Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
PROVOCAZIONI EVANGELICHE

DICENBRE 2004

     


PAOLO CI PARLA

La colpa degli ebrei (Rm. 2,17-24)
… "E che dire di te che porti con orgoglio il nome di ebreo? Ti senti sicuro perché ti appoggi alla legge di Mosè e sei fiero del tuo Dio . Tu credi di conoscere la sua volontà e di sapere ciò che è meglio fare perché ti hanno insegnato la legge. Tu credi addirittura di essere una guida per i ciechi, una luce per quelli che sono nelle tenebre, un maestro degli ignoranti ed un educatore dei semplici, perché possiedi la legge che rappresenta per te la sapienza e la verità. Perché dunque tu che insegni agli altri non insegni a te stesso? Predichi di non rubare, e rubi. Tu dici di non commettere adulterio e sei adultero. Tu disprezzi gli idoli e fai affari nei loro templi. Ti vanti della legge, ma non l'osservi, e così offendi Dio. La Bibbia ha davvero ragione quando afferma: per colpa vostra i non credenti parlano male di Dio" …….

Basta leggere queste poche frasi e riportarle ai nostri giorni, cambiando solo la parola "ebreo" con "cristiano", per renderci conto che sappiamo di essere imperfetti ma facciamo del tutto per nasconderlo. Anzi pensiamo che solo noi siamo perfetti e tutti gli altri sbagliano, a cominciare dalle persone che più ci stanno vicino, spesso loro malgrado.
Solo perché vado in Chiesa regolarmente; solo perché non bestemmio; solo perché non rubo o commetto adulterio mi sento migliore degli altri. Sì, solo perché rispetto i Comandamenti o i dettami delle leggi civili vigenti mi sento migliore degli altri. Ma già questo puzza di presunzione e vanità. Non prego umilmente il Signore di perdonarmi, ma sto lì a pensare che in fin dei conti, sono bravo, non faccio male a nessuno, non uccido. Ma queste caratteristiche, insite in tutti gli uomini, non contraddistinguono il (buon) cristiano, che dovrebbe essere altruista, generoso, amorevole verso il prossimo, disinteressato e costante.
Non faccio del male ma, probabilmente, non faccio nemmeno del bene, perché, anche senza infrangere i peccati arcinoti, commetto frequentemente peccati di:
· di pensieri, che affollano la mia mente tanto più quanto io cerchi un momento di concentrazione per pregare e rivolgermi al Signore;
· di parole, con le quali sono abile a difendermi, a criticare e condannare l'operato del prossimo, a cui appiccico salaci epiteti;
· di opere, quando non faccio alcuna cosa che potrei compiere, con il sorriso sulle labbra;
· di omissioni, quando trascuro più o meno con indifferenza quelli che mi circondano e mi risultano antipatici, chiudendomi nel mio "io".

La pigrizia resta sovrana, il tran-tran quotidiano mi sommerge e non mi lascia il tempo da dedicare alla mia anima. Come dice Paolo: tutti siamo colpevoli! Il Signore abbia pietà di me.
Sergio
Talenti (Mt 25,14-30)

Nella zolla di terra
è rimasto sepolto
un talento.
La paura lo ha reso
infecondo.
Dalle nebbie del tempo
il monito torna
affiorando dal cuore:
"Quella vita avuta
in regalo
non lasciarla marcire
nel nulla". Mariella Teti (Roma 7/11/2002)

 


 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 7 agosto 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore