoltà che l’adempimento di questo compito incontra di fronte alle idee e ai costumi oggi diffusi. Questa dottrina tradizionale sarà approfondita, espressa in maniera adatta a illuminare le coscienze dinanzi alle nuove situazioni che si sono create (…) (Pers. Hum., 13).

            “Ai Vescovi, ai sacerdoti e ai loro collaboratori spetta di mettere in guardia i fedeli contro le opinioni erronee, spesso proposte nei libri, nelle riviste e in pubblici convegni” (Pers. Hum. 13);

            “I genitori per primi, come anche gli educatori della gioventù, si sforzeranno di condurre mediante un’educazione integrale, i loro figli e i loro allievi alla maturità (…) daranno loro, a questo scopo, un’informazione prudente e adatta alla loro volontà ai costumi cristiani (…)” (Pers. Hum. 13).

            “Da parte loro, tutti i fedeli laici, in virtù del loro diritto e del loro dovere d’apostolato, si faranno premura di agire nello stesso senso” (Pers. Hum. 13)

            “I ministri della Chiesa devono fare in modo che le persone omosessuali affidate alle loro cure non siano fuorviate da queste opinioni, così profondamente opposte all’insegnamento della Chiesa.” (“Lettera ai Vescovi della Chiesa Cattolica sulla cura delle persone omosessuali”, 1986, n.8).

             “E’ evidente, d’altra parte, che una chiara ed efficace trasmissione della dottrina della Chiesa a tutti i fedeli e alla società nel suo complesso dipende in larga misura dal corretto insegnamento e dalla fedeltà di chi esercita il ministero pastorale. I Vescovi hanno la responsabilità particolarmente grave di preoccuparsi che i loro collaboratori nel ministero, e soprattutto i sacerdoti, siano rettamente informati e personalmente ben disposti a comunicare a ognuno la dottrina della Chiesa nella sua integrità” (Lettera ai Vescovi, 13).

            “Questa Congregazione desidera chiedere ai Vescovi di essere particolarmente vigilanti nei confronti di quei programmi che di fatto tentano di esercitare una pressione sulla Chiesa perché essa cambi la sua dottrina, anche se a parole talvolta si nega che sia così” (…) alcuni gruppi usano perfino qualificare come “cattoliche” le loro organizzazioni  o le persone cui intendono rivolgersi, ma in realtà essi non difendono e non promuovono l’insegnamento del Magistero (…) Questo comportamento contraddittorio non può avere in nessun modo l’appoggio dei Vescovi” (Lettera, 14).

            “Occorre chiarire bene che ogni allontanamento dall’insegnamento della Chiesa, o il silenzio su di esso, nella preoccupazione di offrire una cura pastorale, non è forma né di autentica attenzione né di valida pastorale. Solo ciò che è vero può ultimamente essere anche pastorale” (Lettera, 15).

            “Gli ordinari del luogo sono invitati a valutare, nell’ambito della loro competenza, la necessità di particolari interventi” (Lettera, 17).

            “Laddove una questione di bene comune è in gioco, non è opportuno che le Autorità ecclesiali sostengano o rimangano neutrali davanti  a una legislazione negativa anche se concede delle eccezioni alle organizzazioni e alle istituzioni della Chiesa. LA Chiesa ha la responsabilità di promuovere la vita della famiglia e la moralità pubblica dell’intera società civile fondata sulla base di valori fondamentali, e non solo di proteggere se stessa dalle conseguenze di leggi perniciose” (Alcune Considerazioni, 16).

 

            Questo è un modestissimo contributo di un laico come tanti, nella speranza che ogni cristiano si impegni secondo il proprio ruolo e le proprie possibilità per impedire l’approvazione del DDL Scalfarotto e venga posto fine al dilagare dei progetti culturali in atto contro la libertà, la dignità dell’uomo e affinché venga seriamente promosso il Bene della Famiglia.

 

   Fabio Candalino (avvocato cattolico, lexcandalino@libero.it)

 

 

1 Lettera del Card. Bergoglio ai quattro monasteri carmelitane di Buenos Aires in occasione del voto al Senato della Repubblica Argentina sulla proposta di legge intesa a legalizzare il matrimonio e le adozioni omosessuali” (22 giugno 2010) , tratto da www.lanuovabq.it/t/stampaArticolo-matrimoni-gay-linvidia-del-demonio-6017.htm

2 Roberto Marchesini e Marco Invernizzi, PAPA FRANCESCO, OMOSESSUALITA' E OMOFOBIA, da http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2886&testo_ricerca=omofobia

3 Omofobia: si va verso il totalitarismo”, intervista a Mons. Luigi Negri, cit.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore