Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


NOVEMBRE 2017

     

La speranza (Dada)

            C’è un momento, nel racconto evangelico, in cui, sul cammino di Gesù, entra in scena un giovane ricco.

            I due s’incontrano e Gesù, prima di sapere che cosa il ragazzo gli dirà, lo guarda e lo ama. Significativo questo inizio. Gesù vede in quella persona un fondo di ingenuità.

            Il giovane gli parla della sua vita in poche parole e annuncia che sempre ha ottemperato ai suoi doveri di persona ligia e timorata di Dio. Con poche parole in sostanza egli intende sottolineare le virtù che ha esercitato nella sua ancora breve vita. Che cosa dovrà ancora fare per accontentare Dio? E Gesù risponde con una frase provocatoria: “Lascia tutto e seguimi”.

            Ma il ragazzo se ne va, un po’ deluso, certamente sconsolato.

            Lo amò Gesù quel giovane, perché ne scrutò il cuore e ne vide il suo candore. Il giovane uomo doveva ancora riflettere sul suo vissuto, capirne il significato profondo, vivere con crescente consapevolezza le virtù annunciate.

            Gesù perciò lo lasciò andare alla conquista di sé.

            Che ne sarebbe di quel giovane se incontrasse Gesù ai giorni d’oggi?

            Quale risposta gli darebbe il Signore?

            Certamente ne vedrebbe il cuore, come allora e, se possibile, lo amerebbe di più. Perché il giovane ricco dei tempi attuali ha bisogno prima di tutto di uno sguardo di misericordia.

Gesù ne vedrebbe il cuore straziato dalla sazietà delle cose del mondo, pieno di certezze che sono il contrario della Speranza di cui è pregna la Buona Novella. Certezze in un mondo che ha spalancato le porte alla tecnologia a al progresso conseguente, in vista della felicità e del benessere, sbandierati come un diritto.

L’accumulo dei prodotti del benessere, la libertà individuale annunciata da certe filosofie e praticata fino all’esasperazione, sino a confondersi con il libertinaggio, l’avidità di avere tutto e subito, hanno col tempo lasciato un vuoto.

Sazietà e certezze da una parte, dall’altra il vuoto.

Il vuoto di speranza, perché il progresso senza fine, ostentato nel “Secolo dei lumi”, l’ha privata di significato.

Il giovane lascia le virtù, le ritiene vincoli inutili, e si lascia incontrare dal luccichio dell’effimero: lo abita, lo sfrutta, lo fa suo, si arricchisce forse anche, ma chiude la porta alla speranza.. Perché la speranza è il contrario della certezza. La speranza contiene in sé la fiducia nelle proprie virtualità e dà una spinta in avanti, verso qualcosa che parte dall’uomo che ha coscienza di sé. La speranza contiene l’essenza della giovinezza, piena di entusiasmo e di fiducia.

La speranza non è calcolo, ma è attesa e consapevolezza che non tutto si può spiegare razionalmente, non tutto si può avere, ma tutto ha un senso, basta saper guardare con gli occhi della dimensione che ci porta al trascendente. L’Oltre che contiene le ragioni del cuore e dello Spirito, cui fa supporto la mente affinata da un pensiero aperto all’Infinito.

Una mente ormai libera da egoismi e da avidità, non più legata ad abitudini e certezze effimere che non portano niente di nuovo e di superiore. Un pensiero che è andato oltre l’immanente e che sa cogliere la speranza come un valore permanente e immutabile, capace di camminare in avanti ma guardando sempre in Alto.

Allora sì, quel giovane del Vangelo capirebbe che lo spogliarsi di tutto e seguire la Parola si carica di valori: fede nelle proprie potenzialità, fiducia nella Parola, speranza come attesa del superamento dell’ego per aprirsi all’Amore.

(segue) 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore