Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
IL NOSTRO LOGO - ALAM

FEBBRAIO 2003

     

"TODO POR AMOR" Dada Battaglia
Sappiamo che la nostra venerabile Madre Speranza parlava della Congregazione paragonandola ad una barca.
Se proviamo a leggere per esempio la novena composta dalla Madre, nelle sue preghiere e nel commento al "Padre Nostro", c'è da attingere argomento prezioso per la nostra navigazione, e si può comprendere meglio ciò che si impegna a vivere ed a fare, colui che è salito o vuole salire sulla barca del nostro logo.
All'apparenza la nostra barchetta sembra veleggiare in acque tranquille, in uno stato di calma rassicurante: pare un invito a lasciarsi cullare, provando una sensazione di grande serenità. Che cosa vogliamo di più? C'è chi guida e governa la nave, c'è la Luce che riscalda a gratifica, c'è un mare calmo che culla e sorregge nell'azzurro di una giornata di chiarìa. Ma chi vorrà mai scendere da questo "Tabor"? Tenere sempre lo sguardo rivolto a Dio, fisso in Cristo: questo dovrebbe costituire l'essenza del nostro viaggiare. In pratica però sappiamo che rari sono i momenti di mare tranquillo; è la "bonaccia" interiore che ci dovrà aiutare a viaggiare senza paura, è la fede che ci aiuterà a non vacillare nel timore di fare naufragio.
La meditazione della Madre sul "Padre Nostro" parla di noi come figli adottivi di questo Padre, che nel logo è rappresentato come sole radiante, il quale inonda con la sua luce tutta l'atmosfera intorno e traluce dalla vela. Questo Astro, la stella più luminosa di tutto il sistema, Luce di Grazia divina, non tramonta mai all'orizzonte della nostra navigazione, ma non va perso di vista dalla nostra coscienza: è una teofania che rischiara il cammino da percorrere e ci rende sicuri di avere in essa la rivelazione di un Padre da cui attingere sicurezza, ricezione di Grazia, ispirazione e alimento per l'anima; è un Padre che perdona le nostre debolezze e ci infonde speranza.
Noi LAM, fratelli in Cristo e figli adottivi di questo Padre "solare", sentiamo intimamente nostro il pane eucaristico e, come ci esorta la Madre Speranza, non ci dobbiamo preoccupare del domani, perché il nutrimento sufficiente per ogni giorno non ci mancherà mai.
Le virtù teologali, che derivano da Dio e si manifestano nei confronti di Dio, sono la nostra forza, che spinge la vela ad approdi sicuri, protetti dal naufragare. Queste virtù risuonano e tralucono dalla vela, inondando le nostre coscienze. Se ci apriamo all'ascolto di quel suono, sentiamo la voce di Dio che illumina i nostri pensieri, riscalda i nostri sentimenti, dilata la nostra capacità di amare. Dio non ci farà mancare nulla di ciò che ci è utile per una navigazione sicura: su questo deve fondarsi la nostra fede.
La Madre poi continua il suo commento affermando che dire: "dacci oggi il nostro pane quotidiano" è un atto di carità, perché chiediamo nutrimento per tutti gli uomini, nostri fratelli: ecco una virtù teologale che ci assimila all'Amore Misericordioso. Non è facile amare tutti; amare poi il nostro nemico è difficilissimo. Portare al nostro prossimo innanzitutto la nostra persona libera da preconcetti, porta a spogliarsi della maschera dell'ipocrisia, "uscendo allo scoperto", fuori da ogni atteggiamento finto, offrendo un'immagine pulita e solare, specchio di Dio, pur con i nostri limiti; già questo atteggiamento è un accostarsi fraternamente all'altro per amarlo meglio, condividendo con lui proprio quelle fragilità, che ci fanno simili. Diventare autentici, quindi credibili, è un esercizio che richiede costanza e molto coraggio. Troppe sono le paure che ci attanagliano. Il distacco dagli affetti per le cose effimere di questo mondo, cui spesso ci si aggrappa per colmare vuoti e non rispondere alle istanze della coscienza, ci aiuta a liberarci dalla zavorra, che impedisce una navigazione spedita. Tutto ciò agevola atti di generosità, di amore, di carità vera nei confronti dei compagni di viaggio.
Questo navigare è un "guardarsi dentro" con coraggio per fare una profonda revisione della nostra vita; è voglia di cambiare radicalmente, di convertirci, fondando su nuove basi la nostra esistenza. Donarci agli altri, con compassione e misericordia, è il primo passo, il più difficile.
"Todo por amor" recita il motto del nostro logo. Rientrare in noi stessi, guardarsi nel profondo dell'animo e scegliere quella libertà, che passa sempre attraverso il perdono, è un atto di coraggio che ci apre nuovi orizzonti; è una conquista tesa ad abbandonare ogni egoismo, è volontà di amare tutti in favore di una pace, che è armonia in noi stessi e nei confronti degli altri.
Diventare buoni è fatica, per questo dobbiamo pregare Dio che ci aiuti a lasciare sempre aperto il nostro cuore alla benevolenza. Guardarsi allo specchio può fare male, perché la nostra immagine distorta ci rende irriconoscibili, ma prima o poi va fatto; è un atto di umiltà dovuto a Dio, che ci ha creati a Sua immagine e somiglianza.
"Tutto per amore" è un invito ad accogliere ed amare l'altro, ad ascoltarlo nel rispetto dei suoi limiti; disponibili a donare al fratello l'amore che Dio dona a noi, in ogni momento della nostra vita.
En placida tarde (Antico canto della Congregazione)
En placida tarde del mundo en el mar
quise una barquilla poder encontrar.
Muy pronto vi en la orilla hermosa embarcaciòn
y en popa se leìa "TODO POR AMOR".
Yo quise entrar en la nave
Y dijo asì, dijo asì el Capitàn :
"Si entrar adentro quieres del barco
preparate con ardor a luchar".
Ya va mar adentro nuestra embarcaciòn
Y Madre Speranza conduce el timòn;
las olas se levantan de la persecuciòn
y nuestra nave avanza sin miedo ni temblor.
Cuando arrecia el viento dice el Capitan:
"Hay algun codarde que quiera marchar?"
Y todas clamamos con amor filial :
" Salir de la nave, dejarte…jamàs ! "
Pedimos, Dios mio, con grande fervor
Que Madre Esperanza conduzca el timòn,
pues estando Tu y ella en nuestra embarcaciòn,
vamos todas seguras de llegar a Siòn.

Pensiero dominante (Dada Prunotto)
La notte avvolge il mio dolore
e quieta la luna
riflette nei miei occhi.
Il crepitio del legno acceso
sprofonda nell'anima:
il cuore piange.

Si fa giorno.
La vita assopisce il pensiero dominante.
Gli eventi scivolano via solitari.
Sulla piazza urla di ragazzi
Gridano una pena acerba.

Loro non sanno
E a me torna il dolore

 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore