Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


DICEMBRE 2020

     

Antonietta Meo “Nennolina”

Con la promulgazione del decreto che ne dichiara il possesso delle virtù eroiche, autorizzata da Benedetto XVI il 17 dicembre (insieme con il riconoscimento di sei miracoli e di altre sette virtù eroiche), Antonietta Meo potrebbe presto diventare la più giovane beata non martire nella storia della Chiesa. È infatti già allo studio una presunta guarigione miracolosa, segnalata negli Stati Uniti. Essendo nata a Roma il 15 dicembre 1930, la piccola - soprannominata "Nennolina" - aveva poco più di sei anni e mezzo alla morte, il 3 luglio 1937. Allegra e vivace, un giorno era caduta a terra nel giardino dell'asilo e aveva sbattuto un ginocchio. Nonostante le cure mediche, il dolore non accennò a passare e le più accurate indagini cliniche portarono alla scoperta di un tumore osseo, con metastasi diffuse nel corpo. Cominciò un peregrinare per ospedali nel corso del quale dovette essere operata più volte, fino a quando si rese necessaria l'amputazione di una gamba, nella primavera del 1936. Ma la bimba era in qualche modo consapevole del suo destino e affrontò ogni sofferenza con l'animo sereno.
Della sua esperienza di vita ci sono rimasti un delicato diario e un centinaio di letterine, che ella deponeva ogni sera sotto il crocifisso. In particolare le frasi rivolte alla Madonna suscitano senti­menti di commozione: «Cara Madonnina, prendi il mio cuore e portalo a Gesù». E verso Gesù, Nennolina manifesta un intenso affetto: «Tu che hai sofferto tanto sulla croce... Io voglio restare sempre sul Calvario vicino a te e alla tua mammina». Fino all'ultimo testo, scritto un mese esatto prima della morte: «Caro Gesù, di' alla Madonnina che l'amo tanto e voglio starle vicina». Tra i maggiori conoscitori di Nennolina c'è il carmelitano Luigi Bomello, docente di Teologia mistica nella Pontificia Facoltà Teresianum: «Antonietta ha vissuto un'intensa esperienza di fede, quella che noi teologi definiamo "esperienza mistica"», «perché tutto le è stato donato dall'Alto, a cominciare dalle considerazioni che lei fa nelle letterine: straordinari documenti delle comunicazioni divine». La piccola cominciò a dettare i testi alla mamma sin dall'età di cinque anni e in seguito ne redasse diversi personalmente.
«Quelle che leggiamo nelle letterine sono espressioni straordinarie. Nennolina percepisce che cosa vogliano dire la inabitazione di Dio Trinità e la paternità di Dio. La bambina ebbe costantemente chiaro quale dovesse essere il suo modo di condividere l'esperienza umana di Gesù: soffrire insieme con lui attraverso rinunce e fioretti, che giunsero al punto da stare nel letto appoggiata al lato operato, che ovviamente le causava dolore.
«È sempre così: il modello è Cristo, mentre ogni santo percorre una strada originale per identificarsi con lui, attraverso un percorso virtuoso. E in questa piccola si vede la medesima "via semplice" dell'abbandono nelle braccia di Dio che caratterizzò santa Teresa del Bambino Gesù».
«Un giorno Nennolina si trovava dinanzi alla basilica di Santa Croce in Gerusalemme e stava, mano nella mano, con la mamma. A un tratto la lasciò e corse all'interno della chiesa, dove era esposta l'Eucaristia. Una testimonianza, nel contempo semplice ma estremamente densa di significato, di quanto fosse grande il mistero che lei viveva: un dono di Dio che lei intendeva manifestare agli altri». 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore