Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  La coppia alla scuola di San Paolo (cammino di formazione 2017-2018)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Occhio alla lente
  Principi non negoziabili
  Pensieri di pace
  Autostima
  Giubileo della Misericordia
  Misericordiae Vultus
  Riflessioni sulla bolla
  Le vie della Misericordia
  Esperienza di Misericordia
  Stili di vita
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  L'Etica e lo Stato
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 


GENNAIO 2015

     

LA GABBIA

 

GABBIA             “Usiamo quella chiave d’oro che ci permette di aprire gabbie per elevarci a volare….”

            Platone ci insegna il mito della Caverna e quello della Biga Alata.

            “Un meccanismo di librazione che ci permette di aprire gabbie, di rompere catene, superare limiti, abbandonare pregiudizi, combattere paure, allumare l’ignoranza…”

            Certo è che il cittadino in quanto uomo pensante deve usare la chiave dorata e non deve permettere a nessuno che si atteggi da “sparviero” di rinchiuderlo in una gabbia!

            Dagli esperimenti condotti dal prof. Philip Zimbarde e dal prof. Armir Falk, presso la Stanford University, è emerso che: “La natura umana, sotto l’influenza del potere, può rapidamente degenerare verso incredibili vette di malvagità.”

            E che dire dell’influenza del denaro?

            “Il denaro rende più cattivi.   Il mercato uccide l’etica.

            Chi opera in un contesto economico viola continuamente i propri standard morali.”

            Queste sono scelte che rasentano la criminalità.

            “L’accoppiata potere + denaro amplifica in maniera esponenziale le possibilità che una persona possa diventare malvagia.

            Quindi, quante possibilità ci sono che questa èlite sia davvero malvagia?

            La conclusione resta al lettore…..

            L’èlite “cupola finanziaria” ha ideato il MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) !

            E’ attivo dal luglio 2012, grottescamente definito “Fondo Salvastati”, istituito dalle modifiche del trattato di Lisbona e approvato il 23/marzo/2011 dal Parlamento Europeo, nasce come fondo finanziario europeo per la stabilità della zona Euro, in altre parole per gli aiuti agli Stati in bancarotta.

            Il MES con sede a Lussemburgo, ha una capacità di 700 miliardi di Euro, concederà i prestiti ai paesi in difficoltà acquistando titoli sul mercato primario e secondario degli stessi paesi in difficoltà, a condizioni severe.

            Da chi è gestito il MES?   Beh!

            Da chi poteva essere gestito se non dai ministri finanziari dell’area Euro, dal commissario UE agli affari economico-monetari e…dulcis in fundo, dal presidente della  BCE ?

            Ma che peso hanno i singoli Stati che ne fanno parte?  Nessuno!

            Si pensi solo al fatto che i diritti di voto di ogni Stato membro sono in proporzione al valore delle quote versate nel fondo.

            Addirittura, in caso di mancato pagamento delle quote capitali, lo Stato perde il diritto di voto !!!

            L’Italia con quali soldi partecipa al MES?  Facile!

            Nel 2012, il nostro presidente Monti, ha deciso di partecipare anticipando al “Fondo salvastati” il gettito dell’IMU !

            Ma se l’Italia è in difficoltà, può rivolgersi al Fondo Salvastati per risolvere i propri problemi? Qual è lo scotto da pagare per prendere a prestito i propri soldi? Garavaglia si chiede “E’ possibile che il nostro governo può prestare 46 miliardi di Euro agli Stati dell’UE e non riesce a prestarli alle nostre imprese?

            Ma, gli italiani vogliono essere salvati?

            Per essere salvati dobbiamo versare al MES 125 miliardi di euro di cui 15 subito, potendoli avere!!! Se l’Italia va in default, il MES ci presterà i nostri stessi soldi ad interessi elevati.

            Allora possiamo stare tranquilli?   Macchè!!!

            Si pensi che i 43 miliardi sborsati dall’Italia sono serviti per il salvataggio delle banche greche e spagnole, proprio quelle banche che la grande Germania aveva garantito !

            Allora i nostri soldi sono serviti a salvare gli interessi della Germania e delle economie forti del nord Europa. In parole povere, ogni volta che uno Stato si trova in difficoltà, viene aiutato a condizione che rinunci ad una parte di sovranità nazionale a favore di una maggiore ingerenza del governo europeo per consentire di effettuare interventi allo stesso.

            Il fatto triste è che questo governo europeo è un ente di facciata dell’oligarchia della finanza mondiale, in cui agiscono ed operano emissari dei grandi interessi economici mondiali privati.

            In realtà l’èlite finanziaria mondiale manovra, come fantocci, i singoli governi nazionali !

            Che peso hanno i cittadini?  Nessuno !

            I cittadini mandanti dei politici loro rappresentanti non sanno nulla!

            Lo scopo vero del MES è quello di salvaguardare i profitti degli speculatori del mondo bancario internazionale, caricando forzatamente l’onere delle perdite sui cittadini, con l’aumento della tassazione e la riduzione delle stato sociale. Si è dato un potere forte in mano a privati esentandoli da responsabilità (cosiddetto effetto “lucifero”).

            Proprio come il gioco del Monopoli, dove si comprende bene che l’unico modo per vincere è concentrarsi sull’acquisire, piegando persino le regole.

            In sintesi, se uno Stato dovesse aver bisogno di sostegno finanziario europeo, attraverso un salvataggio da parte del MES, non avrà nemmeno un Euro se prima non firmerà il Fiscal Compact (rientro del debito pubblico) e non avrà obbedito a tutte le sue clausole di perdita di sovranità!

\Ma, l’Italia non è una Repubblica democratica fondata sul lavoro?

 

            ‘A gabbia                                       Traduzione dal napoletano

 

            Sta gabbia ‘e cristallo,                        Questa gabbia di cristallo

            chiena ‘e muneta,                                          piena di monete,

            cara ce costa.                                                 caro ci costa.

 

            ‘Nu ditto antico dice                                   Un detto antico dice

            ”Mangia ca cu ‘o tuoio mangie”!                 Mangia che

 

            Ce saziamme                                                 Ci saziamo

            ‘e nu pane can un sazia,                      con un pane che non sazia,

            amaro ‘e sapore,                                            amaro è il sapore,

            nu pane senza crisceto!                                 un pane senza

 

            Comme ‘a na buscia                                      Come a una bugia

            ‘ncopp’ ‘a chella vocca                                 sopra quella bocca

            ‘e chi ….                                                        Di chi …

            t’ammosta ‘a mano                                       ti mostra la mano

            e s’annasconne mpietto                                 e nasconde in petto

‘          o fierro!                                                         Il ferro!

 

                        Inedita di Maria Grazia Zagaria.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore