Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Familiaris consortio (cammino di formazione 2020-2021)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


GENNAIO 2014

     

Preghiera alla Santa Famiglia

 

Gesù, Maria e Giuseppe,
in voi contempliamo
lo splendore dell’amore vero,
a voi con fiducia ci rivolgiamo.

Santa Famiglia di Nazareth,
rendi anche le nostre famiglie
luoghi di comunione e cenacoli di preghiera,
autentiche scuole del Vangelo
e piccole Chiese domestiche.

Santa Famiglia di Nazareth,
mai più nelle famiglie si faccia esperienza
di violenza, chiusura e divisione:
chiunque è stato ferito o scandalizzato
conosca presto consolazione e guarigione.

Santa Famiglia di Nazareth,
il prossimo Sinodo dei Vescovi
possa ridestare in tutti la consapevolezza
del carattere sacro e inviolabile della famiglia,
la sua bellezza nel progetto di Dio.

Gesù, Maria e Giuseppe,
ascoltate, esaudite la nostra supplica. Amen.


 

Francesco

 

            Ho voluto riportare, all'inizio di questa riflessione, la preghiera che Papa Francesco ha recitato al termine dell'Angelus di domenica 29 dicembre 2013, festa della Sacra Famiglia di Nazareth. E' una preghiera da lui stesso composta e quindi è anche indicativa di ciò che il Papa pensa della famiglia e di che cosa egli si augura per il bene di questa istituzione. A questo proposito, mi sembrano particolarmente significative le righe nelle quali prega perché “il prossimo Sinodo dei Vescovi possa ridestare in tutti la consapevolezza del carattere sacro e inviolabile della famiglia, la sua bellezza nel progetto di Dio.”

Vediamo quindi che il Papa ribadisce due concetti essenziali:

1) la famiglia è fin dall'eternità inserita nel progetto di Dio

2) la famiglia ha un carattere sacro e inviolabile

            1) Il capitolo secondo della Genesi ci presenta la famiglia come la prima istituzione creata da Dio e formata dall'unione di un uomo e di una donna che a vicenda si completano e procreano, dando quindi origine ad altri esseri viventi. “L'uomo abbandonerà suo padre e sua madre e i due saranno una carne sola” (Gen., 2, 24): questo è il comandamento che Dio dà all'uomo prima ancora del peccato. La disobbedienza di Adamo e della donna che Dio gli aveva dato come rimedio alla sua solitudine provoca la loro cacciata dal Paradiso terrestre, ma non la loro disunione. Insieme daranno vita all'umanità intera: “L'uomo chiamò la moglie Eva perché essa fu la madre di tutti i viventi” (Gen., 3, 20)

            2) La sacralità della famiglia deriva proprio dal fatto che ad essa Dio ha affidato il compito di trasmettere il dono della vita umana, quello cioè “ di realizzare lungo la storia la benedizione originaria del Creatore, trasmettendo nella generazione l'immagine divina da uomo a uomo” (Familiaris consortio, II, 28).  Nel breve discorso pronunciato prima dell'Angelus, il Papa aveva sottolineato che al momento dell'Incarnazione, Dio - come per ricordare al genere umano la santità di questa istituzione - “è voluto nascere in una famiglia umana, ha voluto avere una madre e un padre, come noi”.  Inoltre, la Chiesa sa che il bene della società è indissolubilmente legato al bene della famiglia e quindi “sente in modo più vivo e stringente la sua missione di proclamare a tutti il disegno di Dio sul matrimonio e sulla famiglia, assicurandone la piena vitalità e promozione umana e cristiana, e contribuendo così al rinnovamento della società e dello stesso Popolo di Dio”( Fam. Cons., Introduzione). E' questo il motivo per cui il Papa prega e ci invita a pregare perché il Sinodo dei Vescovi riesca a ridestare in tutti (non solo nei cristiani, dunque) la consapevolezza del carattere sacro e inviolabile della famiglia.

            La preghiera dell'Angelus del 29 dicembre si è svolta in video-collegamento tra Piazza San Pietro e i fedeli presenti nella Basilica dell’Annunciazione a Nazareth, nella Santa Casa di Loreto e nella Basilica della Sagrada Familia di Barcellona. Nel commentare questo momento, monsignor Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia, ha detto: “A me pare un’esperienza particolarmente significativa, perché si tratta di sottolineare la decisività della famiglia da quella di Nazareth”. Potremmo dire: “Gesù è il Figlio di Dio, è il Creatore stesso, eppure anche Lui, venendo sulla Terra, ha avuto bisogno della famiglia”. E’ ovvio che viene da dire immediatamente: se così Lui, quanto più noi! E credo che sottolineare oggi la dimensione centrale della famiglia nella vita e dei singoli e delle società oltre che della Chiesa, sia quanto mai significativo”.  Monsignor Paglia ha anche detto, (rispondendo alla domanda di un giornalista): “Io direi che la Chiesa sta dando – con Papa Francesco ma anche con i precedenti, particolarmente Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto – indicazioni su come ci si debba porre di fronte alla famiglia. Infatti, il Papa convoca tutta la Chiesa a mettere al centro delle sue preoccupazioni la famiglia. Infatti, è vero oggi che la famiglia lasciata sola è come in balìa di una cultura che le è nemica: ecco perché è indispensabile che, pur nella trasformazione della famiglia, ci si renda conto che se essa viene distrutta, viene distrutta la stessa società. Non possiamo lasciar correre in maniera rassegnata una cultura individualista che elimina il “noi”, a incominciare dal primo che tutti incontriamo appena nati, quel “noi” della famiglia che è come un genoma che poi sostiene e solidifica le città, le nazioni, i popoli fino alla famiglia dei popoli. Ecco perché parlare di famiglia, oggi, non vuol dire parlare di un aspetto: vuol dire parlare dell’intera società. E ce n’è bisogno.”

 

***

            In questi giorni, RAI Uno sta trasmettendo una miniserie a puntate intitolata “Un matrimonio”, con la regia di Pupi Avati, un regista che conosciamo per la sua attenzione ai problemi dei giovani e della famiglia (ricordate “Un bambino cattivo” da poco trasmesso in TV?)  E' la storia di una famiglia (in parte ispirata a quella  stessa del regista) seguita a partire  dal 1948, l'anno in cui i due protagonisti si innamorano e si sposano, dando così inizio ad un matrimonio che durerà appunto 50 anni, una situazione che oggi appare fuori dal comune: 'appare' dico, perché poi in realtà sono per grazia di Dio ancora molte le coppie unite per tutta la vita, anche se rischiano di divenire sempre di meno. Monsignor Paglia, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera, ha commentato favorevolmente questo film di Pupi Avati ed ha sottolineato che nel mondo di oggi  “tutto sembra voler dimenticare la famiglia nata da un matrimonio. Il mondo del lavoro, per esempio, che ignora i tempi e i ritmi necessari per allevare figli. La stessa politica, che non vara le misure adatte. Eppure la famiglia resiste a tutto questo, è anzi ancora maggioritaria come sentimento diffuso, e andrebbe riposta al centro dell’economia, della cultura, appunto della politica e del mondo produttivo”.

            Proprio per ricordare ai giovani che il “sì” del matrimonio dovrebbe essere un “sì” per sempre, mons. Paglia ha invitato il Papa ad incontrare i fidanzati in occasione della festa degli innamorati. L'incontro si svolgerà il giorno 14 febbraio 2014 nell'Aula Paolo VI alle ore 11.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore