Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 
RICETTARIO E RIMEDI DELLA NONNA

GIUGNO 2007

     

R i c e t t a r i o

Salsa genovese

 

Ingredienti: .   Prezzemolo. Aglio. 6 acciughe. gr 25 di pinoli. 25 gr. di capperi. Cetriolini. Olive in salamoia. Origano. Mollica di pane. 4 tuorli d'uovo. Olio. Aceto. Sale. Pepe.

 

Procedimento:    Mettete nel frullatore una buona quantità di prezzemolo, uno spicchio d'aglio, le acciughe lavate e spinate, i pinoli, i capperi, qualche cetriolino, qualche oliva snocciolata, un pizzico d'origano, una mollica di pane inzuppata nell'aceto e spremuta, 2 tuorli crudi e due cotti. Raccogliete il composto in una terrina. Montate con la frusta, amalgamandoci l'olio, aceto, sale, pepe, e portando la salsa alla densità di una maionese non troppo sostenuta.

   Questa salsa si presta ad insaporire il pesce lessato.

 

Gronco

 

Ingredienti:    murena, pinoli, aglio, acciughe, cipolla, prezzemolo, olio, vino, sale, pepe .

 

Procedimento:    E' un piatto squisitamente genovese, dove il gronco è la murena. Si puliscono 800 gr. di murena, si tagliano a grosse fette e si asciugano bene avvolgendole con un tovagliolo. Si pestano intanto nel mortaio 4 cucchiai di pinoli e 6 filetti di acciuga; si trita una cipolla, si fa soffriggere in poco olio con un pizzico di prezzemolo tritato e, non appena la cipolla prende colore, si unisce il pesto di pinoli e di acciughe. Dopo pochi minuti si uniscono anche le fette del pesce, che si fanno rosolare a fuoco vivo da tutte e due le parti. Si condisce con sale, pepe, un bicchiere di vino bianco secco e si finisce la cottura in forno finché il vino non sia completamente evaporato. Si serve poi con tutto il sugo.

R i m e d i  d e l l a  n o n n a

Auto massaggio alle gambe: Comincia logicamente dalle caviglie. Con i polpastrelli di pollice e indice, o anche con le prime falangi di queste dita, si fanno sfioramenti abbastanza energici e discontinui. I polpacci si trattano a mani piene, con movimenti alternati, sempre dalla caviglia, con le 5 dita, fatte a conca; sul lato tirare da dietro verso il lato anteriore della coscia, modellandola. I glutei, essendo molto muscolosi, sopportano anche un massaggio più energico, vibratorio, ma sempre a dita larghe, mai dando pizzicotti intensi che sarebbero irritanti per la pelle, e sempre modellando all'insù.

La mani:    Prima di tutto si tirano le dita, uno per uno, e si fanno roteare ma senza scuotere. Poi si prende ogni dito fra pollice ed indice dell'altra mano e si massaggia con movimento continuo e, contrariamente al resto del corpo, dalla radice verso la punta. Il resto della mano viene massaggiato invece in direzione cuore, con sfioramento a mano piena.

Le braccia:   si massaggiano aprendo e facendo passare il braccio tra indice e pollice, con movimento dolce ma continuo.

La vita:   può essere pizzicata di più, sempre tra indice e pollice, partendo dal lato e salendo verso le ascelle, e sulla schiena, salendo dalla vita lungo i lati della colonna vertebrale fin dove si arriva da soli. Lo stesso movimento si ripete partendo dal coccige e salendo lungo i lati della spina dorsale.

La pancia:   va massaggiata con movimenti circolatori dalla mano aperta, partendo dall'inguine destro, salendo verso la vita, attraversando e scendendo sul lato sinistro, per seguire il corso dell'intestino e favorirne la peristalsi (anziché ostacolarla, con movimenti in senso contrario al suo percorso naturale). Il tessuto della pancia può anche essere preso fra le dita e “rotolato” dolcemente per attivare la circolazione e prevenire le smagliature.

Il seno:   va trattato solo con sfioramento, da sotto in su con la mano a coppa. Poi, sostenendolo con una mano sotto, si sfiora sopra con movimento verso l'esterno.

Nuca e spalle:    Se si riesce a restare abbastanza rilassati durante questa parte dell'auto massaggio, è senz'altro una buona pratica. Sulla nuca si dovrà restare ai lati delle vertebre, mai sopra. Dalla nuca si scorre in direzione delle spalle con le punte delle dita.

 

 


Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore