Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  Spiritualità nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 

 

PERFETTI NELL'AMORE

APRILE 2006

     

  Voglio formulare a tutta l'Associazione Laici Amore Misericordioso e alla Comunità d'Amore gli auguri di Felice Pasqua. Per noi che amiamo Madre Speranza credo sia il miglior modo per terminare questo tempo di Quaresima e avviarci a vivere la Santa Pasqua con un approfondimento sul “sabato santo” tratto dalle Riflessioni sulla Passione di Nostro Signore, scritte dalla Madre Speranza per la Settimana Santa del 1943.

  Care figlie, consideriamo oggi la trionfale Risurrezione del nostro divino Gesù e la sua discesa nel Limbo. L'anima razionale di Gesù, unita alla divinità, scende nel Limbo dove lo attendono i santi che, in attesa di essere da Lui liberati nell'ora della Redenzione, non godono ancora la beatitudine. L'anima di Gesù scende in quel carcere per mostrarci la sua umiltà e la sua carità nell'andare personalmente a liberarli, invece di farlo con un solo atto della sua volontà o servendosi degli angeli.

  Il suo ingresso nel Limbo in compagnia degli angeli è vittorioso. In virtù del suo sangue si spezzano le serrature del carcere e con la sua presenza Gesù illumina tutte le anime che vi si trovano e che sono inondate dalla luce della gloria. Immensa è la gioia di Gesù nel liberare quelle anime e nel mantenere la promessa fatta al buon ladrone. Gesù, dando compimento alla Scrittura, anticipa l'ora della risurrezione per consolare la sua afflitta Madre e i suoi amici, per soccorrere i discepoli infedeli e rallegrare il mondo con la sua luce.

  Gesù comunica la sua gloria a molti suoi amici, facendoli risorgere con le anime e i corpi gloriosi, al fine di mostrare la sua onnipotenza e darci la speranza che il nostro spirito risorgerà a vita nuova, se siamo amici suoi .

  Mediante la risurrezione l'eterno Padre ricompensa il Figlio della sua umiliazione con una gloria immensa; i suoi dolori con gioia ineffabile, la sua povertà con un dominio assoluto. Gesù ricompensa i suoi fedeli a misura di ciò che hanno fatto per Lui. La Santissima Vergine con un oceano di felicità, la Maddalena con la consolazione del suo dolore, Pietro con la contrizione e, come un tenero amico, converte in gioia la tristezza dei suoi fedeli che lo credevano perduto.
Gesù appare alla sua SS. Madre, e gli angeli alle sante donne. Gesù, nella sua infinita carità, dopo la risurrezione rimase ancora quaranta giorni per dare conforto ai suoi. Appare loro varie volte per raccogliere le sue pecore disperse e consolare gli afflitti, in forza del suo compito di buon Pastore e Padre d'infinita carità.

  Gesù appare alla SS. Vergine quando, profondamente afflitta per le sofferenze del suo Figlio divino, da tre giorni si trova in altissima contemplazione e gli dice piangendo dolcemente e con affettuosi sospiri: “Alzati, mia gloria, e risvegliati dal sonno della morte”. Le appare risplendente e bello, in compagnia d'innumerevoli angeli e delle anime che ha fatte uscire dal Limbo. Queste ultime ringraziano la SS. Vergine, per aver cooperato alla Redenzione. Gesù, con gioia di Dio e della SS. Vergine, ha con lei teneri colloqui e abbracciandola le rivela i grandi segreti del cielo e le promette di tornare a vederla molte volte.

  Il mattino della domenica, dando esempio di premurosa diligenza e senza timore delle guardie né della pesante pietra, la Maddalena e le pietose donne si recano al sepolcro per ungere il corpo del Signore. Giunte, vedono la pietra tolta e un bellissimo angelo che annuncia la resurrezione e comanda loro di portare la notizia agli Apostoli perché non si sentano abbandonati, e in particolare a Pietro. Entrate nel sepolcro, esse vedono due angeli che assicurano lo stesso; la perseveranza infatti merita maggiori consolazioni. Figlie mie, la Maddalena si distingue per il suo fervore, il pianto e l'ansia di cercare Gesù, e così, mentre le altre sante donne, Pietro e Giovanni, che da esse informati sono venuti al sepolcro, si ritirano, ella rimane lì accanto, sempre cercando il corpo del suo Dio. Si affaccia varie volte e, pur vedendo gli angeli, non si asciuga le lacrime dato che la vista delle creature non la consola. Gesù premia questo suo amore. Per ravvivare il suo desiderio di Lui, le appare alle spalle in modo che per vederlo deve voltarsi; vestito da ortolano ella non lo riconosce. Gesù le chiede perché piange. Vuole mostrarle che ha poca fede nel piangere morto Colui che è vivo e glorioso.

  La Maddalena, non avendolo riconosciuto, gli dice: “Signore, se tu l'hai preso, dimmi dove l'hai posto perché io lo possa trovare”. L'amore e il dolore la fanno parlare vaneggiando, con il cuore e la mente fuori di sé, tutta presa dal pensiero dell'Amato, e si impegna a fare molto più di quello che può. Tutto questo, figlie mie, è prova del suo amore. Gesù, per premiare il suo fervido amore, le si manifesta dicendo: “Maria”. Subito ella, cambiando in gioia la tristezza del suo cuore e con la mente illuminata, lo chiama con il nome che esprime riverenza e amore “Maestro mio”. Si getta ai piedi di Gesù per baciarli, ma Egli non glielo permette; vuole mostrarle che ha avuto poca fede e insegnarle che d'ora in poi gli deve tributare maggiore rispetto, riverenza e amore. Gesù le dice: “Va', e di' ai miei fratelli che vado al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro”. In tal modo fa loro intendere che la gloria della Risurrezione non ha cambiato la sua condizione e perciò continua a chiamarli fratelli. La Maddalena raggiunge le donne - l'amore fa volare - racconta loro ciò che ha visto e fa crescere in esse il desiderio di vedere Gesù. Il Signore, per premiarle dell'opera compiuta la notte precedente, appare anche a loro dicendo: “Salute a voi”. Esse, inondate di gioia, gli si avvicinano, lo adorano e gli baciano i piedi. Così ora la Maddalena può fare ciò che prima il Signore le aveva negato. Gesù dà a queste donne il seguente incarico: “Dite ai miei fratelli di andare in Galilea, perché là mi vedranno”. Vuol mostrare così la sua tenerezza nel chiamarli fratelli; vuole anche che, ai confini di Gerusalemme senza il timore dei giudei, possano godere della sua presenza con maggiore tranquillità. Nello stesso modo Egli ha allontanato noi dal chiasso del mondo per farci godere di Lui. Figlie mie, impariamo dalla Maddalena e dalle sante donne l'amore a Dio, la premura e l'umiltà. Gli Apostoli non credono alle donne, mostrando con questo la durezza del loro giudizio. Ciò prova quanto è eroico credere quello che non si vede , anche se non si deve credere sempre tutto quello che si sente dire.

  Pietro e Giovanni, figure della vita attiva e contemplativa, vanno al sepolcro per verificare personalmente quello che si dice. A Pietro, appartatosi, appare il Maestro, ai cui piedi egli si getta, piangendo il proprio peccato con grande vergogna e ottenendo la sicurezza del perdono e salutari consigli. Egli riferisce agli altri Apostoli l'apparizione e tutti gli credono perché si fidano della sua parola autorevole, ed esclamano: “Il Signore è veramente risorto ed è apparso a Simone”.

  Egli insegue mendicando il nostro amore, pur dopo averci visto camminare per tutta una vita mossi solo dal turbinio delle passioni più vergognose! Anche nel momento che lo stiamo offendendo, volge, si, il suo sguardo da un'altra parte, ma non si allontana da noi e non ci abbandona. Ci tende ancora la mano per aiutarci ad uscire da quella febbre che ci consuma, ci perdona e ci invita a seguirlo di nuovo con amore più forte. (Madre Speranza)                              Bruna

  Vorrei proporre a tutti questa immagine che ho trovato consultando il sito del santuario dell'Amore Misericordioso. Anche se già noi tutti siamo consapevoli che, anche se piccoli e con poca fede, facciamo parte come associazione Laici dell'Amore Misericordioso della Famiglia Religiosa, vedere questa immagine dove risalta a grandi caratteri la nostra associazione, mi ha fatto sentire inserita dentro la spiritualità dell'Amore Misericordioso con più chiarezza e con più responsabilità.

  E' bello fare parte tutti di un'unica famiglia Suore Religiosi e Laici con un unico e comune obiettivo quello di annunciare al mondo intero l'AMORE. “Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui” (1 Gv 4,16). Con queste parole di Giovanni inizia l'enciclica di Papa Benedetto XVI. Per noi cristiani l'amore deve essere l'unica arma capace di sconfiggere il male, per vincere il peccato.

  Ci stiamo avvicinando alla celebrazione del decennale della nostra associazione che ci vedrà riuniti a Collevalenza dal 5 al 7 Maggio prossimo. Forse è ora di fare un bilancio di questi dieci anni di vita associativa. Forse è bene sentire e riapprofondire singolarmente prima, poi tutti insieme, la nostra spiritualità, la nostra adesione.

  La motivazione che ci ha spinto ad aderire all'Associazione è venuta meno, oppure stiamo approfondendo, stiamo cercando davvero di annunciare l'amore a tutti quelli che accostiamo, a tutte le persone che incontriamo?

  In questo periodo è bene riflettere se riusciamo a trasmettere l'amore di Dio al nostro prossimo. Anche in previsione della riunione formativa e di verifica che abbiamo fatto il 12 marzo, è bene porci delle domande che forse in questa Quaresima possono essere utili a farci proseguire nel cammino di conversione.

  A distanza di un anno, due, cinque o dieci anni dall'adesione all'associazione cosa è cambiato nel mio essere cristiano?

  Il nostro cammino tende a santificare la nostra vita?

  Stiamo riuscendo a formare una unione vera e profonda nell'ambito del nostro gruppo?

  Ci sentiamo uniti alla Famiglia dell'Amore Misericordioso?

                  Bruna Lorrai

P.S. Vi segnalo i siti per interagire con l'associazione e la congregazione: www.laiciam.it e www.collevalenza.it


 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore