Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 

 


GENNAIO 2017

     

 

GIORNATA DI RITIRO ALAM 11/12/2016

 

Nell'incontro odierno Mons. Mani dopo averci spiegato il significato del Presepio e il modello della Famiglia di Nazareth ci ha invitato a riflettere sul messaggio della povertà e miseria che in essi delineano, perché Gesù ha portato le caratteristiche di Maria e di Giuseppe. Quali sono perciò i valori fondamentali della famiglia? Dove finisce la povertà e dove comincia la miseria?

Prima degli interventi individuali, Suor Rifugio richiama a non scoraggiarsi come genitori se i risultati non sono stati secondo le nostre aspettative perché la società attuale non aiuta a portare avanti i valori cristiani valorizzando invece la cultura del relativismo e dell’esclusione di Dio dalle coscienze. E’ difficile dare la colpa ai genitori ed è necessaria la preghiera e l'accettazione degli insuccessi in un'attesa fiduciosa.

Non è mai bene respirare un'aria di sconforto, perché noi cristiani, dice Bruna, dobbiamo essere profeti di speranza: Il Signore quando entra, agisce. Cosa bisogna fare per i giovani, per i nostri figli? Interviene Rodolfo.' non insistere perché i valori ricevuti riemergeranno. Possiamo dare esempi, riferisce Guglielmo ma se il Signore non tocca il cuore e non agisce possiamo fare poco, ma quel pizzico di volontà, dice invece Domenico, va sempre messo, va comunque dato l'esempio cristiano e Franca ribadisce che il Signore è sempre presente e tramite noi genitori o altri, crea opportunità e segnali di conversione. Dobbiamo pregare per loro, abbandonandoci fiduciosi nelle mani del Signore. Ogni famiglia ha le sue povertà spirituali che si superano con volontà e fiducia ma possono anche tramutarsi in miserie non risolvibili che la Chiesa stessa ha preso in considerazione; ognuno, inoltre, per quello che può, deve prestare attenzione alle povertà e alle miserie economiche del prossimo.

Claudio crede che la povertà sia un aspetto spirituale che ci fa essere riconoscenti verso il Signore e si ferma a ringraziarlo per quello che gli ha dato: La miseria invece si vede anche nel benessere, nel non riconoscersi nell'altro perché nonostante un cammino spirituale si commettono errori, questi però ci devono far guardare a Gesù e a tenerlo stretto. Se i genitori hanno dato un messaggio, hanno offerto dei valori, questi prima o poi torneranno.

Sergio R. ha ripensato alla povertà e alla miseria della sua infanzia non soltanto economica ma affettiva che nel tempo il Signore ha ricolmato facendogli scoprire la sua Casa.

In realtà, dice Suor Rifugio che cosa è mancato nelle nostre famiglie? I figli non hanno più coltivato i sacramenti e si sono adeguati alle mode del mondo; forse perché precisa Anna Maria i figli li vivono come una imposizione. Forse, proprio a noi che ci riteniamo più fortunati per il cammino spirituale intrapreso con l'lncontro coniugale e che viviamo purtroppo le contraddizioni dei figli, afferma Caterina, il Signore vuol far capire che occorre più umiltà e che dobbiamo fare qualcosa in più. Dobbiamo accettare gli insuccessi, ripete Suor Rifugio e mettersi a disposizione di questa società malata, accoglierla, accettare e pagare un tributo per santificare queste povertà. E’ la cosìddetta arte povera, cioè usare le nostre miserie (risultati familiari) e santificarle offrendole al Signore affinché diventino redentive nel sacramento.

Le riflessioni ascoltate hanno portato Rita a pensare a Santa Monica, al suo atteggiamento di fronte alle situazioni di difficoltà: dobbiamo perciò riconoscere la nostra incapacità a fare qualcosa e rivolgerci con atto di affidamento a Gesù che può agire per toccare il cuore dei nostri figli. I nodi allora si sciolgono uno ad uno. Cristo e Maria sono la completezza della nostra fede cattolica, continua Rita, sono due esseri inscindibili, non si può amare Gesù se non'attraverso Maria e viceversa sono una sfera che non può essere separata. Infatti dice Guglielmo Gesù è il nuovo Adamo e Maria la nuova Eva.

La Speranza del cristiano, non delude mai, conferma Rossana,  perché lei l'ha sperimentata quando ha dovuto affrontare difficoltà in famiglia e la forza e l'aiuto l'ha ricevuto dal Signore che è vicino a chi Lo cerca. Fede certa perciò, afferma Suor Rifugio e chiedere al Signore la salvezza dei figli: ll demonio non può scalfirci se siamo forti nella fede.

Ci sono comunque dei riscontri nei nostri figli che si sono fermati nel cammino spirituale, dice Pina, che ci fanno essere fiduciosi. Anche Nuccio richiama agli esempi e agli stimoli da dare ai nostri figli perché il Signore ha un progetto per ognuno di noi. Dobbiamo coltivare il nostro terreno e qualcuno ne raccoglierà i frutti.

 

 


Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore