Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 


MAGGIO 2018

     

IL COMBATTIMENTO SPIRITUALE

Efesini 6,10-12

 

Per il resto, attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza. Rivestitevi dell'armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo. La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.

 

LA VITA È LOTTA

S. Paolo ci esorta ad attingere forza dal Signore poiché la vita è lotta,

  1. lotta per sottomettere le nostre passioni,
  2. lotta per vincere le suggestioni del nemico che, per invidia, vuole la nostra perdizione,
  3. lotta per andare contro corrente in una società non solo scristianizzata ma anche depravata nel disordine morale più aberrante, lotta difficile, perché tutto questo viene proposto come civiltà, progresso, cultura, libertà.

Per ciò che riguarda le nostre passioni, queste sono alimentate dalle tre concupiscenze che abbiamo ereditato dal peccato di Adamo: e sono:

  1. Piacere,
  2. Avere,
  3. Potere

Per questo dobbiamo fortificarci perché i nemici ci insidiano da più fronti e i loro alleati li distribuiscono dentro e fuori di noi con maestria, quella maestria che Dio aveva loro dato per fare del bene agli uomini, loro la usano per allontanarli da Dio e travolgerli nella loro perdizione. Usare i doni di Dio contro Dio è appunto diabolico.

Quando gli angeli ebbero la loro prova prima di essere confermati in grazia, da tutti i cori angelici ci furono defezioni per cui Lucifero si fece il suo esercito di “disperati potenti”, i quali, resi cattivi dalla loro scelta scellerata, erano e sono disposti ad operare al servizio di Satana secondo le loro specificità, e quindi ad  ingannare gli uomini in relazione alle loro debolezze.

Ognuno di noi è più propenso ad uno dei vizi capitali:

  1. Superbia,
  2. Avarizia,
  3. Lussuria,
  4. Ira
  5. Gola
  6. Invidia
  7. Accidia

San Paolo parla di Principati e Potestà, di dominatori del mondo di tenebra, parla di spiriti del male che agiscono su di noi per invidia, perché noi possiamo salvarci, mentre loro hanno rinunciato per sempre alla visione beatifica di Dio. Che sorte tremenda!

Essere consapevoli delle forze del nemico ci può aiutare a prepararci alla difesa. Quando si deve fare una battaglia si misura la potenza del nemico per non essere sopraffatti, si studiano le sue strategie, i possibili tranelli, le zone fragili che abbiamo.

 

CONOSCERE IL NOSTRO DIFETTO DOMINANTE

Per noi è sommamente importante conoscere il nostro difetto dominante o vizio capitale, perché proprio quella è la zona fragile che il nemico userà per catturarci e travolgerci nel suo male.

La superbia, dice Madre Speranza, è un grande male che ha sette sfaccettature:

  1. la vanagloria, o desiderio disordinato di essere conosciuti, stimati e lodati dagli altri;
  2. la iattanza, atteggiamento di chi si loda attribuendosi qualità che non ha o esagerando quelle che ha;
  3. l'ambizione o desiderio di gloria e vanità;
  4. la presunzione che consiste nell'attribuirsi grandi qualità che in realtà non si hanno e comportandosi in maniera temeraria come se in realtà si possedessero;
  5. l'ipocrisia, o il fingersi buoni, in possesso di virtù senza averle;
  6. l'attaccamento al proprio giudizio, preferendolo a quello degli altri, anche se Superiori, in cose in cui ci si dovrebbe sottomettere;
  7. il disprezzo degli altri, avendo pochissima considerazione prima degli inferiori, poi dei pari, quindi dei Superiori, e perfino di Dio.

L’avarizia è il desiderio di accumulare beni utili e inutili e magari non usarli per paura di usurarli; è comunque un desiderio insaziabile di avere cose, affetti e opportunità per sé. E’ una forma di idolatria del proprio io, a cui vogliamo offrire continuamente i nostri tributi.

La lussuria è il desiderio sfrenato di piaceri carnali, di benessere, di gratificazioni che allietano il corpo anche se mortificano l’anima; questo difetto porta alla depravazione.

L’ira, ci rende incapaci di tollerare qualunque cosa esca dal previsto, dal prestabilito, qualunque cosa disturbi i nostri progetti e, se non controllata porta anche all’omicidio..

La golosità è legata al piacere del cibo che più è accontentato, più diventa esigente. La gola, se non moderata,  è un appetito mai sazio, capace di creare dipendenza e malattie.

L’invidia, difetto diabolico, consiste nel soffrire perché altri stanno meglio di noi, sono più considerati, godono più di noi di salute, benessere e amicizie. Molti delitti si fanno per invidia

L’accidia sembra il difetto dei pigri ma in realtà è un freno a mono sempre tirato: non si è mai disposti a niente, si rimanda sempre tutto ad altri momenti che finiscono per non arrivare mai. In realtà chi ha questo difetto non realizza quasi niente e spesso cade in depressione per inedia.

Ovviamente i demoni conoscono i vizi capitale e sono specialisti nel potenziarli in chi vedono che li possiede. I demoni, in realtà, non hanno altro potere che quello che noi diamo loro, assecondando le tentazioni. La tentazione di per sé non è un male, altrimenti Gesù non si sarebbe sottoposto ad essa, il male sta nell’assecondarla con l’assenso della nostra volontà.

Per questo Gesù ci ha detto di rafforzare la nostra volontà con la preghiera, la penitenza e il digiuno. Se ci alleniamo a non soddisfare i nostri desideri, piano piano questi non ci assillano più.

 

Il mondo, altro nemico di cui ci parla Gesù è composto dai corrotti da satana, che diventano suoi emissari. Se uno diventa schiavo di qualsiasi vizio, diventa dipendente, il dipendente  obbedisce al padrone, che in quel caso è il demonio che lo ha corrotto. Quindi tra gli uomini ci sono dipendenti di ogni tipo di male, che cercano alleati per sentirsi appoggiati dai compagni di vizio.

Così abbiamo:

  • i dipendenti dalla droga,
  • i dipendenti dall’alccool
  • i dipendenti dal gioco,
  • i dipendenti dal sesso disordinato,
  • i dipendenti dall’avarizia,
  • i dipendenti dall’accidia ecc.

Tutti questi dipendenti lavorano al servizio dei loro aguzzini, che sono esigenti e non danno sosta e cercano sempre nuovi alleati. Bisogna essere molto attenti a saperli riconoscere, altrimenti anche noi perderemo la nostra libertà.

La libertà consiste nell’essere in grado di gestire le proprie pulsioni, orientandole al nostro vero bene e, se abbiamo amore verso Dio, anche a soddisfare il desiderio di chi vuole il nostro vero bene.

TENTAZIONI TRAVESTITE

Solo un grande amore verso Dio ci può liberare dal male che ci circonda da tutte le parti e in tutte le versioni. Perché il male, spesso si presenta sotto forma di un bene di cui pensiamo di aver diritto perché ci riteniamo persone corrette.

La superbia travestita ci fa pensare proprio che Dio non può chiederci niente perché noi siamo irreprensibili.

La lussuria travestita, ci porta a farci degli sconti, staccando il piacere dal dovere.

L’avarizia travestita, ci fa ritenere giusto accumulare per il domani che non sappiamo se l’avremo e magari a sfrutta il lavoro dei dipendenti con una scarsa retribuzione.

L’ira si traveste facendoci ritenere giusto usare della nostra autorità in famiglia e fuori con rigore eccessivo ed esasperante.

La gola travestita, ci fa pensare che i peccati di gola non siano peccati, che possiamo cedere alle intemperanze salvo poi a pagarle con malattie legate agli eccessi.

Con l’invidia travestita il demonio comunica, a chi gli dà ascolto, i suoi sentimenti per cui soffrono perché altri stanno meglio, sono più agiati, si possano permettere più piaceri. L’invidia non ha giustificazioni, se s’insinua in noi dobbiamo impegnarci a purificare la mente e il cuore.

Anche l’accidia sembra un difettuccio veniale, si associa alla pigrizia per cui si rimanda sempre il bene che si potrebbe fare a un dopo che non arriva mai e quindi si perde il dono prezioso del tempo, di cui dovremo rendere conto al Signore.

 

ASCOLTIAMO MADRE SPERANZA

            Camminare vero la santità è certamente una continua lotta, però via via che, mediante un impegno costante conseguiamo delle vittorie, il nostro nemico si scoraggia e le nostre passioni si placano, salvo in alcuni momenti di prova permessi da Dio per elevarci a più alta perfezione. Così, poco a poco arriveremo a godere di una relativa calma, presagio della vittoria definitiva.

Il mondo nemico di Dio.      

Dato che il mondo è nemico di Dio, noi, dobbiamo fare tutto il contrario di ciò che esso ci propone. Il mondo di cui parlo non abbraccia tutte le persone che vivono sulla terra, ma soltanto quelle che si oppongono a Gesù e sono schiave della triplice concupiscenza. Sono, tra gli altri, i peccatori impenitenti che amano il peccato perché amano il piacere. Pertanto noi, per essere graditi a Dio, dobbiamo fuggire il mondo e le sue vanità. Evitiamo le relazioni con il mondo e le cose mondane, nelle quali saremo sempre fuori posto.

            Non dimentichiamo che la testimonianza della buona coscienza e la soddisfazione di servire Dio valgono molto più dell’ebbrezza di tutti i piaceri. Evitiamo con cura le occasioni che di continuo ci presenta il mondo; necessariamente dobbiamo in esso operare, ma cerchiamo di preservarci dal suo spirito vivendone estranei; chiediamo al buon Gesù ciò che Egli chiese all’eterno Padre per i suoi discepoli: di non toglierli dal mondo ma di preservarli dal male.

            Il mondo, sempre assetato di concupiscenze, susciti in noi solo tedio e ripugnanza, il nostro atteggiamento e il nostro modo di agire siano per il mondo e per i mondani espressione di condanna dei loro vizi e disordini. Per ottenere questo è necessario che non dimentichiamo mai che siamo stati chiamati ad essere la luce del mondo. Luce per tutti quelli che ci avvicinano e vedono le nostre buone opere, effetto della grazia e della virtù che Dio infonde nell’anima che, per amor suo e della sua gloria, disprezza il mondo e le sue vanità e si consacra a Dio e all’esercizio della carità.

Il demonio     

            Per progredire nella santità bisogna lottare, non solo contro la carne e il sangue, ma anche contro gli spiriti maligni. La divina Provvidenza permette che siamo tentati dal demonio in forza del principio generale che Dio governa le anime non soltanto direttamente ma anche per mezzo delle cause seconde, lasciando alle creature una certa libertà di azione. Però ci avverte di stare attenti e ci manda i suoi Angeli e in particolare il nostro Angelo Custode, perché ci difendano, potendo noi sempre contare sul potente aiuto della SS. Vergine e di Dio stesso per trionfare sul demonio, confermandoci nella virtù e acquistare meriti per il cielo.

            Questo mirabile agire di Dio ci dimostra quanto è grande il valore della nostra salvezza e santificazione, giacché ad esso sono totalmente interessati il cielo e l’inferno e si scatenano tanto dura battaglia attorno e anche dentro la nostra anima.

            Sì, la battaglia è dura, ma sappiamo con certezza che il demonio non può mai agire direttamente sulle nostre facoltà superiori, intelligenza e volontà, perché Dio le ha riservate per sé come suo santuario. Solo Dio può penetrare fino in fondo alla nostra anima e muovere la nostra volontà senza farci violenza.

            Il potere del demonio si esercita soltanto sopra il corpo, sui sentimenti esterni e interni, specialmente sull’immaginazione e la memoria, come pure mediante le passioni che risiedono nell’appetito sensitivo. In questo modo può intervenire soltanto indirettamente sulla nostra volontà, che in vari modi viene sollecitata dalla sensibilità a dare il suo consenso. Tuttavia resta pur sempre libera di acconsentire o di resistere alla passione. D’altra parte, anche se è tanto intenso sopra le nostre facoltà sensibili e il nostro corpo, il potere del demonio è anche limitato da Dio che non gli permette di tentarci e di tormentarci oltre le nostre forze. Se confidiamo umilmente in Dio e invochiamo il suo aiuto, possiamo essere certi della nostra vittoria nell’opera della nostra santificazione.

La nostra concupiscenza

            Non dobbiamo credere che tutte le tentazioni che ci sopravvengono sono opera del demonio; tante volte sono provocate dalla nostra concupiscenza eccitata dalle abitudini passate e dalle imprudenze presenti. E’ difficile riconoscere quando la tentazione è diabolica dato che basta la nostra concupiscenza a tentarci fortemente. Tuttavia possiamo dire senza dubbio che quando la tentazione è repentina, violenta e dura il demonio ha buona parte in essa.

Mezzo per vincere le tentazioni

            Il mezzo più efficace per combattere le tentazioni diaboliche e la preghiera umile e confidente; umiliamoci perciò davanti a Dio e confessiamoci impotenti a vincere senza il suo aiuto e, pieni di fiducia, rivolgiamoci a Lui sperando nella efficacia della sua grazia. Ricordiamo sempre che il demonio si fa forte con il debole e molto debole con il forte, e che la nostra forza sta nella preghiera e nell’unione intime con Dio. Uniti al buon Gesù, camminiamo in questo esilio lottando contro il demonio, il mondo e la concupiscenza, sicuri che questa lotta ci conferma nella vita spirituale e ci fa progredire in essa.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore