Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 

 


GIUGNO 2014

     

 

 

Grazie Madre Speranza di Gesù….

 

Todi, Madre Speranza è beata: migliaia di pellegrini da tutto il mondo per la cerimonia            “Sono qui, figli miei, un giorno dopo l’altro, accogliendo poveri ricchi anziani giovani, e alla fine del giorno piena di fede, fiducia e amore, vado a presentare al Buon Gesù, le miserie di ognuno, con l’assoluta certezza di non stancarlo mai…. “ Madre Speranza  

            Questa è la frase che affianca l’immagine della Madre Speranza scoperta il giorno della sua Beatificazione a Colle-valenza.

            Abbiamo atteso tanto questo giorno solenne della Proclamazione della Beatifi-cazione della nostra amata Madre Speranza di Gesù.

            E’ stata una bellissima giornata anche se il tempo non è stato splendido. Ma abbiamo vissuto con profondo amore ed emozione, la celebrazione. Eravamo tanti ma c’era un silenzio che rendeva perfettamente il sentimento di ciascuno dei presenti.

            Mi dispiace e mi rammarico di non aver personalmente conosciuto la Madre, anche se sarebbe potuto avvenire, visto che Tommaso ed io abbiamo ricevuto l’Incontro Coniugale nel 1980 e la madre era ancora vivente, anche se erano gli ultimi anni della sua vita.

            Però la Madre Speranza mi ha permesso ugualmente  di conoscere l’amore di Dio in una veste che per me si rivelò sconvolgente. Dio è  un Padre buono e una tenera Madre, non un giudice severo che ci attende per castigarci, ma che ci ama di amore infinito, anche se fossimo i più peccatori. Che meraviglia: la Madre anzi ci ha detto che se il Signore fa una preferenza, è proprio per quelle persone che pur schiacciate da tante miserie si sforzano di essere come Lui vuole. Che bello, quanta Speranza invade i nostri cuori, anche se siamo e ci riconosciamo peccatori,  Gesù ci ama, ci vuole bene e la sua Misericordia, trasforma e cancella  i nostri peccati, li dimentica del tutto. Noi non siamo capaci di amare così ma Lui lo fa con noi.

            Che meraviglia! Dio ci ama sempre, a volte volge lo sguardo altrove, per non vedere i nostri peccati, le nostre miserie, ma non smette  mai di amarci, anzi dilata il suo cuore a dismisura per catturarci e coprire le nostre miserie con il suo immenso amore.

            Abbiamo vissuto il periodo di preparazione alla Beatificazione come un tempo di grazia, di benedizione. Portare il nostro piccolo contributo e le nostre piccole testimonianze alla Parrocchie per annunciare la Beatificazione della Madre Speranza, per fare conoscere la sua vita e per rivelare il messaggio dell’Amore Misericordioso, insieme alla Congregazione della Ancelle, ci ha fatto vivere un clima di famiglia. Abbiamo toccato con mano e vissuto l’unione fraterna tra Ancelle e Laici, abbiamo vissuto veramente fortemente uniti come “una pigna”. Il nostro piccolo contributo si è rivelato per noi Laici, e credo di interpretare i sentimenti di tutti quelli che hanno partecipato, un arricchimento e una crescita spirituale che tanto fa bene ai nostri cuori. Abbiamo constatato in prima persona, che c’è più gioia nel donare che nel ricevere, e che quando si dona anche poco si centuplica  quanto si riceve.

            Anche la lettura che come gruppo Tomba_Madre.jpg (21913 byte)abbiamo fatto del Diario della Madre Speranza, ci ha fatto riscoprire e rileggere il senso profondo della Misericordia di Dio. Una ancella con la quale abbiamo condiviso questo percorso, ha giustamente detto che mai dobbiamo “abituarci” al messaggio dell’Amore Misericordioso! Ed è proprio così, leggendo e meditando gli scritti della Madre, ogni volta ci sembrano nuovi, perché il loro significato è talmente grande che si svela gradatamente. Nella nostra vita tutti abbiamo momenti in cui la Croce, la sofferenza si fa più sentire e allora la Madre ci viene incontro con la sua vita, con le sue parole, che sembrano proprie indirizzate a chi in quel momento sta passando per la via della Croce. Ogni volta che non riusciamo ad amare  e i nostri comportamenti feriscono noi stessi e il nostro prossimo, ovvero ogni volta che cadiamo nel peccato, anche lì la Madre è sempre pronta ad incoraggiarci ad accompagnarci da Gesù per attingere al suo amore Misericordioso che tutto copre, tutto scusa, tutto perdona, dimenticando per sempre quel male fatto.

            Quando siamo nel dolore e non possiamo fare altro che accettare la volontà di Dio, la Madre è lì pronta a ricordarci che la nostra volontà e la volontà di Dio devono unirsi in una soltanto: quella di Dio. Siamo noi che dobbiamo accettare la sua volontà sempre, anche quando ci fa soffrire, anche quando non la capiamo, anche quando con la comprendiamo. Sia fatta Signor mio la tua volontà in tutto e per tutto! E quando con la capiamo ci deve essere di consolazione, di speranza che tutto proviene da Dio, tutto è passato per le sue mani e pertanto il Signore che ci ama infinitamente se lo permette sarà soltanto per il nostro bene.

1            La Beata Speranza continua oggi come prima dall’alto dei Cieli ad essere la “portinaia” colei che si prende cura delle nostre necessità spirituali e fisiche e che le porta al Signore per aiutarci nel nostro camminare verso la santità che vuole per ciascuno di noi.

            Quando il Cardinale Amato ha pronunciato il rito di Beatificazione: “…Concediamo che la Venerabile Serva di Dio SPERANZA DI GESU’, al secolo Maria Josefa Alhama Valera, Fondatrice della Congregazione delle Ancelle dell’Amore Misericordioso e dei Figli dell’Amore Misericordioso, testimone della benevolenza di Dio specialmente verso i poveri, e promotrice della santità del clero diocesano, sia invocata d’ora in poi col titolo di Beata, e che si possa celebrare ogni anno la sua festa, nei luoghi e nei modi stabiliti dal diritto, l’8 febbraio, giorno in cui lei è giunta in cielo…:” al quale ha fatto seguito lo scioglimento delle campane e la scoperta dell’immagine della Beata Speranza, è indescrivibile l’emozione e i sentimenti che ciascuno ha provato. Personalmente hanno iniziato a scendere lacrime di gioia immensa per tutto quello che la Madre ha fatto, mi ha trasmesso, e mi dona ogni giorno. Grazie Speranza di Gesù, grazie per la speranza che ci doni, e per la Misericordia di Dio che ci fai comprendere! Intercedi Beata Speranza per le necessità di tutte le nostre famiglie, di tutti i Laici, di tutti i Figli e le Ancelle del tuo Amore Misericordioso

Bruna Alam1 Casilino

 

 

Beata Madre Speranza di Gesù

Franca Leo

            Giornata di splendore spirituale e di abbondanza di grazie quella del 31 maggio 2014. Noi laici del Casilino 1 e 2 abbiamo vissuto  momenti indimenticabili che ci hanno arricchito  toccandoci profondamente nell’animo. La preparazione  dell’evento ci aveva già visti gioiosi , convinti ed entusiasti a portare l’annuncio del messaggio dell’Amore Misericordioso ai nostri fratelli piccoli e grandi, che potranno maturare dentro di loro l’offerta di quel piccolo seme. E dopo la Veglia di preghiera tenutasi per qualcuno a Collevalenza, per altri nella Parrocchia di San Barnaba, ci siamo ritrovati, sabato mattina, nell’abbraccio della Madre a piangere con il cielo lacrime d’amore. Nel ringraziare il Signore per tanta misericordia, abbiamo così cantato il nostro Magnificat:

 

Magnificat dei LAM

 

  MariaMediatrice.jpg (16969 byte)               2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


L’anima nostra magnifica il Signore

e il nostro spirito esulta in Dio

nostro salvatore

perché ha guardato alle miserie dei suoi figli

che d’ora in poi

si faranno suoi servi.

Grandi cose ha fatto per noi l’Onnipotente

 e santo è il suo nome:

come un Padre buono e una tenera Madre

ci ha cercato infaticabilmente

di anno in anno

e la sua misericordia

 si stende su di noi

che lo ringraziamo.

Ha steso la potenza del suo Amore,

ha perdonato i peccati

del nostro cuore

dimenticandoli e cancellandoli,

 ha fatto festa a noi figli prodighi,

 ricolmando di beni  i nostri spiriti affamati,

ha rimandato il maligno a mani vuote.

Ha soccorso noi, suoi servi inutili

ricordandosi della sua misericordia

come aveva promesso a Gesù sulla Croce

e a Maria Mediatrice

per sempre.

AMEN


Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore