Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 

 


NOVEMBRE 2017

     

Così parlano i santi

 

.. IO VI INVIDIO PERCHÉ IL SIGNORE VI CHIAMA AD ESSERE VITTIME

DI ESPIAZIONE ...

 

30 settembre 1959 - La Madre si rivolge ad un gruppo di pellegrini malati che  hanno visitato il Santuario; una trentina sono in carrozzella e sono accompagnati da alcuni volontari che hanno consacrato la vita alla loro assistenza.

Il testo che riportiamo è trascritto dalla viva voce della Madre Speranza.

 

Risultati immagini per madre speranza collevalenza

 

“... dico a quanti stanno soffrendo moltissimo: figli miei, auguri! … io vi invidio perché il Signore vi chiama alla santità e ad essere vittime di espiazione; approfittate di questo dono per giungere alla santità che Lui vuole da voi.

Vi confesso di essere gelosa di voi e di tutte quelle anime che soffrono. Figli miei, non considerate il dolore come una croce, ma come un dono di Dio e approfittatene. È lui, il Signore, che vi prova e vi chiama alla santità; siate generosi soldati di Cristo nel dolore e nella sofferenza, anche se paralizzati.

Figli miei, è meraviglioso soffrire con gioia per nostro Signore! Quando vedo un’anima che soffre, che non può muoversi, che a causa della sua malattia, non può far nulla, ma ha solo il cuore libero per dire: "Signore, voglio amarti", io provo invidia e soffro, perché vorrei essere come loro.

Coraggio, figli miei, coraggio! Soffrite con gioia e lodate il Signore. Intercedete per la pace; pregate per le famiglie in difficoltà, per tante mamme che soffrono nel vedere i propri figli che non possono muoversi; pregate perché la devozione all’Amore Misericordioso si diffonda nel mondo intero e perché nelle famiglie regni l’amore e la vera pace che scaturisce dall’amore di Dio. Auguri, figli miei, auguri! Approfittate della prova, figli miei! Ora vi darò la rivista "L’Amore Misericordioso" e la darò a quelli che non la possono pagare...

Io sono la portinaia del Signore e voi dovete pregare, perché ogni giorno sappia presentare bene al Signore tutte le necessità che le persone mi affidano e ottenere da Lui tutto ciò di cui le famiglie hanno bisogno. Pregate perché io sia una portinaia fedele al Signore e faccia sempre ciò che Lui vuole.

Figli miei, voi che soffrite dite così al Signore: "Signore, aiuta la Madre"; non perché io abbia più salute, ma per fare sempre la sua divina volontà. Non desidero altro che fare la volontà del Signore, essere la sua portinaia per presentargli tutte le necessità che le famiglie mi confidano e poter ottenere da Lui le grazie di cui hanno più bisogno.

Le famiglie soffrono molto, non per la malattia come voi, ma per i fatti e gli avvenimenti della vita... Voi conoscete la follia e lo squilibrio che oggi regna, chi tira da una parte e chi dall’altra e oggi le famiglie sono una disgrazia... un disastro...

Poco tempo fa un bambino mi ha detto che voleva parlarmi da solo; gli ho domandato: che ti succede, figlio mio? Madre, a casa mia, babbo se ne va di casa, mia mamma sta truccandosi continuamente... sono tornato a casa con la pagella e ho detto a mia mamma: mamma, guarda i miei voti! mi ha risposto: "lasciami, debbo truccarmi..." l’ho detto a mio papà e mi ha risposto: "adesso non posso, debbo partire..." allora l’ho messa al collo del cane dicendogli: tienimela tu, perché qui nessuno vuole conoscere i miei risultati! Avete capito? ha dovuto metterla al collo del cane, perché la mamma doveva farsi bella, il padre doveva uscire e il figlio che andava dall’uno all’altra con la pagella... Che pena!

Ecco come sono oggi le famiglie, un disastro e i figli soffrono... Voi che siete stati chiamati dal Signore come vittime di espiazione con la malattia, pregate perché il Signore conceda alle famiglie l’unione, la pace e le aiuti a vivere sane e cristiane. Pregate il Signore per tale intenzione e anche per questa povera "portinaia", perché possa fare sempre la volontà di Dio. (El Pan 21, 1-9)

Fammi iniziare questo anno nuovo come piace a Te e che il mio cuore non intraprenda nessuna simpatia disordinata per una creatura, ma il mio amore sia solo e sempre per Te. Che col tuo amore e unita a Te possa aiutare quelli che soffrono, sia sempre disposta al sacrificio e pronta a darti quanto mi chiedi, così come posso. Oggi col ricamo, Signore, fa’ che io renda quanto devo. Domani con i malati o con i poveri pellegrini che verranno al tuo Santuario... fa’ che possa diffondere l’odore del buon esempio per aiutarli a camminare nella via della santità, a migliorarsi e unirsi a Te. Questo, Signore, devo farlo solo col mio buon esempio, giacché non posso farlo per capacità o intelligenza. (El Pan 21, 275; 4.1.1965)

Che i poveri vengano a mangiare, i malati a curarsi, i sofferenti perché si preghi per loro e che noi, Ancelle dell’Amore Misericordioso siamo sempre disposte a servire e ad alleviare ogni bisognoso. (El Pan 21, 717; 4.8.1965)

 

Risultati immagini per Volontari della sofferenza

 

 

 

 

 

 

 


Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore