Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


OTTOBRE 2013

     

 

 

NOI-GENITORI 1CHE MADRE SONO? Dada

 

            Se mi chiedessero che tipo di madre sono, mi troverei per un momento spiazzata. E’ una domanda che non mi sono mai posta, sempre occupata come sono ad affrontare la mia situazione di madre, quasi fosse una sorta di emergenza da affrontare e risolvere con tempestività, spirito creativo, senso pratico e amore.

            Che madre sono stata? Credo una madre qualunque con le contraddizioni di un essere umano qualsiasi. Sono anch’io cresciuta negli anni insieme a mio marito e a mia figlia, pensando alle cose del quotidiano, a come risolverle al meglio, senza danneggiare nessuno. Come posso fare delle dichiarazioni definitive su ciò che sono o sono stata nella mia vita di madre? Con un certo fastidio ho sentito dire da qualche genitore: “Sono stato un buon padre – Sono stata una buona madre”. Sono certezze senza basi serie. Sono una buona madre nella misura in cui vengo apprezzata ed amata da mia figlia? O perché ho fatto dei sacrifici per allevarla al meglio delle mie possibilità? Ma questo si sa: un figlio comporta sacrifici di ogni genere, quando sta bene di salute. Si può immaginare quando invece la sua salute malferma è il fattore che gli condiziona la vita.

            Dunque, io di certezze non ne ho.

            Quando Anna è nata avevo 28 anni, ora ne ho 70 e continuo ad essere madre. Sarà cambiato qualcosa della mia vita nel frattempo?! E quanti cambiamenti avranno influito nell’equilibrio dell’intera famiglia?! Mia figlia non è un elemento a se stante; noi siamo un corpo unico: genitori e figlia. Diffidare di chi ha solo certezze, perché quanto meno significa che costui dalla vita non ha imparato niente, ma è rimasto quello che era a 20 anni, o anche prima! E questo è grave. Costruire un rapporto vero con i propri figli è un’avventura avvincente, che spesso genera contraddizioni esistenziali non da poco. Tuttavia non sempre queste contraddizioni sono o si rivelano nel tempo esperienze negative. Anzi personalmente amo certe contraddizioni, perché esse comunque generano vitalità, procedono nel tempo creano una certa dialettica utile a tutta la famiglia.

            Una contraddizione molto forte ed evidentissima è quella che si genera tra la tecnologia e l’esistenza umana. Per esempio: i nostri figli non possono fare a meno dell’uso del telefonino, anche mentre mangiano, o quando sono in compagnia degli amici per passare il tempo libero, comunicare, divertirsi.

            Si è già detto tante volte che il gruppo è indispensabile ai giovani, perché non riescono a stare soli, né organizzare qualunque cosa senza di esso. Ma poi nel gruppo si isolano e “giocano” con i loro telefonini. Finiscono con lo stare insieme senza porsi in relazione.

            Ecco il divario: il progresso tecnologico non aiuta a comunicare, è alienante. La contraddizione sta proprio nel non essere in grado di vivere un equilibrio dinamico tra tecnologia ed esistenza umana. Io penso che non bastino i genitori da soli a sbloccare questa situazione, che crea tanti problemi in famiglia e nella società, ma che la scuola ed altre strutture derivanti e socialmente utili, abbiano un ruolo fondamentale nella formazione dei nostri figli. Il discorso andrebbe lontano. Si sa che la scuola va riformata alla radice e che la preparazione dei docenti è ormai obsoleta. Materie quali Scienze, Tecnologia, Educazione civica, Antropologia, Igiene, Anatomia, Sessuologia, Musica, Arti visive e Arti applicate, non dovrebbero essere soltanto retaggio di alcune specializzazioni universitarie, ma andrebbero insegnate in tutte le discipline, a partire dalla Scuola primaria.

            Dico questo per sottolineare che i genitori e i loro figli vanno avanti nella vita di pari passo, crescendo insieme. La differenza che padri e madri hanno, nei confronti dei loro figli consiste nelle grandi responsabilità che non sempre essi sono all’altezza di affrontare da soli e al meglio; ma la colpa non è di qualcuno in particolare. E’ la società che deve cambiare, sono le sue istituzioni che vanno svecchiate.

            Io dunque sono una madre inserita in una società che in qualche modo ha influito anche nella mia formazione. Nella misura in cui queste premesse hanno influito sulla mia vita, sono stata una madre che ama ed ha amato sua figlia, sbagliando o facendo cose giuste, come tutti. Non diciamo di essere stati bravi, non è il caso.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore