Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


DICEMBRE 2013

     

DISPONIBILITA’ ALL’ASCOLTO Dada

 

FAMIGLIA           

            La stessa disponibilità all’ascolto e alla comprensione, lo stesso atteggiamento umile e silenzioso sono dialogo muto.

            Il primo dialogo può essere esempio silenzioso di amore e di disponibilità nel voler capire i nostri figli, al di là delle parole.

            Questa del silenzio disponibile al dialogo è una regola che vale per tutti, se vogliamo “fare famiglia”.

            Ma in famiglia avvengono anche vivaci discussioni, dove ognuno si arrocca sulle proprie convinzioni.

            Magari dando un po’ di tempo perché le acque si calmino, perché non tornare sui propri passi, riconoscere i nostri torti e le nostre fragilità? E’ un esempio di civiltà, di rispetto, di voglia di dialogo sincero e pacato che fa bene a tutti, non solo ai nostri figli.

            Cercare punti in comune in famiglia è bello, stimolante, arricchente; nostra figlia lo sa, ma non sempre lo mette in pratica. Vedremo: diamo tempo al tempo.

            I nostri figli devono conquistare la nostra fiducia, devono poterci stimare e sentire il desiderio di parlare con noi; e noi genitori dobbiamo dare sempre la nostra disponibilità al dialogo, per crescere insieme.

            Il miglior regalo che possiamo fare ai nostri figli è quello di donare loro molto del nostro tempo, delle nostre fatiche, dei nostri pensieri, per vivere insieme le nostre emozioni. Imparare, genitori e figli, a coniugare la parola TEMPO con la parola LENTEZZA. Non occorre, rimandare ciò che è rimandabile, per stare insieme il più possibile. Spegnere la TV finalmente e con essa spegnere i rumori della vita, per concedere al cuore di parlare, senza distrazioni, ma semplicemente aprendosi all’amore. La comunicazione è un rapporto di fiducia che si costruisce nel tempo. Bisogna coltivare momenti di ritrovo.

            Il Natale in casa nostra si festeggia da tanti anni senza la presenza di nostra figlia. Me ne ha spiegato le ragioni, ne abbiamo parlato: condivido qualcosa, ma non tutto ciò che porta quale scusante. Cerco di usare creatività mentale, per rimediare almeno in parte a questa sua sistematica defezione e poi mi pongo in attesa, per riparlarne chissà quando e chissà come.

            L’attesa è tempo che va a rilento, può essere un pezzo d’amore ferito, da ricostruire, che prende forma e significato nella misura in cui viene ricollocato nel nostro cuore, purificato da ogni forma di inquinamento.

            Aspettare fiduciosi, come fece il Padre misericordioso della parabola, è un dovere dei genitori, che non devono mai arrendersi.

            Quali torti ebbe il figlio prodigo lo sappiamo tutti, ma degli errori del padre non se ne è mai parlato (Nella parabola non è necessario).

            Avrà sbagliato anche lui qualche volta come tutti noi genitori, seppure per amore, e avrà posto rimedio, ne sono certa, perché ha sofferto ed amato. La sofferenza è grande maestra di vita.

            I nostri stessi figli sono per noi scuola di vita, e spesso creatori di grandi dolori.

            Le difficoltà che ci creano, i problemi che sollevano ci aiutano a ridimensionare le nostre convinzioni, ad avere una visione più ampia e più elastica della vita, ci aprono nuovi orizzonti e ci pongono sempre di fronte alla nostra coscienza, senza deroghe.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore