Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
Ricettario

APRILE 2018

     

 

POLENTA E BACCALA’

Dada

Risultati immagini per Polenta e baccalà

Ingredienti per 4 persone

 

  • 150 gr. Farina gialla
  • 300 gr di baccalà ammollato
  • 12 olive verdi
  • 1 porro
  • Prezzemolo tritato
  • Olio, sale, pepe

 

 

 

Preparazione:

  • Con gli ingredienti consigliati preparare una polenta piuttosto morbida, secondo la ricetta classica.
  • Stenderla su un tagliere all’altezza di 1 cm.
  • Quando è fredda tagliarla a dischetti con un coppa pasta o con un piccolo bicchiere inumidito.
  • Disporla a cupola su un piatto da portata imburrato.
  • Tagliare a fettine il porro
  • Metterlo in padella con 2 cucchiai d’olio e cuocerlo a fuoco basso finché diventa trasparente
  • Unire poi il baccalà e cuocere mezz’ora adagio.
  • Passare porro, baccalà, olive, pepe, prezzemolo nel frullatore con un po’ d’olio
  • Ridurre in crema. Servire con la polenta.

Vino consigliato: un bianco poco impegnativo, il cosiddetto bianco – carta.

Rimedi della nonna

Premessa. I Rimedi della nonna sono presi da”Come fare se…” segreti, consigli, rimedi di Frate Indovino

                                                                        Ed.E.F.I.Perugia

Vino

            Per togliere le macchie di vino bianco è sufficiente il normale bucato

Macchie sui tessuti in generale. L’acqua gassata o di seltz è il rimedio tradizionale per eliminare le macchie del vino rosso.

Sul cotone. Strofinate con succo di limone caldo. Se il tessuto lo consente potete ricorrere anche all’acqua ossigenata con qualche goccia di ammoniaca.

Sulla seta. Frizionate con acqua e aceto bianco, quindi lavate normalmente.

Su lana. Strofinate con acqua ossigenata.

Sul velluto. Vi consiglio di ricorrere alla lavanderia ma, se volete smacchiare in casa, cospargete la macchia fresca con del sale fino, quindi spazzolate e svaporate il tessuto dal rovescio con un panno umido.

Sulla pelliccia. Strofinate con un panno intriso di acqua e aceto.

Su tessuto impermeabile. Lavate con acqua e sapone.

Sui tessuti d’arredamento. Strofinate tempestivamente con acqua gassata o di seltz quindi asciugate bene. In alternativa tamponate la macchia con una pezzuola imbevuta di acqua ossigenata diluita.

Macchie sul tappeto. Spruzzate della schiuma da barba sul tappeto e poi strofinate con una spugna bagnata. E’ sempre bene accertarsi che i colori del tappeto non stingano, facendo una prova su un angolino nascosto. In alternativa cospargete la macchia con sale oppure bicarbonato di sodio, quindi lasciate assorbire il liquido. Dopo un po’ spazzolate e passate l’aspirapolvere sulla zona trattata. E’ efficace inoltre della glicerina per scolorire la macchia seguita da un trattamento con acqua e ammoniaca. Come soluzione di emergenza sfregate la chiazza con acqua tonica o gassata.

Sul legno lucidato a cera. Strofinate lo sporco con un panno umido quindi passate la cera.

Sul legno verniciato o laccato. Strofinate con un panno umido quindi lucidate con una pezzuola di flanella.

Sulle pareti lavabili. Passare un panno umido.

Sulla tappezzeria. Strofinare con un panno umido precedentemente sfregato sul sapone secco.                                                                                    

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore