Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
Ricettario

DICEMBRE 2013

     

                                Rubrica a cura di Dada                                            

 

SCAMORZA (O  TOMINI*) CON LO SPEK

(e funghetti di bosco sott’olio)

 

SCAMORZAIngredienti

  • Fette spesse di scamorza,
  • Spek tagliato piuttosto sottile,
  • Funghetti di bosco sott’olio.

 

Preparazione:

  • Rivestire piccole fette spesse di scamorza con 1 fettina di spek.
  • Mettere ogni fettina così preparata dentro un cartoccio di carta da forno e scaldare in forno o in microonde.
  • Servire ancora nel cartoccio e accompagnare con una cucchiaiata di funghetto per ogni commensale.

 

  • Sono “tomini” per cottura alla piastra. Penso che si trovino facilmente in tutta Italia.

Rimedi della nonna

    • Foglie essiccate: Se volete ottenere delle fronde secche piene di foglie senza che queste cadano o si accartoccino, preparate un mazzo con i rami scelti e mettetelo a bagno in un vaso con una soluzione di acqua e glicerina (2 parti di acqua, 1 di glicerina) dopo aver inciso a croce l’estremità recisa (la base dello stelo). In questo modo la glicerina penetra nelle fronde mantenendo le foglie ben tese anche una volta secche. La composizione va lasciata nel vaso per una settimana circa, avendo cura di rinnovare la miscela liquida almeno dopo tre giorni. Se le foglie dovessero iniziare ad arrotolarsi potrete rinvigorirle stirandole tra due fogli di carta velina. Questo, infatti, è uno dei metodi per schiacciare le foglie da essiccare: metterle tra due fogli di carta velina e poi stirarle con il ferro appena caldo. Il processo di essiccazione dovrà poi continuare in un ambiente ventilato e buio. In alternativa potrete metterli tra due fogli di carta assorbente e pressarle o con l’apposita pressa o con i tomi dell’Enciclopedia.
    • Fiori finti: Per arricchire un mazzo di fiori freschi, aggiungetevi qua e là anche quelli artificiali cercando di conferire alla composizione un aspetto naturale.
    • Per spolverare i fiori sintetici: utilizzate una spazzola a setole morbide oppure un asciugacapelli per soffiare via la polvere. Potrete anche aspirare con l’aspirapolvere a condizione che sia dotata della bocchetta con setole. Se i fiori sono di plastica, inseriteli in una capiente busta di plastica contenente del sale fino quindi, tenendola ben chiusa, agitate con cura in modo che il sale si depositi sui fiori e rimuova bene lo sporco, dpo di che sciacquate e lasciate asciugare.
    • Per ravvivare i fiori di stoffa: vaporizzateli con il ferro a vapore oppure teneteli sopra ad una pentola di acqua in ebollizione.
    • Fiori secchi: I fiori da essiccare devono essere molto freschi perché quelli completamente sbocciati tendono a sbriciolarsi. Legateli in mazzi ed appendeteli con le corolle rivolte verso il basso in un luogo ben ventilato e al riparo dell’umidità. Devono, inoltre, essere protetti dalla luce diretta del Sole che sbiadisce i colori; sarebbe ottimale un ambiente buio. Per accelerare l’operazione potrete anche utilizzare il forno a temperatura molto bassa. Per renderli più resistenti vaporizzarli con della lacca e per spolverarli convogliare sul mazzo il getto d’aria dell’asciugacapelli. Per le decorazioni natalizie potete tingerli di rosso, oro o argento con delle bombolette spray, aggiungendo al caso dei brillantini. Volete ottenere i fiori schiacciati da usare per dei quadretti? Metteteli tra due fogli di carta assorbente e poi all’interno di una pressa o in mezzo ad un libro molto pesante con sopra altri tomi per aumentare la pressione.

     

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore