Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


MAGGIO 2018

     

 

 

L’Infinito Giacomo Leopardi

 

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di là da quella, e sovrumani

silenzi, e profondissima quiete

io nel pensier mi fingo; ove per poco

il cor non si spaura. E come il vento

odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. Così tra questa

immensità s’annega il pensier mio:

e il naufragar m’è dolce in questo mare.

                       

Risultati immagini per l'infinito di giacomo leopardi

           

“Sempre caro mi fu quest’ero colle,

            e questa siepe …”

            Un colle silenzioso, quasi un eremo in cui rifugiarsi per meditare e contemplare le bellezze della natura. Una siepe radicata sul colle, quasi una paratia, un freno a quella vita che va oltre quella che ci è data. Il poeta si mette a sedere e guarda: non vede soltanto ma guarda. E guardando approfondisce un suo “sentire”, quel qualcosa che altre volte forse aveva guardato e sentito.

            Sempre caro mi fu quest’ermo colle: dunque già altre volte quello era stato per lui un luogo familiare. Ma quel giorno accade qualcosa di inaspettato; gli si svela il mistero, che in qualche modo gli era stato impedito da quella siepe. Ora egli va oltre la siepe finalmente, ci va con gli occhi della mente e il sentire dell’anima: è il fascino ineffabile dell’Oltre. E’ il possedere l’orizzonte, è il sentire che il Creato ha un’anima vibrante, che si esprime in un vento fremente fra le fronde. C’è sgomento sentirsi parte del Cosmo e percepire che il tutto è contenuto in noi, perché noi siamo abitati da quell’Oltre.

            C’è il superamento della siepe. La siepe siamo noi. La siepe non si può muovere, è radicata

nell’humus che è parte della nostra materia. Ma noi siamo di più, capaci di un superamento del sé, capaci del trascendente.

            Il silenzio, la contemplazione, il contatto rispettoso e ricco di meraviglia con la natura ci aprono orizzonti sconosciuti e ci svelano la verità sulla NOSTRA natura. Ci accorgiamo che i sensi della materia, di cui siamo fatti, possono andare oltre l’uso che ne facciamo, e che possiamo svelare il “di più” che è in noi.

            Gli occhi, semplice organo che media tra l’immagine e il pensiero, serve anche a guardare e non solo a vedere; dove guardare  è un dare significato all’informazione che ci viene data, ma che il nostro “sentire” fa andare oltre, arricchisce ed offre dei valori aggiunti e inaspettati. Ecco la meraviglia! Non più paure, non più egoismi, ma il senso di contenere “qualcosa” che si svela e ci consente di volare verso l’Infinito, quell’Infinito che il poeta così magistralmente ci ha espresso nella sua poesia.

            Non c’è più niente intorno che frena e trattiene: siamo liberi, capaci di aprirci alla nostra vera essenza, liberi da attaccamenti effimeri, capaci di volare “oltre il sole e l’etere …” per aprirci al “linguaggio dei fiori e delle cose da niente …”

            E’ da questa libertà e da questo sentire che nascono i valori veri. E’ dal dimenticarci fiduciosi in Dio che affiorano i valori, concretizzazione dell’Ineffabile.

            I valori sono il linguaggio di ciò che non si può spiegare, ma che rendono prezioso l’agire dell’uomo.

Elevazione Charles Baudelaire

Risultati immagini per Elevazione

 

 

 

Al di sopra degli stagni, al di sopra delle valli,

delle montagne, dei boschi, delle nubi, dei mari,

oltre il sole e l’etere, al di là dei confini delle sfere stellate,

anima mia tu ti muovi con agilità,

e, come un bravo nuotatore che fende l’onda,

tu solchi gaiamente, l’immensità profonda

con indicibile e maschia voluttà.

Via da questi miasmi putridi,

va’ a purificarti nell’aria superiore,

e bevo come un puro e divin liquore

il fuoco chiaro che riempie i limpidi spazi.

 

Alle spalle le noie e i molti dispiaceri

che gravano con i loro pesi sulla grigia esistenza

felice chi può con un colpo d’ala vigoroso

slanciarsi verso campi luminosi e sereni;

colui i cui pensieri, come allodole,

verso i cieli al mattino spiccano il volo

che plana sulla vita, e comprende senza sforzo

il linguaggio dei fiori e delle cose mute.

                                                                                                           Rubrica a cura di Dada

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore