Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 

 


DICEMBRE 2017

     

 

La Pazienza

 

Il fico sterile

Icona della parabola del fico sterileAl giorno d'oggi le famiglie in generale hanno benessere, la povertà ci sembra lontana, quando eravamo piccoli si aveva poco o niente, la ricchezza erano i valori, l'amore, l'amicizia, l'andare d'accordo cercando di aiutare chi era nel bisogno, ed una grande pazienza nel sopportare quello che accadeva.

La vita frenetica di oggi ha un po' messo in disparte la pazienza, si vuol avere tutto e subito, raggiungere i traguardi senza fare la gavetta, primeggiare senza averne il merito. Si è persa la pazienza di ascoltare prima di parlare, di pensare prima di decidere. Al semaforo se l'auto che ci sta davanti non riparte subito si sbuffa quando non si suona il clacson, se c'è un ingorgo si diventa nervosi, se il tempo non è bello si brontola, d'estate c'è troppo caldo e d'inverno troppo freddo, si è sempre pronti a criticare i vicini di casa o il collega di lavoro, sempre in ritardo ad apprezzarne le qualità o i meriti. Si vorrebbero i figli perfetti dimenticando quanto lo eravamo noi alla loro età.

Quanta pazienza ci vorrebbe nelle nostre giornate: la pazienza di fermarci un attimo a riflettere sulla nostra vita quotidiana. Come ci relazioniamo con gli altri, come ci vedono i figli o i fratelli? Quanta pazienza avevano le mamme di una volta per tenere unita la famiglia, per cercare di far quadrare il misero bilancio familiare, nel cercare di smorzare discussioni, a volte accese, tra padri e figli, nell'accudire gli anziani. E quanta ne hanno avuta nell'insegnarci a camminare e nel proteggerci dai pericoli. Quanto hanno sofferto in silenzio, sopportando e tacendo, consolando e piangendo solo nel cuore per non farlo vedere ai figli!

Al giorno d'oggi dovremmo andare a scuola per reimparare cosa sono Pazienza, Sopportazione, Tolleranza, Costanza, Mitezza, Indulgenza, Comprensione, Misericordia, Clemenza, Moderazione, Tranquillità, Mansuetudine, Sofferenza, Docilità, materie che purtroppo non vengono insegnate, e troppe volte sono dimenticate anche in famiglia. Bisognerebbe tenere sempre presente la pazienza di Gesù che ci attende instancabilmente e della Vergine Maria sempre pronta ad intercedere presso il Figlio per le nostre mancanze e le nostre richieste.

Maria (Comunità di Pozzo – Verona)

 

 

 

PREMURA

Dare un'altra possi-bilità è dare speranza ed è anch'essa premura, perché ci fa porre attenzione all'altra persona. Premura è anche avere misericordia, attenzione affettuosa, pre-occupazione, cortesia, sol-lecitudine, interessamento, cura. Premura è assistere un familiare malato, ascol-tare un vicino che ha bisogno di una parola, chiamare un parente lontano che vive da solo, è dare conforto nelle contra-rietà della vita, come pure dare assistenza nel lavoro senza farlo pesare e senza pretendere qualcosa in cambio. Premura è avere cura dell'ambiente che Dio ci ha donato raccogliendo un animale ferito, cercando di non inquinare l'ambiente con un uso eccessivo di detergenti e prodotti chimici anche all'interno delle nostre abitazioni, è far comprendere la bellezza ad un bambino ed insegnargli i veri valori della vita, è non far pesare agli altri le preoccupazioni per non farli stare in pensiero, far entrare il sole dalle finestre per rendere più accogliente l'ambiente familiare, è soprattutto riscaldare la famiglia con l'amore che abbiamo in cuore e far sì che ognuno sia capace un giorno di trasmetterlo a chi incontra.

Premura è ascoltare prima di giudicare, saper tacere per non causare dispiacere, un gesto premuroso, una piccola attenzione possono riempire di gioia il cuore e di speranza la giornata. Nella parabola del Buon Samaritano Gesù ci fa riflettere sui nostri comportamenti e dunque anche sulla premura che dimostriamo nei confronti di chi ci sta accanto. Nel sacerdote della parabola del Buon Samaritano, si riconosce il comportamento di chi non vuole coinvolgimenti con persone non alla sua altezza, c'è dunque mancanza di affetto e comprensione verso l'altro, il levita sembra prendere una decisione affrettata e senza fondamento e passa senza fermarsi per non avere responsabilità, il samaritano prova compassione e cerca in ogni modo di alleviare il malcapitato, percorre assieme la strada fino alla locanda e si adopera per assisterlo e per far sì che anche l'oste lo curi impegnandosi a pagare l'opera dell'albergatore. Ecco che nel Buon Samaritano possiamo riconoscere Gesù che ha premura di ciascuno di noi, ci raccoglie quando cadiamo, lenisce le nostre ferite e ci riporta a nuova vita, questa premura che il Padre ci dimostra attraverso il Figlio dobbiamo adottarla noi stessi verso il prossimo, iniziando dagli affetti familiari, evitando insensibilità e preconcetti. Ricordiamo anche la parabola del Buon Pastore che ci insegna l'attenzione al bisogno di chi ci circonda, come il buon pastore che attende alle pecore, l'amore disinteressato nel ricercare il bene del prossimo, la premura del pastore preoccupato che la pecorella smarrita venga sbranata dal lupo ci ricorda che dobbiamo avere la premura specialmente nei confronti dei bambini, affinché non cadano nelle trappole della società odierna: internet, videogiochi, gruppi pseudo religiosi ma anche bullismo ed indifferenza nei confronti di chi è colpito da queste "calamità". Dio ci ha dato la libertà ma ci ha insegnato con il Figlio l'amore per il prossimo e dunque misericordia e premura per chi si smarrisce lungo la strada, senza avere la presunzione solamente di giudicare e criticare anche se ci costa fatica.

Maria (Comunità di Pozzo)

 


Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore