Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


GIUGNO 2014

     

 

IL PAPA CHE IL SIGNORE CI HA DATO

PAPA FRANCESCO

            In questi mesi ho cercato di dare eco su questa pagine alla parola del Papa: ho scelto di sottolineare nei suoi interventi tutti i passi nei quali ha parlato di vita e di famiglia. L'ho fatto principalmente per due motivi:

  • questi sono i temi che come Comunità d'Amore, nata dall'espe-rienza dell'Incontro coniugale,  noi tutti - credo - sentiamo con maggiore forza e nei confronti dei quali ci sentiamo più impe-gnati;
  • nei discorsi del Papa questi temi, pur spesso presenti, sono poco enfatizzati. Lui stesso ha scelto di non insistervi troppo (poiché sa che ci sono anche altri temi di carattere più ampiamente sociale dei quali è bene parlare) e d'altronde i media ben volentieri 'dimenticano' di riportare le sue parole  intorno a questi argomenti. Capita così che tutti sappiano ciò che il Papa dice sugli immigrati e sui poveri, ma che nessuno sappia quello che ha affermato a proposito di famiglia, di aborto o di eutanasia.

            Era bene quindi, attirare l'attenzione di noi tutti su questi aspetti della pastorale di papa Francesco, perché il suo messaggio non fosse travisato e/o ridotto. Spero di avere reso un servizio utile, anzitutto a me stessa, e a tutti coloro che hanno letto quello che mese per mese ho proposto. Spero, soprattutto, di aver contribuito a rendere più completa l'informazione su quello che il Papa dice.

            Forse abbiamo un po' tutti l'impressione che continuamente giornali, radio e televisioni si occupino del Papa e di lui ci narrino - molto più che non per i precedenti pontefici - tutto, ma proprio tutto, quello che dice e che fa.  Io non credo che sia così. A me pare che in realtà, i media ci raccontino tutto quello che a loro sembra  corrispondere al pensiero comune dominante, tutto quello che può essere utilizzato per far passare l'immagine di un papa moderno, innovatore, riformatore se non addirittura rivoluzionario. Questa è l'immagine del Papa che fa comodo al mondo, perché può essere utilizzata per mettere in cattiva luce la Chiesa come tale e il papato come istituzione. E' come se persone che non si sono mai interessate veramente della Chiesa e del Papa se non per denigrare la religione cristiana e sottolinearne - dal loro punto di vista -  l'arretratezza e la distanza dal 'mondo' dicessero: il disprezzo che noi, da sempre  oppositori della Chiesa e della religione cristiana, nutrivamo, era motivato. Questo Papa l'ha finalmente capito, ci dà ascolto e ragione, cambierà tutto - regole, consuetudini, istituzioni - e la Chiesa sarà completamente diversa, sarà - si badi - come noi avevamo sempre detto che dovesse essere.

            Mi viene in mente un vecchio proverbio che ho sentito tante volte ripetere da mio padre, a volte seriamente, a volte scherzando: "Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima".  Un interesse così continuo e  pressante per il Papa, per quello che dice e che fa, per ciò che avviene nella Chiesa non mi sembra - a mia memoria - di averlo mai constatato. A me viene il dubbio che questo 'accarezzamento' nasconda in realtà il tentativo di 'appropriarsi' della figura del Papa, per 'usarlo' contro la Chiesa, che è quanto di più eretico e blasfemo ci possa essere

            Non vorrei che il mio ragionamento fosse travisato, perciò cercherò di spiegarmi ancora meglio. Io credo che il Papa sia per noi cristiani cattolici un bene prezioso: a Pietro e ai suoi successori, Gesù ha affidato la Chiesa che è il Suo Corpo. Il Papa è, per dirla con Santa Caterina da Siena, il dolce Cristo in terra. Al momento della sua elezione, lo Spirito Santo soffia sui cardinali riuniti in conclave e, attraverso vie misteriose che solo Lui conosce, li guida nella scelta del nuovo Pietro. Perciò, non c'è ombra di dubbio: quello che viene eletto è esattamente colui che il Signore ha prescelto. Solo che noi uomini siamo poi capaci di rovinare anche il dono più bello: ed è così che poi ci sono papi incompresi e oltraggiati e papi osannati e acclamati dalle folle.  Può essere che entrambi questi atteggiamenti siano impropri. Noi cattolici dobbiamo amare il Papa, considerarlo come il nostro punto di riferimento, ascoltarne gli insegnamenti, sia quando ci sembrano difficili da comprendere sia quando ci appaiono semplici e alla nostra portata; può essere che oggi il Signore ci abbia inviato questo Papa, proprio "per la durezza del nostro cuore", perché con la semplicità del suo linguaggio possa aiutare la Chiesa - e noi tutti - a mantenerci saldi nella fede e non certo per stravolgere la dottrina e 'adattare' (!) ai nostri tempi la parola di Gesù.

            Vorrei riprendere una sorta di 'slogan' che il Papa spesso usa e rivolgere a tutti noi una esortazione:

            NON LASCIAMOCI STRAPPARE IL PAPA! Non lasciamo che i giornali e le televisioni ne facciano un personaggio da 'sbattere' ogni giorno in prima pagina. Non permettiamo che venga 'tirato per la tonaca' da parti opposte e che le sue parole vengano utilizzate per combattere la Chiesa e la Parola di Gesù, che è immutabile ed eterna, perché è divina.

            Tocca spesso ai Papi di  'offrirsi' in sacrificio, di esporre la propria persona alle critiche ed alle incomprensioni: penso a Pio XII,  accusato di non essere stato abbastanza duro nei confronti dei nazisti mentre ora finalmente anche l'opinione pubblica comincia a rendersi conto di quanto al contrario egli abbia agito con saggezza e prudenza e di quante vite abbia salvato; a Giovanni XXIII, che tanti ostacoli incontrò nella stessa Curia quando decise di convocare il Concilio Vaticano II; penso a Paolo VI così duramente criticato al momento della pubblicazione della Humanae vitae; penso infine a Benedetto XVI, di cui pochi riconoscono il martirio di aver dovuto occuparsi di fare pulizia di fronte a crimini orrendi, caricandosi sulle spalle e sul cuore la vergogna e il dolore per colpe commesse da altri. Può darsi che a  papa Francesco tocchi un diverso martirio: quello di essere osannato dal 'mondo' come se fosse 'del mondo', mentre al contrario il suo unico desiderio è quello di portare a tutti l'amore e la misericordia del Signore.

            Tocca a noi difendere il nostro Papa da consensi almeno per ora troppo diffusi per essere veramente sinceri e disinteressati. Vogliamogli bene come al dolce Cristo in terra, Non lasciamocelo strappare da chi vorrebbe separarlo dalle sue pecorelle, pur sapendo che non possiamo fermare o ostacolare la generosità del pastore che va incontro a quella parte del gregge che è ancora lontana dall'ovile.

                                                                                              Antonella

 

*****************************

         

          Grazie, Antonella, per le parole sagge che hai rivolto ai nostri lettori. Capire la verità nell’era della “comunicazione” (!) è davvero difficile, ma noi speriamo nel Signore, “Via, Verità e Vita” e ci conforta la sua affermazione infallibile “Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa”. (Mt 16,18)

            La Chiesa è nelle mani sicure di Dio. Teniamoci anche noi saldamente in queste mani e non avremo paura di niente e di nessuno.

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore