Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  Spiritualità nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 

 


NOVEMBRE 2006


     

 

Carissimi fratelli e sorelle,

  dopo la parentesi estiva, riprendiamo il nostro cammino formativo, che in quest'ultimo trimestre 2006 ci porterà a terminare il programma di formazione: “Rimanete in me ed io in voi”.

  Ci auguriamo di rafforzare in noi associati lo spirito di famiglia e di comunione, rispondendo alla nostra chiamata, nel rispetto dei requisiti dello Statuto e del Regolamento.

  Per esprimere la nostra identità di L.A.M. è necessario che rispondiamo alla vocazione di testimoni e protagonisti degli insegnamenti di Gesù. L'agire del Padre nei nostri riguardi è condizionato dalla nostra libertà. Dobbiamo continuamente allenarci ad aver fiducia in Lui aspirando “Misericordia”, in quanto la qualità più profonda dell'amore è l'umiltà di essere al servizio dell'altro. Solo nell'amore possiamo trovare la realizzazione della nostra vita.

  Molti di noi, in questo periodo della nostra esistenza, ci sentiamo svuotati, demotivati, avviliti… Per chi ha perso la fede non è facile capire perché il dolore debba essere una prova necessaria per far tornare a Dio gli essere umani, che sono a sua immagine.

  Conoscere Dio è il modo migliore per guarire da tutte le malattie fisiche, morali e spirituali. La maggior parte di noi ritiene che il corso degli eventi sia naturale e inevitabile e non sa o non vuol sapere quali radicali mutamenti si possono ottenere grazie alla preghiera: “Signore, Tu mi puoi guarire!”. “La fede è il fondamento delle cose che si sperano e la prova di quelle che non si vedono”. (Eb 11,1).

  L'armonia interiore è il nostro più grande aiuto nel sopportare il fardello della vita, seguendo costantemente la voce interiore della coscienza, ossia la voce di Dio. Il lasciarsi guidare dalla coscienza, anche quando il futuro ci appare senza speranza, ci guida e ci mostra i nostri errori.

  La nostra vita è paragonabile ad un “conto bancario”: se continuiamo ad emettere assegni, senza mai depositare in banca, alla fine rimarremo senza denari. La stessa cosa accade nella nostra vita: se non effettuiamo regolari depositi di pace sul nostro “conto”, la forza, la calma e la felicità si esauriscono. Alla fine andremo in rovina emotivamente, mentalmente, fisicamente e spiritualmente. La comunione quotidiana con Dio potrà rifornire costantemente il nostro “conto bancario” interiore.

  Vivere per se stessi è la causa di ogni infelicità.

  Sebbene la vita sembri capricciosa, incerta e colma di ogni genere di problemi, tuttavia siamo sempre sotto la protezione del Padre che ci guida e ci ama.

  Dimentichiamo spesso che la vera natura onnipotente dell'anima è il suo legame con Dio, e questa è la causa di molte nostre sofferenze e di tutte le limitazioni umane. Contro le calamità della vita ci si sente indifesi e viene spontaneo invocare il Signore e la sua protezione. La fede non è una polizza assicurativa contro le calamità, è fiducia in Dio, che ci permetterà di attraversare le acque tempestose della nostra vita, ma nello stesso tempo ci darà la possibilità di collocare gli eventi e le vicende liete e tristi dentro un orizzonte di fiducia e di speranza.

  Anche se le sofferenze e le malattie ci mettono a dura prova, l'uomo nella fede è chiamato a rileggere il proprio vissuto, a individuare intorno a sé luoghi e persone capaci di aiutarlo a coltivare la speranza e la fiducia. A volte, sballottati dalla vita, ci sembra che il Signore si sia dimenticato di noi; in realtà, se ci affidiamo a Lui, nulla può annientarci, perché il Signore è più forte di qualsiasi male. Il nostro agire, carissimi fratelli e sorelle, deve essere orientato a rendere gloria per mezzo del buon Gesù, al Padre, incarnando il progetto eucaristico nella vita quotidiana, testimoniando con forza la presenza del Signore nel mondo.

  Il nostro impegno all'ALAM sia alimentato anche dalla preghiera. Pertanto diciamo: “ Rafforza per noi, Signore, l'opera delle nostre mani, l'opera delle nostre mani rafforza ”. (Sl 90,17)

                         Bruno


 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore