Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


GENNAIO 2014

     

MENTE E CUORE PER COSTRUIRE UN MONDO NUOVO Dada

CULLA

            “L’architettura deve aver qualcosa che fa appello al cuore umano” (K.T).

 

            “Viviamo in un mo-mento dove coesistono grandi incompatibilità: dimensione u-mana e dimensione sovru-mana, stabilità e mobilità, permanenza e cambiamento, identità e anonimato, intelli-gibilità e universalità” Così il grande architetto giapponese Kenzo Tange che applica queste riflessioni per costruire case e grattacieli, ma che si possono applicare anche alla famiglia, primo nucleo della società in continua evoluzione.

            La famiglia è come una struttura architettonica, compo-sta da vari elementi, duttile e in continuo cambiamento. Non sempre le trasformazioni sono uguali per tutti, né vengono recepite allo stesso modo, talvolta sono dolorose e non prive di conseguenze complicate. E’ necessario confrontarsi con tutte le realtà, anche se controverse, dove l’approccio può essere molto difficile e richiedere una certa delicatezza d’animo. Questo si può riscontrare, per esempio, quando si tratta di preparare i figli ad affrontare le difficoltà della vita, una volta che si sono inseriti nel mondo del lavoro, della scuola o di altre realtà, che richiedono comunque forza e determinazione. Se c’è crisi in famiglia è necessario cambiare qualcosa, rivedere la situazione sotto tutti gli aspetti possibili, non lasciando nulla di intentato, né dando per scontato qualcosa, pena l’abitudinarietà, così deleteria e vicina al sopore dei sentimenti. Spesso si tratta di dare una nuova dimensione e un nuovo assetto a tutti i componenti, rivedendo con spirito critico il ruolo di ciascuno, senza sconti e con coraggio. Mai abbandonare la dialettica e il confronto rispettando le differenze senza usarle a motivo di conflitto, ma confrontandosi sulle differenti opinioni. La diversità nell’armonia è sempre positiva.

            Continua K. Tange: “(…) Mi piace pensare che ci sia qualcosa di profondo nel nostro mondo della realtà che creerà un equilibrio dinamico tra tecnologia ed esistenza umana, una relazione tra ciò che ha un effetto decisivo sulle forme culturali contemporanee e la struttura sociale”.

            Che cosa ci può essere di così profondo nella famiglia da creare un “equilibrio dinamico”, quale relazione è bene stabilire tra la famiglia e il mondo in cui è inserita, per renderla partecipe della creazione di una società e di un habitat veramente a misura d’uomo?

            Kenzo Tange impone all’architetto il compito di partecipare alla creazione di una società piuttosto che di un’architettura, o meglio la costruzione materiale di oggetti è il mezzo per perseguire la costruzione spirituale di soggetti.

            Per godere di un equilibrio armonioso la famiglia ha bisogno del trascendente, che faccia da collante e stabilisca in modo dinamico uno stretto rapporto d’amore tra genitori e figli e di tutti con Dio. In questo modo la famiglia diventa un modello di società in trasformazione, attenta ai tempi in cui opera, ma sempre permeata da quello spirituale, che dà dignità all’uomo. Lo spirituale deve vivere nell’arte (“Lo spirituale nell’arte” di Kandinskij), nelle nostre azioni del quotidiano, nelle scelte di vita, nel nostro lavoro, sempre presente l’interesse critico e svolto con intento positivo, ai cambiamenti è inevitabile e necessario per costruire un forte tessuto sociale.

            Il pensiero di Kenzo Tange attrae a fa riflettere; egli lo applica al mondo dell’architettura, per costruire grandi edifici, che rispondano alle esigenze del nostro tempo! Il vero architetto deve essere anzitutto un creativo, ricco di umanità, che lavora e costruisce nel rispetto dell’uomo. Ma la sua espressione artistica deve partire sempre da una formazione mentale, che supera la semplice tecnologia, per raggiungere l’anima e tutte quelle discipline, dalla sociologia alla psicologia, all’antropologia che sono indispensabili per operare in una società complessa, talvolta contraddittoria, spesso sbandata, e in continuo cambiamento.

            Ma per costruire veramente bisogna essere ricchi di una ricchezza che coinvolga tutta la persona: anima e mente, intelligenza e volontà. I grandi cambiamenti nel singolo come nella società nel suo insieme, lasciano un segno indelebile nella storia dell’uomo, nella misura in cui sono intrisi di spiritualità, a qualunque religione o pensiero umano sono legati.

            La famiglia del nostro tempo perciò ha un ruolo assai difficile ma determinante nella società moderna, così facile ai cambiamenti e con grandi potenzialità. Non deve mai mancare la forza e l’intento di costruire qualcosa di solido.

            Come il bravo architetto e il buon ingegnere progettano strutture atte a durare nel tempo e a migliorare la qualità della vita di chi vi abita, così la famiglia deve essere consapevole che le basi solide della sua struttura poggiano sul cemento armato dell’amore, nella consapevolezza che ogni elemento che la compone deve usare le armi della volontà, dell’intelligenza e della cultura. Si otterrà quindi una struttura flessibile e forte come l’acciaio e duttile come il cemento armato.

            Non ritengo che la famiglia, in una società complessa quale è la nostra, possa farcela sempre da sola. Ci vorrebbe una preparazione alla famiglia, fatta in modo sistematico e culturalmente programmata, partendo in primis dall’esempio e dalla testimonianza, dalla collaborazione di quei genitori di provata esperienza, che si mettono a disposizione con generosità, per aiutare le nuove generazioni a progredire sulla via della civiltà.

            E’ molto difficile passare dalla teoria alla pratica, perché se si capisce che molto deve cambiare nella società, per salvarla dall’autodistruzione, è altrettanto complesso cominciare a costruire dei cambiamenti significativi.

            La persona singola, tuttavia, può fare molto, iniziando a cambiare dentro di sé, radicalmente. Ma bisogna reimparare ad andare adagio, e anche a fermarsi qualche volta, per un po’ di tempo, per riflettere, e non più tornare a correre senza sapere bene dove stiamo andando.

            E’ necessario porsi in autentica e costruttiva relazione con le persone, per trasformare dal di dentro la società, dandole qualità, sobrietà, cultura dell’amore, educazione alla pace e alla solidarietà, voglia di partecipazione, senso civile, nel significato più alto del termine. Allora soltanto i nostri figli sapranno che la vita vale la pena che sia vissuta nella sua pienezza, anche quando la sofferenza, il lutto, ci danno la misura della nostra precarietà.

 

*   Kenzo Tange è uno degli architetti più famosi del novecento. Nasce ad Osaka nel 1913 e muore a 91 anni mentre segue i lavori dell’Hotel Romano di Napoli, che non vedrà finito.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore