Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 
PERFETTI NELL'AMORE

MARZO 2004

     

ANTONINO, UN BIMBO TENERAMENTE AMATO

La mia esperienza con la sofferenza ha inizio con la nascita di mio figlio, Antonino. Dopo nove mesi trascorsi a fantasticare su quello che avremmo fatto insieme, su come lo avrei educato, se la sua prima parolina sarebbe stata mamma o papà, su come e quando avrebbe incominciato a muovere i primi passi, dopo i primi momenti di felicità quando è nato, ecco arrivare dopo tre giorni l'uragano. Dai medici del reparto di neonatologia, dove Antonino era stato ricoverato appena nato, per asfissia da parto, arriva l'inatteso verdetto: ci viene riferito che "il bambino presenta una rara e grave malformazione cerebrale, dal nome di "Oloprosencefalia di tipo semilobare", meritevole di accertamenti diagnostici, che dovevamo prepararci al peggio perché non si sapeva come sarebbe stato il futuro del bambino e per quanto tempo sarebbe stato con noi".
Prima di allora, la sofferenza la vivevo come una cosa lontana da me. Quando mi capitava di vedere o di incontrare qualche persona che era nella sofferenza, ne rimanevo colpita emotivamente, ma presto tutto passava. Quando ti tocca in prima persona è diverso, il dolore è grande, lo senti che ti consuma dentro, è qualcosa che non riesci ad esprimere se non attraverso il pianto. In quei momenti mi sentii inutile, incapace di affrontare la situazione nuova che mi si presentava, mi sentivo incapace come donna, perché non ero stata in grado di mettere al mondo un bimbo sano. Contemporaneamente a questi stati d'animo, speravo che la diagnosi fatta fosse sbagliata, pregavo il Signore affinché fosse così. In quei primi giorni alternavo momenti di preghiera a momenti in cui mi arrabbiavo con Lui, spesso mi ricordo che Gli chiedevo: "Perché mi stai facendo questo?". Anche il viaggio a Milano, dove ci recammo dieci giorni dopo la nascita di Antonino, per gli accertamenti diagnostici, lo feci con la speranza e pregando il Signore che la diagnosi fatta a Lamezia fosse sbagliata. Ma non fu così. Ricordo che dopo il colloquio finale con i medici, quando mi recai nella stanza, piangendo pregai il Signore chiedendogli la forza per andare avanti, anche se ancora non capivo perché mi aveva fatto questo.
I primi anni di vita di Antonino sono stati molto duri, la permanenza a casa era molto spesso alternata a frequenti ricoveri, sia di controllo sia per altri motivi. In po'di serenità e la forza per andare avanti e sopportare quei continui ricoveri. Da Lui avevo la prova che mi stava accanto, attraverso gli amici, i parenti, i medici, i terapisti, mio marito, tutti mi hanno dimostrato la loro solidarietà e il loro affetto. Nonostante tutto ero ancora immersa nel mio dolore, un dolore che mi rendeva "sorda", non riuscivo a comprendere il grande dono che il Signore mi aveva dato. Devo comunque dire che in questo periodo, le mie preghiere avevano cambiato tono, ormai non Gli chiedevo più il perché, ero passata alla fase in cui chiedevo e volevo "il miracolo". Ma evidentemente la Sua volontà non era certamente la mia.
In questo periodo conobbi una suora, Suor Arnolda, una parente di una mia vicina di casa. Con lei provai ad aprirmi, mi raccontò di sue esperienze con persone che vivevano situazioni analoghe alle mie. Mi propose di recarmi in un Santuario, quello dedicato all'Amore Misericordioso, che si trovava in Umbria, perché lì, secondo lei, avrei trovato le risposte che cercavo. Nello stesso periodo, in occasione di un matrimonio, incontrai dopo tanto tempo un amico di infanzia, un sacerdote, Don Giampiero, parlammo tantissimo, gli raccontai anche dell'incontro con suor Arnolda e il consiglio che lei mi diede di andare a Collevalenza, al Santuario dell'Amore Misericordioso. Ricordo ancora il suo volto raggiante quando mi disse: "Cosa stai aspettando? Vai".
Decidemmo con Enzo, mio marito, di andare e di fermarci lì solo tre giorni. Durante il viaggio di andata, pensavamo ai luoghi che saremmo andati a visitare: Assisi, Orvieto, Terni, ……. Ma questi erano i nostri progetti, non di Chi ci stava attendendo. Nei pressi di Collevalenza, mi assalì un'ansia, il dolore allo stomaco dovuto al nervosismo, col quale avevo imparato a convivere, sembrava insopportabile. Arrivati al piazzale della Casa del Pellegrino, adiacente al santuario, quella sensazione di malessere che avevo prima e che mi accompagnava ormai da tre anni, sparì lasciando il posto ad una pace interiore mai provata prima. Fui pervasa da una sensazione di serenità, di una gioia indescrivibile e queste stesse sensazioni colpirono anche Enzo.
Entrammo nella Casa del Pellegrino con Antonino nel suo passeggino, ed una marea di suore ci accolse con una gioia incredibile, come se ci conoscessero da sempre, coccolavano Antonino, e lui si lasciava accarezzare e baciare come non mai prima. Mi colpì, in particolare la frase di una suora (Suor Melina), che mi disse: ""Ah! Se fosse ancora viva la Madre (riferendosi a Madre Spreranza) come se lo sarebbe "spupazzato", sai come li considerava questi bambini, e in genere le persone ammalate?, "tabernacoli viventi"". Ed è stato ed è proprio in questo luogo che ho trovato e trovo le risposte che cercavo e che cerco.
La nostra permanenza si prolungò per altri quattro giorni. Davanti al Crocifisso di Gesù Amore Misericordioso, mi sentii come un verme, indegna del grande sacrificio che Lui ha subito, immolandosi sulla Santa Croce per me e per noi tutti. Provai a paragonare il mio dolore al dolore che aveva provato Sua Madre, di fronte allo scempio che si compì sul corpo del Figlio, ma il mio dolore non era nulla. Capii che non potevo lasciarmi andare in quel modo, ma che quel dolore, doveva essermi di esempio, doveva essere il motivo per andare avanti e cercare di essere portatrice d'amore.
Ringrazio tutta la comunità dell'Amore Misericordioso, in particolare Suor Rifugio e Padre Arsenio, che con il loro aiuto, con il loro affetto e con le loro preghiere mi hanno aiutato a capire, a far sì che oggi possa ringraziare il Signore per il grande miracolo, il grande dono che mi ha voluto donare nel mandarmi Antonino così com'è, con la sua disabilità e con il suo sorriso carico d'amore. Ringrazio il Signore per avere esaudito le mie preghiere, per aver accolto la mia richiesta di "miracolo". Si! Miracolo. Perché non è forse da considerare un miracolo l'aiutare il Signore a portare la croce attraverso la malattia di mio figlio?
E' doveroso da parte mia, ringraziare anche Don Pino, che con il suo affetto, con le sue preghiere, con il suo modo di fare mi aiuta a tenere sempre "pronto l'olio per la mia lampada", in modo da poter continuare a pregare con la preghiera insegnatemi da Madre Speranza: "Fa Gesù mio che giammai desideri altro se non che si compia in me la Tua divina volontà, anche se devo soffrire molto, anche se non la comprendo".
Rosanna Badalucco
Attenzione!
La riunione formativa di aprile si terrà la prima domenica 4 aprile.
La
Cena Pasquale comunitaria
ci sarà mercoledì 7 aprile alle ore 20.

 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore