Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 
Ricettario

DICEMBRE 2016

     

 

MINESTRA DI CASTAGNE CON RISO ALLA CUNEESE

Dada

 

 

Ingredienti per 4 persone

 

  • 500 gr. di castagne secche
  • 400 gr. di riso
  • 100 gr. di burro
  • 100 gr. di formaggio grattugiato
  • 1 pizzico di cannella in polvere
  • sale

 

Preparazione:

 

  • Lasciate a bagno una notte le castagne perché si reidratino. Fatele cuocere in una pentola con acqua salata e, quando saranno morbide, aggiungete il riso e allungate con acqua bollente salata se serva.
  • Quando il riso sarà cotto, condite la minestra con burro, sale, formaggio, e un pizzico di cannella in polvere
  • Servite subito.

Rimedi della nonna

Acqua

Presenza di calcare. Quando l’acqua del rubinetto risulta essere troppo ricca di calcare non perdetevi d’animo: per ridurre i suoi effetti dannosi (ad esempio sui capelli e sul bucato) sarà sufficiente aggiungervi alcune gocce si succo di limone o aceto. Alcuni la fanno bollire per pochi minuti: una volta freddata, considerevole parte del calcare in essa contenuto, si depositerà sul fondo della pentola.

Sapore. L’acqua, si sa, è incolore, inodore e insapore. Eppure niente come l’acqua disseta e non stanca mai. Nelle calure estive, quando i nostri avi lavoravano faticosamente nei campi, non potendo avere altre bibite, correggevano l’acqua con alcune gocce di aceto: vi assicuro, è superdissetante!. Altre varianti, per rendere più gradevole il gusto, si possono ottenere aggiungendo del succo di limone o delle foglie di menta. Secondo una moda recente, invece, in maniera più originale, potrete immergere nel bicchiere delle rondelle di cetriolo.

Macchie di acqua (anche piovana) sulla lana. Ponete un panno umido sulla macchia e con il ferro da stiro asciugate fino a farla evaporare completamente.

Macchie di acqua (anche piovana) sulla seta. Per toglierle potete ricorrere al metodo consigliato per la lana: cioè sfumare col ferro caldo e panno umido. Ottimi risultati se coprirete la macchia con del cremor di tartaro (reperibile in farmacia, nei supermercati e negozi di forniture per pasticcerie). Quando la polvere sarà asciutta, spazzolate bene. Se la macchia fosse già secca, inumiditela bene prima di agire.

Macchie di acqua (anche piovana) sul velluto di cotone. Se stirerete al rovescio il tessuto inumidito, la macchia evaporerà.

Macchia di acqua (anche piovana) sulla pelliccia. Passate sul capo una spazzola (o una pezzuola) umida.

Macchia di acqua (anche piovana) sulla pelle. Dovrete sfumare con il vapore oppure passare un panno umido, ma entrambe le operazioni dovranno essere fatte su tutto il capo.

Macchia di acqua (anche piovana) sulle tappezzerie. Convogliate il vapore con il ferro da stiro e poi sfumate i contorni della macchia strofinando con un panno morbido.

Macchie di acqua sui mobili in legno. Coprite la macchia con alcuni strati di carta di giornale, quindi appoggiatevi sopra il ferro da stiro appena caldo per asciugarla. Se sulla superficie si forma un alone biancastro dovuto all’umidità, tamponate con un panno intriso di olio e alcool. Sul legno trattato a cera, invece, strofinate la macchia con un tappo di sughero, poi passare della carta vetrata, e ristendete la cera.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore