Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


GIUGNO 2015

     

IL MATRIMONIO CRISTIANO

 

            Nelle udienze del mercoledì, il Papa continua ad occuparsi della famiglia: lo fa con il suo solito stile, semplice  e piano, ma ciò non gli impedisce di affrontare problemi anche particolarmente seri e fondamentali per la vita  delle famiglie.

Questo mese mi soffermerò in particolare sui discorsi pronunciati dal Papa nei giorni 29 aprile e 6  maggio.

 

Il capolavoro di Dio creatore: l'uomo e la donna che si amano

 

            Nell'udienza del  29 aprile  il Papa prende le mosse dall'episodio evangelico delle nozze di Cana e ci ricorda che Gesù

il primo dei suoi segni prodigiosi, con cui Egli rivela la sua gloria, lo compì nel contesto di un matrimonio, e fu un gesto di grande simpatia per quella nascente famiglia, sollecitato dalla premura materna di Maria. Questo ci fa ricordare il libro della Genesi, quando Dio finisce l’opera della creazione e fa il suo capolavoro; il capolavoro è l’uomo e la donna. E qui Gesù incomincia proprio i suoi miracoli con questo capolavoro, in un matrimonio, in una festa di nozze: un uomo e una donna. Così Gesù ci insegna che il capolavoro della società è la famiglia: l’uomo e la donna che si amano! Questo è il capolavoro!

I giovani e il matrimonio

            Il Papa poi riflette sul fatto che oggi i giovani sembra non vogliano sposarsi   e si chiede:

perché i giovani non si sposano?; perché spesso preferiscono una convivenza, e tante volte “a responsabilità limitata”?; perché molti – anche fra i battezzati – hanno poca fiducia nel matrimonio e nella famiglia?... Perché non hanno fiducia nella famiglia?

Il Papa individua la ragione di questo rifiuto del matrimonio nella 'paura di fallire': i giovani non si sposano perché temono di sbagliare, temono che il legame non duri nel tempo. Eppure noi sappiamo che Cristo ha promesso la sua grazia all’unione coniugale e alla famiglia  Ciò richiama la nostra responsabilità: forse noi adulti non sempre sappiamo testimoniare in modo credibile il sacramento del matrimonio; dice infatti il Papa che

La testimonianza più persuasiva della benedizione del matrimonio cristiano è la vita buona degli sposi cristiani e della famiglia. Non c’è modo migliore per dire la bellezza del sacramento!

Come dire: se vogliamo che i giovani siano più disposti ad accogliere anch'essi il sacramento del matrimonio, cerchiamo anzitutto di viverlo noi, questo sacramento, in maniera credibile. Non ci mancherà l'aiuto della grazia divina, perché

il matrimonio consacrato da Dio custodisce quel legame tra l’uomo e la donna che Dio ha benedetto fin dalla creazione del mondo; ed è fonte di pace e di bene per l’intera vita coniugale e familiare.

 

La testimonianza del matrimonio cristiano può cambiare il mondo

 

            Se il legame  coniugale viene vissuto cristianamente così come Gesù ha indicato finirà con l'incidere anche sulla società, riuscirà in qualche modo a cambiare il mondo: è già accaduto. Dice papa Francesco:

nei primi tempi del Cristianesimo, questa grande dignità del legame tra l’uomo e la donna sconfisse un abuso ritenuto allora del tutto normale, ossia il diritto dei mariti di ripudiare le mogli, anche con i motivi più pretestuosi e umilianti. Il Vangelo della famiglia, il Vangelo che annuncia proprio questo Sacramento ha sconfitto questa cultura di ripudio abituale. Anche oggi quindi  il seme cristiano della radicale uguaglianza tra i coniugi deve portare nuovi frutti. La testimonianza della dignità sociale del matrimonio diventerà persuasiva proprio per questa via, la via della testimonianza che attrae, la via della reciprocità fra i coniugi, della complementarietà fra loro. Ci ricorda ancora il Papa:I cristiani, quando si sposano “nel Signore”, vengono trasformati in un segno efficace dell’amore di Dio. I cristiani non si sposano solo per sé stessi: si sposano nel Signore in favore di tutta la comunità, dell’intera società.

 

L'amore tra i coniugi è immagine dell'amore tra Cristo e la Chiesa

            Nell'udienza successiva, quella del 6 maggio, il Papa riflette sulla bellezza del matrimonio cristiano e subito ci ricorda che

Il matrimonio cristiano è un sacramento che avviene nella Chiesa, e che anche fa la Chiesa, dando inizio ad una nuova comunità familiare. Per spiegare questo concetto il Papa cita San Paolo e, in particolare, la lettera agli Efesini nella quale al capitolo 5,21 l'Apostolo afferma che

i cristiani – tutti – sono chiamati ad amarsi come Cristo li ha amati, cioè «sottomessi gli uni agli altri» (Ef 5,21), che significa al servizio gli uni degli altri .E' a questo punto che San Paolo introduce l’analogia tra la coppia marito-moglie e quella Cristo-Chiesa, spiegando che l’amore tra i coniugi è immagine dell’amore tra Cristo e la Chiesa... Il marito – dice Paolo – deve amare la moglie  come Cristo «ha amato la Chiesa e ha dato sé stesso per lei» (Ef. 5, 25).

Il coraggio di amare senza riserve e senza misura

            Ci vuole evidentemente un grande amore per poter vivere il matrimonio così, un amore  illuminato dalla luce di una fede altrettanto grande. Nella Genesi leggiamo che l'atto con cui Dio ha creato l'uomo e la donna è stato “cosa molto buona”: ecco, bisogna crederci, bisogna avere il coraggio di essere convinti che la coppia umana formata dall'uomo e dalla donna è quanto di più bello ci possa essere e che vale la pena di amare così tanto e così pienamente e fedelmente da riuscire a non offuscare quella bellezza. Questo credo che intenda il Papa quando dice:

Il sacramento del matrimonio è un grande atto di fede e di amore: testimonia il coraggio di credere alla bellezza dell’atto creatore di Dio e di vivere quell’amore che spinge ad andare sempre oltre, oltre sé stessi e anche oltre la stessa famiglia. La vocazione cristiana ad amare senza riserve e senza misura è quanto, con la grazia di Cristo, sta alla base anche del libero consenso che costituisce il matrimonio-

L'amore tra Cristo e la Chiesa è indissolubile ed eterno: gli sposi cristiani  devono nel matrimonio percorrere questa strada e testimoniare  e annunciare questo rapporto di amore indissolubile tra Cristo e la Chiesa.  E' un'impresa grande e difficile (Paolo dice: E' un mistero grande!), ma con la grazia di Cristo innumerevoli coppie cristiane, pur con i loro limiti, i loro peccati, l’hanno realizzata!

La dimensione missionaria del matrimonio

            Il Papa delinea ora un altro aspetto fondamentale, che riguarda la partecipazione degli sposi alla missione della Chiesa, riprendendo il concetto espresso all'inizio, quando aveva detto che il matrimonio cristiano “fa” la Chiesa. Dice infatti il Pontefice:

La decisione di “sposarsi nel Signore” contiene anche una dimensione missionaria, che significa avere nel cuore la disponibilità a farsi tramite della benedizione di Dio e della grazia del Signore “per tutti”. Infatti gli sposi cristiani partecipano “in quanto sposi”alla missione della Chiesa...

La celebrazione del sacramento non può lasciar fuori questa corresponsabilità della vita familiare nei confronti della grande missione di amore della Chiesa. E così la vita della Chiesa si arricchisce ogni volta della bellezza di questa alleanza sponsale, come pure si impoverisce ogni volta che essa viene sfigurata. La Chiesa, per offrire a tutti i doni della fede, dell’amore e della speranza, ha bisogno anche della coraggiosa fedeltà degli sposi alla grazia del loro sacramento! Il popolo di Dio ha bisogno del loro quotidiano cammino nella fede, nell’amore e nella speranza, con tutte le gioie e le fatiche che questo cammino comporta in un matrimonio e in una famiglia.

La rotta è così segnata per sempre, è la rotta dell’amore: si ama come ama Dio, per sempre. Cristo non cessa di prendersi cura della Chiesa: la ama sempre, la custodisce sempre, come se stesso.

E conclude: Ha ragione san Paolo: questo è proprio un “mistero grande”! Uomini e donne, coraggiosi abbastanza per portare questo tesoro nei “vasi di creta” della nostra umanità, sono - questi uomini e queste donne così coraggiosi - sono una risorsa essenziale per la Chiesa, anche per tutto il mondo! Dio li benedica mille volte per questo!

                                                             A cura di Antonella

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore