Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


GENNAIO 2018

     

La verità: “Grande Sorella”

 

Se mi avessero detto di mettere per iscritto che non avrei mai seguito in televisione “Il grande Fratello”, avrei firmato senza esitazione.

In via generale non mi sono ricreduta sulla mia convinzione che questo genere di Format per lo più non dà un esempio edificante, specialmente per i giovani, che sono la maggioranza dei fruitori.

Mi è capitato per caso di trovare, in un canale che non ricordo, “la casa del Grande Fratello” e i suoi occupanti. Qualche viso noto ha catturato la mia attenzione, facendomi nascere curiosità prima e poi interesse per un format, che tanto avevo biasimato. Non ho seguito che alcune puntate, ma sempre con curiosità. Forse la Produzione, pur esperta nel campo, non poteva immaginare che questa edizione di fine 2017 destasse così tanto interesse. Forse fu giusta la scelta degli ospiti, forse furono alcune alchimie createsi tra di loro, forse per il racconto del vissuto di qualcuno ad intrigare l’attenzione mia e di tanti telespettatori, coinvolti poi anche a votare chi doveva andarsene e chi doveva restare.

Io non votai mai. Per me fu interessante studiare la personalità dei personaggi in questione, quasi tutti scelti nel mondo dello spettacolo. Da questa osservazione mi colpì l’umanità che veniva fuori in ciascuno, anche quella tenuta molto nascosta, forse mai rivelata neanche a se stessi.

C’era in fondo una urgente ricerca di verità, per il bisogno forte di liberarsi dai vincoli dell’immagine, cui tutti erano bene o male, abituati a dare di sé. E questa verità, forte ma silenziosa, andava imponendosi giorno per giorno, nella misura in cui i protagonisti venivano a conoscersi meglio e tentavano di impostare delle relazioni autentiche, unite talvolta ad una certa affinità elettiva: nascevano i gruppi, si formavano le coppie.

Ecco dunque emergere delle relazioni variegate, qualcuna fatta per mero interesse, altre necessarie e cercate per capire e capirsi meglio.

Fragili tutti quanti, ciascuno a modo suo. Una umanità variegata in cammino, coinvolta in un percorso interiore. Fragilità evidenti; per qualcuno strazianti, fiorite a mala pena dal fango di chi, entrando nella loro vita, aveva contribuito a capovolgere la verità. Un misto di immagine data in pasto ai “guardoni” dalla serratura del “Grande Fratello” e di solitudine esistenziale. Vittime qualche volta, altre volte carnefici nel forgiare il proprio destino o quello degli altri.

E intanto, in questo misto di leggerezza, di superficialità, di lacrime, di esibizioni, di cose confessate, di innamoramenti fugaci, di amicizie nascenti, di tempeste emotive, di sentimenti contradditori, l’Italia votava per eliminare dalla Casa via via uno o l’altro. Cinismo o gioco?

Montare uno spettacolo quale “Il Grande Fratello Vip” fu impresa titanica. Un anno di lavoro che coinvolse più di duecento persone, tra esperti del settore a maestranze. Un colosso mediatico, che tanto ti esalta e ti offre visibilità se serviva a fare soldi e altrettanto ti scarta e ti dimentica quando non servi più e, nella Casa, le vittime inconsapevoli. Gente desiderosa di successo e di piccoli guadagni, alcuni tesi a riprendersi, invece, un successo che si stava appannando.

Ma poi il tempo nella Casa fu, come si dice, galantuomo e ciò che in molti di loro era fondamentale, col passar del tempo, diventò a tratti volatile e saltò fuori la verità a sfamarli e ricompensarli, più del denaro. Quella verità che interpellò tutti nelle loro reciproche relazioni, senza compromessi. Vennero a galla alcuni valori: la solidarietà, la riconoscenza, l’amicizia vera, la purificazione da antichi e radicati vizi. Per alcuni fu una catarsi. Altri non capirono. Vidi serpeggiare l’invidia di qualcuno, ben mascherata nel dichiarare che tutto era in fondo un gioco.

Chi comunque a fatica riuscì, dopo questa esperienza, a riappropriarsi della libertà interiore, uscì dalla casa rigenerato; chi non capì nulla, nulla era quando entrò, nulla rimase quando uscì, peccato!

Penso che tornerò  vedere la prossima edizione de “Il Grande fratello Vip”, per specchiarmi in questa società variegata, così interessante e così fragile nelle sue contraddizioni. Contraddizioni che sono di questo mondo dove tutti, proprio tutti, dovremmo cercare di capire qualcosa di più, confrontandoci e cercando di trarre dal male sempre qualcosa di buono da elaborare e fare nostro.

Sarà sempre più impegnativo, dato l’ultimo recente successo, da parte della Produzione, trovare quella alchimia nel mettere insieme, per mesi, i personaggi giusti. Un successo meritato! Staremo a vedere.           

                                                                                   Dada

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore