Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 
Ricettario

FEBBRAIO 2009

     

Zuppa di pesce alla pugliese

Da “Il grande ricettario” di Gualtiero Marchesi, ed. De Agostini

 

Tempo di preparazione: un'ora. Tempo di cottura: un'ora

 

Ingredienti. (dosi per quattro persone):

  • 800 gr. di pesce assortito (scorfani, triglie, cernie, ecc.)
  • mezzo chilo tra seppie, cozze e gamberi
  • 400 gr. di pomodori, pelati e privati dei semi
  • una cipolla – una costola di sedano – uno spicchio d'aglio
  • un mazzetto di prezzemolo
  • tre cucchiai di olio d'oliva – sale – pepe

 

Procedimento:

  • Lavate e spazzolate con cura le cozze; fatele aprire al vapore e scartate la mezza valva senza mollusco. Pulite tutti gli altri pesci. Togliete gli occhi, la bocca e gli intestini alle seppie, staccate la testa, lavatele bene e tagliatele a listerelle.
  • Affettate la cipolla e fatela rosolare nell'olio insieme all'aglio tritato. Aggiungete i pomodori, il sedano tagliato a pezzetti, le foglie di prezzemolo. Salate e pepate.
  • Aggiungete un po' d'acqua calda quando le verdure saranno appassite e poi aggiungete le seppie, le cozze e i gamberi.
  • Quando saranno cotti unite gli altri pesci e portate a termine la cottura a recipiente coperto.
  • Servite la zuppa ben calda.   

Rimedi della nonna

(da “Come fare se…” di Frate Indovino)

 

Acqua di Colonia

Piccola curiosità storica. Non sono del tutto chiare le vicende che legano Giovanni Paolo Feminis e Giovanni Maria Farina riguardo l’invenzione dell’acqua di Colonia, profumo tuttora molto apprezzato. Il primo era un mercante piemontese che alla fine del ‘600 conduceva la sua attività nella valle del Reno presso la città di Colonia, il quale, si dice, vendesse tra le sue mercanzie, un’acqua mirabilis (acqua delle meraviglie) fatta con vino distillato, oli essenziali di bergamotto, lavanda e rosmarino. Feminis affermava di aver acquistato la ricetta segreta della sua colonia da un monaco. La vendeva in particolare come panacea per i mal di stomaco e le gengive sanguinanti. Di certo l’acqua mirabilis gli diede fama, ma fu un suo parente, Giovanni Maria Farina (la madre del Feminis sarebbe stata cugina di una nonna di Farina), che, intorno alla prima metà del ‘700 gestì la commercializzazione dell’Acqua di Colonia e la sua diffusione.

 

Scelta di un profumo personale. Quando si sceglie un profumo è bene provarlo sulla pelle del polso. Al contatto con l’epidermide, infatti, esso può alterare la sua fragranza.

Come mettere un profumo. Il profumo vaporizzato abbondantemente sulla persona quasi mai è gradevole. Sarebbe consigliabile mettere solo alcune gocce in limitate zone del corpo come il retro delle orecchie, le spalle, l’incavo del gomito, i polsi e il retro delle ginocchia.

Perle e pellicce. Il profumo non va mai vaporizzato direttamente né su perle né su pellicce.

Conservazione. Una volta aperto il flacone, il profumo non si mantiene a lungo, ma evapora facilmente; vi consiglio perciò di acquistare boccette piccole. Il profumo si conserva meglio al riparo della luce e nei luoghi freschi ( il frigorifero sarebbe l’ideale)

 

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2018
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore