Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  DignitÓ umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Ges¨
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  AttualitÓ
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunitÓ ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e VeritÓ (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Ges¨ spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e VeritÓ (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e veritÓ (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Bioetica (2004-2005)
  Vite travagliate(2004-2005)
  SpiritualitÓ nell'arte (2004-2005)
  Relazioni parentali (2004-2005)
  I nostri talenti (2002-2003)
  Virtu eroiche di M. Speranza (2002-2003)
  A servizio della famiglia (2002-2003)
  Forti nella tribolazione (2002-2003)
  Il nostro logo ALAM (2002-2003)
  Contro corrente (2002-2003)
  Preghiera per la pace (2002)
  SEZIONI NON FISSE
 
Ricettario

MARZO 2014

     

                               Rubrica a cura di Dada                                            

 

FRITTATA DI SCAMORZA E BASILICO

SCAMORZA

Ingredienti

  • 1 scamorza
  • 1 mazzetto di basilico
  • Olio q.b.
  • 5 uova
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b.

 

Preparazione:

  • Tagliare a cubetti la scamorza.
  • Pulire il basilico
  • Mettere tutto nell’uovo sbattuto con poco sale e pepe.
  • Friggere in padella antiaderente, da ambo le parti.
  • Servire con un’insalata di sedano.

Rimedi della nonna

    • L’alcantara: E’ veramente facile da pulire: va anche in lavatrice! Tuttavia questo potrebbe rivelarsi non necessario in quanto la maggior parte delle macchie si toglie sfregando bene con una pezzuola o con una spugna bagnata in acqua tiepida e sapone neutro. Se lo sporco risultasse un po’ più tenace, tamponate con una pezzuola imbevuta di alcool denaturato.
    • Alcool. Per ripulire un capo macchiato da bevande alcoliche, immergetelo tempestivamente in acqua fredda con qualche goccia di glicerina (le macchie vecchie tendono a scurirsi). Durante il risciacquo aggiungete all’acqua dell’aceto bianco.
    • Per eliminare le macchie di alcool  dal legno incerato usate essenza di trementina. Se il legno è chiaro versate sulla macchia un po’ di olio alimentare per uniformare i colori.
    • Accendere delle candele in casa è sempre gradevole: creano una rilassante atmosfera che aiuta a quietare l’animo. Per pulire le candele è sufficiente dell’acqua saponata. Volete evitare che la cera coli? Un buon rimedio è lasciare le candele a bagno in acqua salata per almeno 8 ore. Per farle durare più a lungo, metterle nel congelatore per qualche ora, oppure cospargete un po’ di sale fino intorno allo stoppino. Quando sulle candele “in vetro” la cera rimane solida sui bordi consumandosi solo al centro, potete riportarla allo stesso livello riscaldando il vasetto per qualche minuto a bagnomaria.
    • Candelieri. Se desiderate togliere la cera dai candelieri, metteteli nel freezer finché la cera non sarà congelata e poi rimuovetela con le unghie: si staccherà facilmente. In alternativa potrete coprire la parte di candeliere sporca di cera con della carta assorbente e scaldare con un asciugacapelli da una distanza molto ravvicinata. Potete anche immergere il candeliere in acqua bollente e una volta liberato dalla cera che si scioglierà nell’acqua, tamponate subito con della carta assorbente. Fate attenzione al materiale di cui è fatto perché con l’acqua bollente potrebbe rovinarsi. Un tempo si usava immergere nella pentola dell’acqua calda (insieme al candeliere) un sacchetto di cotone contenente cenere di legna per agevolare la pulizia.

     

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore