Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 
IL NOSTRO LOGO - ALAM

MARZO 2003

     

VELEGGIARE CONTROCORRENTE Dada Prunotto
Noi cristiani abbiamo la grazia di avere un modello di coraggio che supera ogni limite comprensibile dall'animo umano: il Cristo, l'Unto di Dio, il Sole entrato nella storia e subito riconosciuto dai semplici e dagli eletti. I santi hanno saputo rispondere senza riserve a questa Luce; alcuni sono arrivati alle alte vette della perfezione, croci viventi, assimilate alla Croce di Cristo; così è stata la vita di Madre Speranza.
Il desiderio di essere amati in modo totalizzante e infine il desiderio più forte di ogni essere umano. Sarebbe bello poter dire al fratello: "Voglio amarti infinitamente"; i santi dicono così a Dio e si abbandonano con totale fiducia nelle Sue braccia. Noi non ne siamo capaci e ci tocca accontentarci di accettare la nostra pochezza.
La Madre diceva: "Dio è un Padre e una tenera Madre"; molti di noi LAM sono papà e mamme e perciò possono comprendere meglio di altri il valore profondo di questa affermazione, quando guardano agli errori dei figli con sofferenza e tanta compassione. Gli occhi di una mamma e di un papà, che volgono lo sguardo a un figlio che sbaglia, che non ce la fa ad evitare certi cedimenti, assomiglia all'occhio col quale Dio guarda noi: è un occhio benevolo che, per amore, ci dona la Sua misericordia.
L'icona del Cristo, Amore Misericordioso è l'immagine a cui facciamo riferimento per attingere forza ed esempio: Gesù è per noi modello di virtù perfetta, al quale dovremo guardare in totale e fiducioso abbandono, per lasciarci serenamente illuminare dalla Sua luce, che scalda e governa la nostra vela.
Ecco che il nostro veleggiare, spesso controcorrente, può contare su un Maestro autorevole e benevolo, ma vuole la nostra solidale collaborazione, vuole fiducia nella Sua Parola, vuole attenzione, ascolto e rispetto verso chi collabora con noi, vuole l'esercizio costante dei nostri talenti "di grazia e di natura che abbiamo ricevuto da Dio con tutto ciò che siamo e possediamo".
Mollare gli ormeggi significa osare oltre il pensabile per noi LAM: ci vuole molto coraggio.
Questa navigazione, è evidente, scioglie gli ormeggi da un porto interiore, che ha bisogno di silenzio e di contemplazione talvolta, per sentire risuonare la vela; così fede, speranza e carità possono entrare in contatto con la parte migliore di noi, per orientarci e sostenerci anche in un mare avverso.
Certamente c'è sulla barca chi è più abile ad orientarla, dando al vento il suo ruolo fondamentale: Suor Rifugio ci insegna. La Madre ha lavorato molto in cantiere per costruire con perizia la sua barca ed ha chiamato i suoi figli e le sue figlie a partecipare con amore e per amore alla nuova avventura, li ha fatti entrare in un universo pieno di fascino ma denso di impegni e di responsabilità.
Intanto, riprendendo quanto il nostro Papa va ripetendo sempre con forza, la "nuova evangelizzazione" ha bisogno di operatori credibili a cui fare riferimento, che conducano una vita "pervasa di una spiritualità concreta, una vita di fede resa viva dalle opere". Nel progetto ci siamo anche noi LAM. Noi abbiamo in Gesù, insieme Timone e Albero Maestro della nostra barca, Colui che viveva ed operava nella Madre, la quale svolgeva la sua missione con eroica tensione alla santità.
Ella ha creato una stretta intercomunicazione con coloro che sono stati i suoi figli e le sue figlie. Noi LAM siamo gli ultimi nati dal cuore della Madre e, come tali, altrettanto coinvolti nell'aspirazione alla santità. Questa dinamica di interscambio d'intenti e di Amore Misericordioso è quanto la Madre voleva fortemente fosse realizzato nel "roccolo" di Collevalenza ed ovunque i suoi figli andassero a prestare opera di apostolato.
Anche la nostra barca è un "roccolo" in missione apostolica, un roccolo itinerante.
Le sue virtù teologali sono il punto focale a cui affidare la nostra navigazione, mentre la fiducia nella Parola poggia sull'ancora della Speranza. "Sperare oltre la speranza" è una corrente contraria, è una sfida, è l'assurdo e il paradosso che si rifà alle beatitudini: la Madre ci ha insegnato con la sua vita che si può andare controcorrente.
L'esercizio dei nostri talenti intanto agevola anche una navigazione non facile di per sé, perché aiuta a governare, con competenza, abilità, coraggio e comunione d'intenti, questa barca dove i nostri Religiosi ci attendono per darci una mano.
(1) Noi siamo, unitamente alla Congregazione dei nostri religiosi, anche una chiesa della solidarietà. "La coscienza di essere debitori gli uni degli altri va di pari passo con la chiamata alla solidarietà fraterna, che S. Paolo ha espresso nel conciso invito a sopportarsi "a vicenda con amore"…. "Se disattendessimo questa lezione, che cosa rimarrebbe di qualsiasi programma "umanistico" della vita e dell'educazione?" (DM 14). Forse nell'oggi della storia, è proprio su questa via che la Chiesa è chiamata a realizzare il suo compito tipico e qualificante di servizio e di promozione dell'uomo. Ed è di questo Amore Misericordioso che il nostro oggi ha bisogno.
Un mondo senza misericordia è sulla via di essere disumano. Con tutte le forze bisogna muovere verso la "civiltà dell'amore". E il credente sa che nulla è impossibile a Dio e che bisogna coltivare la speranza altre la speranza". Dada (continua al prossimo numero)

(1) Omelia di Monsignor Lorenzo Chiarelli, vescovo di Viterbo, presso la basilica dell'Amore Misericordioso a Collevalenza (vedi settembre 2002; vedi"L'Amore Misericordioso" di ottobre 2002)


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

IL CALENDARIO Iolanda Lo Monte

Calendario che segni
il tempo della nostra vita,
appeso alla parete tutto l'anno,
con pazienza infinita.
A nessuno passi inosservato,
sovente ti sfiora il nostro sguardo,
sembri quasi animato.
A tutti i nostri appuntamenti
sei sempre presente.
Segni la misura del tempo
costantemente.
Porti gioia nelle ricorrenze
in cui si accendono tante fiammelle,
e si brinda felici in allegria.
Ma come scorri veloce, HO SOLTANTO UN AMICO Iolanda Lo Monte
Calendario mio!
Ci rubi gli anni più belli, Ho soltanto un Amico, sta in cielo,
gli anni del desio. è un Amico senza interessi, un Amico vero.
Frequento tante persone,
ma non scaldano il cuore,
sono sorelle davanti al Signore,
con loro passo un'ora in compagnia,
ma con Lui resto felice in casa mia.

 

 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore