Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE

  Gaudete et exsultate (cammino di formazione 2018-2019)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Valori e disvalori
  Sulle tracce dei Patriarchi
  Cultura Cattolica
  Storia delle idee
  Stop all'azzardo
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


OTTOBRE 2005

     

Non ci si improvvisa pro-life

E' molto interessante e bello che tantissime persone in Italia abbiano scoperto e “riscoperto” il valore della vita nascente e la sua inviolabile dignità.

Tutti pro-life?

Sarebbe un capovolgimento travolgente della cultura abortista.

Come opinione personale penso che sia invece questo il concetto ancora più diffuso: “Se una donna vuole abortire purtroppo è una scelta sua,… ma che si usino embrioni proprio no!”. Quindi la legge 40 andava almeno salvaguardata, e così è stato.

Voglio dire che essere pro-life è ben più di un'opinione personale pro-embrione.

Quando si guarda negli occhi una donna che vuole abortire e ci si sente travolti dalla sua vita, molte volte disgraziata, occorre rimanere fermi e convinti alleati del bimbo che porta in grembo. Non è facile perché le parole di speranza e di fiducia che le diciamo ci sfiorano appena, dato che noi ce ne torniamo alla nostra bella casa e bella famiglia, lasciandola con i suoi guai. Per esperienza personale, ormai da venticinque anni, ho visto che più si capisce il vero significato delle parole pro-life più si riesce a pronunciare parole che contano.

Ma nonostante “parole che contano” molte volte la donna incontrata ha abortito, anche se sembrava convinta a far nascere il bimbo mentre la salutavamo sulla porta, e le offrivamo aiuto economico, amicizia, condivisione e beni in natura.

Quanto dolore e quanta vita sconfitta!

Abbiamo imparato a conoscere il vorticoso alternarsi di incertezze che la donna avverte nel suo intimo, la sua paura, ma anche il suo cieco orgoglio, il potere di vita o di morte che sa di esercitare con la legge dalla sua parte, le sue bugie, false giustificazioni, la sua debolezza e fragilità.

Per essere pro-life convinti occorrono molta esperienza, forza interiore, fermezza; occorre anche avere avuto un buon “maestro” di queste situazioni.

La legge 194 è sbagliata e andrebbe cambiata. Lo diciamo da sempre, perché la legge sull'aborto incatena la donna alla sua paura e alla sua decisione di morte. Dall'aborto non si torna indietro, e permettere alla donna di abortire solo perché la gravidanza è inaspettata o la donna è triste, è un grave errore. Soprattutto per lei, oltre che per il povero bimbo soppresso, perché le sequele psichiche, relazionali e genitoriali si faranno sentire. La donna sa che ha ucciso, anche se si sforza di dimenticare e di razionalizzare. Dirle addirittura che è un suo diritto significa volerle male per tutta la vita.

Le parole di un pro-life sono sempre più difficili di un pro aborto perché quelle dell'abortista si sposano perfettamente con la paura della donna e i suoi “diritti”, mentre quelle di un pro-life parlano di coraggio, sforzo e di “dovere”. Un pro aborto va in discesa, mentre un pro-life va in salita.

Infatti un pro-life in televisione è più impacciato nelle parole di un pro aborto, i quali di solito gridano di più perché devono a tutti costi difendersi, perfino dai loro stessi dubbi.

La paura generata da una gravidanza inattesa va contrastata con determinazione ed amore, perché se riuscirà a resistere alla paura e partorire il bimbo, sarà la prima a ringraziarci e a credere fortemente in se stessa.

Penso che non dovremmo avere nessun timore nel dire che la legge sull'aborto è sbagliata. Affermare che almeno sia veramente applicata nei punti pro vita è importante, ma ancora troppo poco.

Chi è pro aborto accoglie meglio la coerenza tutta intera dei pro-life piuttosto che le mezze misure. Ne sono convinto perché il pro aborto sente, nel suo intimo, che cambierà solo davanti a parole chiare e forti. Lui sa che noi abbiamo ragione, perché si rende conto che si aggrappa a concetti di morte e li difende con cinismo, spesso gridando davanti alla telecamera. La legge 194 fa del male anche a lui, perché lo conferma nelle sue false ragioni, e lo blocca psicologicamente.

I pro aborto si danno man forte l'uno con l'altro, si guardano negli occhi facendosi cenni di complicità, si giustificano con ragionamenti teorici. Lo fanno perché hanno bisogno uno dell'altro, e perché le loro ragioni non stanno in piedi da sole ma solo in gruppo; se uno cede c'è subito l'altro che dà man forte.

Anche la donna che vuole abortire si circonda di amiche che la pensano così, e che magari hanno abortito. La cultura abortista ha bisogno del “gruppo” e di grida concitate, perché altrimenti non riesce ad automantenersi.

Il pro-life invece è solo e si rende conto che deve affrontare un errore trasformato in diritto; è solo anche con se stesso, e per questo le sue motivazioni hanno bisogno di allenamento, di riflessione profonda. Riesce a star solo perché la sua idea è lineare e semplice, sta in piedi da sola.

I pro aborto sono sfuggenti e hanno paura delle obiezioni perché fanno barcollare l'idea abortista, la quale per stare in piedi deve essere arrogante e chiusa. I pro-life possono avere qualche tentennamento di fronte alla finta sicurezza dei pro aborto, ma chi è alleato della vita sa di essere nel giusto. Questo rende tranquillo ed irremovibile il pro-life nella sua coscienza, anche se all'apparenza sembra perdente e fuori moda.

La fecondazione artificiale si basa sul fatto che l'embrione umano è solo un cumulo di cellule, che è la stessa identica idea che sottende l'aborto.

Questo è uno dei motivi che fanno dire al pro-life con sicurezza che la fecondazione artificiale è sbagliata nella sua origine.

Quindi un pro embrione “deve” essere un pro-life.

Il piccolo embrione di uomo ci interroga e ci mette di fronte ad una scelta che il 74,5 % degli italiani aventi diritto al voto dovranno… pian piano affrontare.

Non ci si improvvisa pro-life.

Gabriele Soliani, Reggio Emilia

Messaggio di Medugorje del 25/6/05

Cari figli, oggi vi ringrazio per ogni sacrificio che avete offerto

secondo le mie intenzioni.

Vi invito, figlioli, ad essere i miei apostoli della pace e dell'amore

nelle vostre famiglie e nel mondo.

Pregate lo Spirito Santo affinché vi illumini e guidi sulla via della santità.

Io sono con voi e vi benedico tutti con la mia benedizione materna.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio a Ivanca

Cari figli, amatevi gli uni gli altri con l'amore di mio Figlio.

Pace, pace, pace!


 

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 7 agosto 2019
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore