Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 
Ricettario

GIUGNO 2010

     

 

Le ricette sono tratte da “La cucina del cuore” di R. Ferrari e C. Florio

Le ricette sono di Claudia Florio che ne detiene i diritti.

 

Cocomero allo yogurt

 

Ingredienti:

 

  • Un cocomero tondo e piccolo,
  • 150 gr. di yogurt magro
  • Un limone
  • Un pizzico di cannella in polvere

 

Procedimento:

 

    • Tagliare la calotta di un cocomero e metterla in frigo.
    • Svuotare il cocomero con uno scavino e formare delle palline. (Se non si ha questo strumento si può tagliare la polpa a pezzetti).
    • Mettere la polpa così tagliata in una coppa e condirla con il succo di limone e striscioline di buccia di limone senza la parte bianca.
    • Tenere in frigo per 2 ore e girare di tanto in tanto.
    • Condire lo yogurt con la cannella.
    • Togliere il liquido formatosi nella coppa e unirvi lo yogurt.
    • Versare il tutto nel cocomero, mescolare bene, coprire con la sua calotta e servire.

Rimedi della nonna

Dal libro “Le cure miracolose di Suor Ildegarda” Ed Piemme

CURA DEI CAPELLI

 

            Una cattiva irrorazione sanguigna del cuoio capelluto, spesso associata a un'alimentazione errata, allo stress (oggi potremmo aggiungervi le sostanze inquinanti presenti nell'aria» che ai tempi di Ildegarda ovviamente non esistevano), causano sovente il manifestarsi della forfora, prima, e della calvizie poi. Gli shampoo in commercio raramente risolvono il problema, prima di tutto perché si limitano a intervenire sul sintomo esterno di una malattia che invece è interna all'organismo; inoltre essi alla lunga nuocciono al cuoio capelluto, strapazzandolo con sostanze chimiche troppo forti.

            Lo stesso accade nei casi di capelli grassi: più lo shampoo sgrassa il capello con detergenti aggressivi, più il cuoio capelluto tende ad aumentare la produzione di sebo per difendersi. E così ci si ritrova intrappolati in un circolo vizioso, di cui non ci si rende conto se non quando è troppo tardi.

            Inizialmente, infatti, dopo il lavaggio la chioma appare effettivamente più lucente, priva di forfora o di grasso, e così si è indotti a lavaggi sempre più frequenti e nocivi.

            La natura, e prima ancora Dio!, ci offrono invece queste soluzioni alternative.

 

RICETTA

 

  • Estratto di ortica 15 gr.,
  • Estratto di barbana 5 gr.,
  • Alcool puro 100 gr.,
  • acqua di rose 100gr.

 

Innanzitutto si prepara una frizione mescolando tutti questi ingredienti, poi la si applica sul cuoio capelluto, massaggiandolo, alla sera, senza risciacquare.

Dopo una ventina di giorni l’aspetto dei capelli è già visibilmente migliorato

 

Altrimenti, soprattutto contro la forfora, possiamo prepararci in casa uno schiamo naturale e non aggressivo.

 

 

RICETTA

 

Fare mescere 40 gr. di viole in mezzo litro d’acqua e poi bollire il tutto e filtrare; usarlo come shampo per qualche settimana.

 

RICETTA

 

  • Rosmarino 30 gr.,
  • Semi di psillio 20 gr.,
  • Chiodi di garofano 10 gr.

 

Fare una miscela con i tre ingredienti in quantità sufficiente a ricoprire tutta la chioma; applicarla sui capelli ancora bagnati facendo bene attenzione di arrivare al cuoio capelluto; coprire la testa con un telo (ma oggi abbiamo a disposizione anche le cuffie da doccia) e lasciar agire per 15 minuti, poi

sciacquare e lavare con uno shampoo neutro o comunque delicato. Se non avete tempo di prepararvi quello naturale, che vi ho consigliato, potete ricorrere a uno shampoo per bambini.

Fare l'impacco una volta alla settimana, cercando di evitare l'uso del casco o del phon (regola che comunque dovrebbero sempre essere rispettata), perché le fonti di calore così forte danneggiano qualsiasi tipo di capello.

Ai tempi di Ildegarda questi aggeggi neppure esistevano, mentre oggi quasi non sappiamo più cosa significhi asciugarsi la testa al sole e all'aria!

 

Per quanto riguarda invece specificamente la calvizie si può usare questa frizione naturale.

 

RICETTA

  • Bardana 20 gr.,
  • Ortica 20 gr.,
  • Alcool puro 1 cucchiaio

 

Far bollire le radici di entrambe le erbe in un litro d'acqua, lasciare in infusione e poi filtrare.

Aggiungere un cucchiaio da tavola di alcool puro e usare il preparato frizionando il cuoio capelluto mattina e sera.

 

GONFIORE AI PIEDI

 

Spesso legato a problemi circolatori, il gonfiore delle estremità colpisce numerose persone, ma soprattutto le donne, specie quelle in menopausa.

E’ un disturbo che nella maggior parte dei casi tende ad aggravarsi e a divenire doloroso.

Esso si riduce stando sdraiati e con i piedi leggermente sollevati, ma pochi se lo possono permettere!

Si può ricorrere allora a diversi rimedi:

 

RICETTA

  • Iberico 49 gr.
  • Equiseto 40 gr.

 

Si mescolano gli ingredienti e se ne mettono due cucchiai da cucina in infusione in una tazza d’acqua, per 10 minuti circa. Poi si filtra il tutto e lo si beve, preferibilmente al mattino appena svegli.

 

 

 

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore