Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


NOVEMBRE 2013

     

L’IMPORTANZA DEL DIALOGO “SILENZIOSO”

FAMIGLIA            Anni fa ho parlato su queste pagine di emergenze planetarie, trascurando una grande emergenza sociale, molto importante, che penalizza tante famiglie nel mondo: I rapporti familiari.

            La vita frenetica che si conduce troppo spesso si svolge all’insegna della nevrosi collettiva, con una costante: soddisfare le nostre ambizioni, dal benessere dei figli alle vacanze di cui non si può fare a meno, all’ampliamento dell’attività lavorativa, alla ricerca di un posto di prestigio nella società, ecc ecc. Si cerca infine soddisfazione nella “quantità” a scapito della “qualità”. Sono gli errori del benessere. Ma ora qualcuno comincia a capire. Pagare lo scotto di questa opulenza qualcuno lo chiama disgrazia, altri capiscono che è un bene per l’umanità. I nostri giovani dovranno conoscere finalmente la parola “sacrificio” e noi, vecchia generazione, avremo una cosa in più da imparare. L’occidente si sta impoverendo, ma questa è una grazia, perché avremo più tempo per coltivare le relazioni umane, prima di tutto in famiglia. Mancando i soldi molte cose non si possono fare, si sta di più in casa, c’è più tempo per riflettere; si spera ci sia più tempo per ascoltare.

            L’abitudine pessima di tenere accesa la TV anche durante i pasti, proprio quando la famiglia è riunita in un incontro conviviale, che potrebbe dare ottimi frutti in termini di comunicazione e di umanità, ci fa immagazzinare notizie sempre più devastanti per la psiche dei nostri figli, e non solo.

            La guerra, i suicidi, gli omicidi, gli odi atavici che generano delitti efferati, sono all’ordine del giorno e passano nelle immagini a colori della TV come fosse tutto uno spettacolo, mentre si fissano nell’inconscio delle persone.

            Attraverso i messaggi che questa immagini ci trasmettono, facilmente ci si può trovare esposti a quelle malattie della psiche raccolte sotto il nome di DEPRESSIONE.

            La depressione, la chiusura in se stessi, l’ansia, lo stress, la ribellione alle regole della società civile, sono in realtà vie di fuga. Si esce di casa, si va in cerca di qualcosa di alternativo alla famiglia /che impone delle regole), alla TV che trasmette gli orrori della guerra e contemporaneamente la banalità deleteria del “Grande Fratello” piuttosto che all’Isola dei famosi” e via dicendo.

            Si esce, si va in cerca di qualcosa di diverso che non faccia pensare. Qualsiasi compagnia va bene, si diventa disaffettivi e alienati: il gruppo, il “branco di balordi”, la discoteca, la musica assordante, il narcisismo di un fisico “palestrato” da esibire sulle spiagge, veri condomini della vanità, le droghe chimiche che trasversalmente intaccano tutta la società: dall’insospettabile avvocato al ragazzo di borgata, al liceale, sono tutti “sballi”. Tutto è droga, tutto è sballo. Anche il sesso facile è “sballo”, è un’emozione nuova, un divertimento, è consumismo, è l’uso del corpo come un mezzo di piacere.

            Noi accusiamo di superficialità i nostri figli, tuttavia non sempre questa connotazione è calzante. La superficialità può diventare scudo per non soffrire troppo di quell’ansia, di quello stress, che caratterizzano la società odierna. Ma quando, attraverso la ricerca di un dialogo, si tenta di parlare con i nostri figli, spesso penalizzati da esperienze negative, ci accorgiamo che dietro il loro disagio esistenziale, c’è tanta ricchezza, c’è amore ferito che non sanno esprimere.

            Tocca a noi il delicato compito di porci all’ascolto dei nostri poveri figli. E’ un dialogo qualche volta difficile, che essi spesso rifiutano e che diventa sovente soltanto un monologo urlato, sofferto, accusatore. Anche questo, comunque, è “dialogo” sui generis. Non sempre le parole esprimono bene ciò che il silenzio sa dire in modo esplicito.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore