Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 


APRILE 2012

     

I DIECI COMANDAMENTI

Età dai 6 – 7 anni

 

“Io sono il Signore Dio tuo”.

7° Comandamento

Non rubare.

 

UNO

                              OBIETTIVI:

 

  1. Far conoscere ai bambini il settimo comandamento.

 

  1. Far intuire ai bambini il rispetto delle cose altrui e stimolarli ad accontentarsi di quello che hanno.

 

  1. Inculcare nei bimbi il senso dell’onestà e della rettitudine, allontanarli dal pericolo di bruciare l’esistenza per la smania di possedere.

 

 

 

 

Esposizione:

            Ci sono bambini capricciosi che vogliono tutto quello che vedono: dolci, giocattoli, colori, vestiti… Non siete voi, vero?

            Il peggio è che le prendono quelle cose anche se sono di altri bambini o di altre persone!

            Dio, nel 7° comandamento ci dice che questo non si può fare e non si deve fare.

            Se un altro bambino prende le cose nostre ci piace? Sicuramente no! E allora neanche noi dobbiamo prendere le cose degli altri.

            Se un bambino ha un giocattolo più bello del nostro possiamo giocarci insieme e anche noi possiamo far giocare lui col nostro giocattolo, ma non possiamo prenderglielo né con la prepotenza, né di nascosto. Chi lo fa ruba e perciò manca al settimo comandamento.

            Dobbiamo accontentarci delle cose che abbiamo ed essere felici che gli altri abbiano cose più belle di quelle che abbiamo noi.

            E’ bello, invece, essere generosi: se ad un nostro amichetto/a piace qualcosa che abbiamo noi, possiamo regalargliela, ricordando però che “Cosa donata non torna in dietro”, perciò non dobbiamo richiedergliela.

            Molti bambini, che non sanno ancora cosa dice il Signore, fanno tanti capricci: vogliono le cose che vedono agli altri e strepitano, strillano, si buttano a terra per ottenerle…

            Non è mai capitato a voi, vero?

            I loro angeli custodi si coprono il volto, perché non vogliono vedere queste cose così brutte!

            Anche se le cose che ci piacciono stanno in casa nostra, ma la mamma ha detto di non prenderle per qualche giusto motivo, non è bene prenderle di nascosto, ma se qualche volta lo facciamo, dobbiamo subito dirlo alla mamma.

            Qualche bambino disobbediente si è messo nei guai per fare cose proibite, e poi l’hanno dovuto portare in ospedale!

            Quando ci viene il desiderio di qualcosa che non abbiamo o che la mamma ci proibisce, di prenderla, possiamo parlarne al nostro angelo custode e dirgli che porti quella bella rinuncia a Dio come un bel fiore nato nel nostro cuore.

            Soprattutto non prendere mai soldi, perché possono essere necessari ai genitori per comprare le cose di cui la famiglia ha bisogno, mentre noi li spenderemmo per capricci inutili e forse dannosi.

            Il settimo comandamento ci ordina di rispettare le cose altrui, di non rubargliele, di trattare con cura anche le cose nostre, perché chi ce le ha date ha fatto un sacrificio per potercele comprare, ma se gli altri ce le chiedono oppure se vediamo un bambino povero, possiamo anche regalargli un nostro giocattolo perché anche lui sia felice.

            In questo caso Gesù sorriderà e il nostro cuore diventerà felice.

 

Esercizi:

DUE

 

 

  • Disegna i bambini che vanno a passeggio con papà senza fare capricci.

 

 

 

 

 

 

 

  • Leggi questa bella storia e impara anche tu a fare del bene ai poverelli:
    •  

            Era una fredda giornata di novembre. Il vento spazzava la terra indurita dal gelo. Gli alberi dondolavano i rami nudi contro un cielo bianco. Forse nevicherà - si disse San Martino, avvolgendosi nel suo caldo mantello. E, saltato a cavallo, si avviò. Canticchiava allegramente, quando a un tratto scorse un mendicante tutto lacero. Il poveretto cercava di ripararsi dietro a una grossa pietra e intanto tendeva la sua mano scarna:     “Pietà di me, signore. Ho freddo e fame”.

            San Martino, impietosito, si fermò. - Fratello, - disse - mi dispiace, ma non ho che poco denaro da darti; e tu hai tanto freddo... Aspetta. Infine io ho un bel vestito pesante... Ti posso dare la metà del mio mantello. Con la spada tagliò in due il mantello e disse: - Prendi.

            Il mendicante non sapeva come ringraziare; i suoi occhi brillavano di lacrime. San Martino, felice della buona azione, spronò il cavallo e continuò il suo cammino. Ora il freddo si accaniva contro di lui e lo faceva rabbrividire a ogni istante. Ma ecco, il cielo si squarciò, grandi laghi azzurri apparvero, e in mezzo venne a splendervi un magnifico sole.

            San Martino si guardò intorno. Quasi non riconosceva più quei luoghi. - Se gli alberi fossero fioriti - osservava - si direbbe che siamo in primavera. Forse il Signore pensa ai tanti poveri che non hanno da coprirsi. Non immaginava, il santo cavaliere, che quel calduccio era stato mandato da Dio proprio per lui: per ricompensarlo. (G. Fanciulli)

 

    • Disegna San Martino e il poverello.
  • Disegnare una bella cornice e scriverci il sesto comandamento:

 

 

NON  RUBARE

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore