Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
Ricettario

APRILE 2008

     

 

Pescespada a bagnomaria

                Un piatto leggerissimo e delicato, adatto per qualsiasi dieta… anche in convalescenza!

                Prendete delle fettine sottili di pescespada, calcolandone due a persona, e mettetele in una teglia rotonda bassa con un po’ d’olio, prezzemolo tritato e filetti sottilissimi di scorza d’arancia o di limone, da cui avrete asportato la “pappa”, la parte bianca: fatele cuocere ben coperte sopra una pentola d’acqua bollente e servitele ben calde con qualche spicchio dell’agrume utilizzato. Non dimenticate l’aggiunta di un po’ di sale, naturalmente; ma niente pepe, che guasterebbe tutto!

                Il pescespada, pur essendo presente nei vari oceani anche in latitudini assai elevate come dimostra la sua surgelazione nei Paesi del nord-Europa, si avvicina alle coste e sale alla superficie all’epoca della riproduzione, tra aprile e giugno, preferibilmente nel Mediterraneo, attraversando lo Stretto di Messina, dove è tradizionalmente curata la sua pesca con adeguata attrezzatura: nelle barche apposite, munite di un alto palo, “la ‘ntinna”, un pescatore di vedetta avvista l’arrivo del pesce che, giunto a tiro, viene fiocinato con una lunga sta ferrata munita di uncino dal “lanzaturi”. E’ proprio a Messina si è specialisti nell’esaltare in svariate preparazioni la squisitezza di questo “aristocratico” pesce.

 

Uova pasquali colorate

                Se volete apparecchiare un’allegra tavola pasquale o fare una bella sorpresa ai bambini con poca fatica e con pochissima spesa, ma con la soddisfazione di averla realizzata voi stessi, non c’è di meglio. Fate alcune uova sode: cuocetele in acqua di barbabietole o in brodo ristretto di spinaci per averle rosse o verdi, oppure coloratele dopo cotte con i colori alimentari che potete procurarvi in drogheria.

                Impastate della farina con poca acqua, in modo da ottenere un pastone duro, facilmente plasmabile: allungate un po’ di pasta alla volta con le mani e formate piccoli ferri di cavallo, da mettere sotto ogni uovo perché si regga dritto. Con la rimanente pasta fate occhi, nasi bocche e cappellini vari per ricavare teste di pupazzi, oppure occhi e becchi per avere teste di pulcini, aggiungendo le crestine se volete trasformarli in galli e galline. Potete fare anche angioletti, mettendo sull’uovo una pallina come testa e attaccando le alette…

                Attaccate sempre le guarnizioni di pasta ai gusci con bianco d’uovo sbattuto e passate qualche minuto nel forno le figurine.

                Potete mettere le uova in un cestino sopra un po’ di paglia colorata, ma potete anche adoperarle come segnaposto a tavola. Si possono fare anche contenitori con lo stesso pastone, lasciandoli asciugare nel forno con le uova già collocate, a forma di cestelli, di cuori, di fiori.

                In Sicilia, per Pasqua, i pani figurati con le uova sode – “pupi cu l’ova”.- vengono distribuiti per le strade in alcuni centri come Prizzi e Piana degli Albanesi: le uova sono sempre inseriti in numero dispari, a simbolo della Divinità Suprema, della Trinità o della Fecondità della Terra, e, quindi, della Resurrezione e della continuità della specie.

Rimedi della nonna

Il sorriso rende belli

(continua l’intervista alla dottoressa Renèe Sybel sull’importanza della pelle)

 

                Il primo sistema per modellare il viso è il sorriso che meccanicamente fa risalire tutti i tratti del viso, grazie al lavoro del grande zigomatico detto anche muscolo del ridere; ci fa delimitare le narici, il che facilita la respirazione sino alla zona addominale e solleva la glottide con grande beneficio della voce.

                Ma il sorriso autentico è il frutto di una vera vibrazione segreta, interna, che si esprime sul volto con un’espressione di gioia intensa e radiosa. Ci attira la simpatia altrui, e risolve spontaneamente molte situazioni delicate con la luminosità che conferisce ai nostri occhi. Il sorriso vero ci mette in uno stato d’animo di distensione, non solo del viso. Proviamo a sorridere anche ad un’ostilità, a un parente importuno, a un vicino, e irradieremo la nostra attitudine interna intorno a noi. Ricordiamoci che le cose vanno bene perché siamo sorridenti e allegri e non viceversa. Il sorriso autentico è non solo terapeutico, ma onnipotente, in quanto sorridendo assumiamo un’attitudine positiva di fronte ad ogni evenienza.

                Inoltre sorridendo facciamo una bella economia di energia. Solo tredici muscoli lavorano, contro ottantasette quando invece facciamo il muso e l’espressione triste in cui predomina il lavoro del piccolo zigomatico o muscolo del pianto.

                Guardiamo il viso del mimo: non invecchia mai perché si serve di tutto il volto nel modo più opportuno. E quale sensazione di distensione del viso esprimono la Gioconda e il riso interno di Budda!

 

 

 

 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore