Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


APRILE 2016

     

 

AVER PIETÀ DI TUTTI PERCHÉ TUTTI SIAMO TRADITORI DELLA LEGGE DI DIO

Dal libro di don Zeno

Ha detto Gesù: "lo sono la resurrezione e la vita: chi crede in me, anche se fosse morto, vivrà". Non leggete, cari lettori, queste mie pagine senza pensare che sono fraterno atto di amore a voi perché con me cerchiate di conquistare Cristo, senza del quale saremmo morti alla vera vita. Cristo è Dio incarnato.

E per scoprirlo non basta il ragionamento del solo cervello, ma urge palpitare del suo amore.

La Vergine Madre dice: "Fate tutto quello che vi dirà lui".

Con questo capitolo ho terminato di scrivervi sulle beatitudini che sono contenute nel Discorso della Montagna tenuto da Gesù ai discepoli come discorso inaugurale della sua missione pubblica, che lo porta tragicamente al supplizio del Calvario

"Fate tutto quello che vi dirà lui". Abbiate sempre pietà di me, di voi stessi, di tutti perché tutti siamo traditori della legge di Dio, per cui scorre sangue innocente sul mondo; nascono bambini ammalati per colpa dei padri e delle madri; altri bambini vengono trucidati nell'utero materno; altri appena nati cominciano una storia di miseria e di privazioni inumane; altri vengono avviati alla schiavitù, altri vengono scandalizzati... Guardiamoci attorno: chi spende, spande, sfrutta il fratello; chi vive nelle grotte; chi precipita nella desolazione, nella disperazione, nel delitto per causa di abbandono o per causa di ingiurie sociali.

Chi potrebbe offenderci e colpirci tanto quanto meritiamo, essendo tutti insieme colpevoli di simili reati?

"Quando venite al tempio a pregare, mi volto dall'altra parte perché siete ingiusti".

Ma dove abbiamo confinato questo divino cristianesimo? Troveremo misericordia quando ci presenteremo a Dio, padre di tutti?

Tra noi siamo spietati. Ma guardiamoci attorno; aprite riviste, giornali, ascoltate il mondo che parla, guardate quelle fotografie; fatte ben rare eccezioni, sembrano il vomito di Satana, del disordine, della bestialità. I figli si nutrono di quel lerciume.

Siamo misericordiosi è Dio che ce lo comanda

 

DICE GESÙ: NESSUNO HA AMORE PIÙ GRANDE

DI COLUI CHE DÀ LA VITA PER I SUOI AMICI

Abbiate pietà di me, di voi stessi, di tutti, ma abbiate pietà di quella pietà che ci trasformi in gente nuova, che ci porti alla resurrezione, alla vita. Perché siamo cosi cattivi verso i nostri fratelli quando commettono degli sbagli? Quando ci fanno del male? Ma perché non perdoniamo, non siamo misericordiosi?

È Dio che ce lo comanda. Dio non comanda se non ciò che è costruttivo, positivo, vivo e vitale. È la nostra intima perfidia che ci rende violenti e crudeli verso il fratello quando, movendosi nel suo malanno intimo come il nostro, ci offende o ci fa del male. Troveremo misericordia al cospetto di Dio. Perdonando diventiamo uomini.

Guerrieri dobbiamo essere, guerrieri nel distruggere il male, ma vivi e generosi dobbiamo essere verso i fratelli vittime del male, verso i colpevoli.

La misericordia è forza, è onnipotenza, è da Dio in noi.

Quando qualcuno ci fa del male, perché non sappiamo vedere in lui una vittima, un caduto, un miserabile che ha bisogno del nostro amore, del nostro abbraccio fraterno? Perché non approfittiamo della triste occasione per essergli fratelli, per risollevarlo?

E se anche questo atto ci costasse la vita, non dovremmo essere lieti di donarla?

Dice Gesù: "Nessuno ha amore più grande di colui che dà la vita per i suoi amici".

E perché vogliamo avere dei nemici? Ma non sono tutti nostri amici, gli uomini? Chi ama, nell'anima sua, non ha nemici.

Abbiate pietà di me, di voi stessi e di tutti.

Non comprendiamo questo ragionamento?

Poveri noi! Povera umanità!

 

DOBBIAMO ESSERE LOTTATORI CONTRO IL MALE

MA GENEROSI VERSO I FRATELLI VITTIME  DEL MALE

Chi non ha misericordia è delinquente anche contro se stesso, uccide se stesso ed appesta il mondo di ogni delitto.

Ma se siamo cosi duri di cuore da non avere pietà per noi stessi, almeno guardiamo al nostro delitto; e dal nostro delitto vedremo la nostra miseria.

Come siamo ridotti male! Siamo talmente avvolti dal peccato che ci scarnifichiamo a vicenda senza più avvedercene.

Forse che ci sentiamo responsabili del male inflitto nei fratelli per causa delle nostre omissioni? Forse che ci sentiamo responsabili della prostituzione che semina tante vittime? Dell'abuso della ricchezza che annienta tante esistenze, popolazioni intere? Forse che ci sentiamo responsabili della discesa del popolo nel materialismo selvaggio che gli ottenebra l'anima e che gli uccide la fede? "Il mondo va alla deriva". Bisogna essere addirittura malvagi per non vederlo. Noi non sentiamo più niente; e tiriamo su i figli avvelenandoli del nostro veleno.

Abbiate pietà di me, di voi e di tutti: convertiamoci.

Preghiamo: "Abbi pietà di me, o Dio, secondo la tua grande misericordia. Crea in me, o Signore, un cuore puro e rinnova nelle mie viscere uno spirito retto".

Ma la via per ottenere quella misericordia è una sola: farci misericordiosi. Il misericordioso è un forte perché svelle in se stesso e nel popolo il cancro della malvagità umana.

(Ricerca a cura di Luciana e Pierluigi)

 

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore