Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


GENNAIO 2014

     

 “Non chiudete gli occhi”

 

Scarpa calpestare rosa, l'amore e il concetto cuore spezzato Archivio Fotografico - 13082003            Nessuno lo sa ma la vita può cambiarti perché per un attimo decidi di chiudere gli occhi. C'è chi in autostrada socchiude gli occhi assonnato per un istante, e poi si ritrova spento, volato via in un soffio veloce. E c'è chi come me si risveglia nel buio, dove gli occhi guardano avidi e cercano nuovi orizzonti, ma trovano solo il silenzio; non esistono più i colori, le voci sono gridi e lamenti che ricordano il pianto di un bambino. Chi ha chiuso gli occhi come me sono migliaia di donne disperate che, per paura, si sono arrese davanti a un simbolo, una sigla che si confonde come una targa, ma che rimane invece un tatuaggio indelebile sulla pelle, nella mente e nel cuore: IVG.

            IVG vuol dire interruzione, vuol dire fine, vuole dire chiudere gli occhi senza il coraggio di guardare oltre, senza poter vedere un orizzonte celeste, dopo aver perso ogni fede e persino se stesse. Colpevoli appaiono le donne che sono tenute a firmare un foglio, il consenso ad uccidere tuo figlio, ma in realtà siamo tutti colpevoli, in una società che è disposta a nascondere, a eliminare, a pagare per cancellare scomode verità, e invece non si preoccupa di ciò che sta dietro allo sguardo di una madre che vorrebbe ribellarsi e tenersi il suo bimbo.

            “I” sta per interruzione, non solo di una nuova vita, ma anche della speranza, della gioia, dell'amore. Si interrompe un percorso che due persone hanno iniziato amandosi, come è successo a me.

            “V” sta per volontaria, dove quasi sempre non c'è una reale volontà, ma solo rassegnazione, paura, spavento, confusione, stanchezza. Troppo spesso sono gli uomini e i genitori a decidere o a fare di tutto per influenzarti, e nessuno ti dà una mano a scegliere di tenere il tuo bambino. Anche se poi trovi persone che ti aiutano capita che hai troppa paura e alla fine pensi di non farcela. Io avrei voluto lottare, ma quel giorno in ospedale ero così stanca e sola nell'animo che non ce l'ho fatta e mi sono arresa. Ora so che a volte bisogna perdere le battaglie. Ma tutto questo poteva anche essere evitato.

            “G” sta per gravidanza, l'esperienza più unica e speciale nella vita di una donna. Appare quasi una bestemmia per coloro che non l'hanno programmata, per quei fidanzati disattenti che dopo averti amata si tirano indietro, dicendoti che l'aborto è una soluzione ed è la cosa migliore per tutti.

            Io ho questo tatuaggio nel mio animo. Non avrei mai pensato di arrivare a questo. Pensi sempre che a te non capiterà mai. Invece è successo. Quando ho fatto il test di gravidanza ero una donna sorridente, forse spaesata, ma felice. Mi sentivo bella e potente, portatrice di vita e di amore. La mia pancia non era mai stata così bella.

            Dopo l'aborto mi sono trasformata in un cencio buio e triste, una donna svuotata alla quale è stato strappato l'animo e che si tormenta ogni mattina chiedendo a Dio: “Perché l'ho fatto?!”.

            Io non lo so perché, ho avuto paura, mi è mancato il coraggio. Perché quando sei incinta vorresti essere amata e non sentirti un fastidio. Non è così facile come può sembrare. Io mi sono ritrovata a decidere da sola in poco tempo, la mia vita stava per cambiare indelebilmente e tutto mi sembrava complicato.

            Noi tutti viviamo negli occhi dei nostri bambini. Lasciar sola una donna che sta per abortire e non far nulla per fermarla equivale a guardarla morire e togliere un nuovo sorriso al mondo.

 

 Daiana 25.05.2010

                    Pubblicato con il permesso dell’autrice, che ha partecipato al weekend della Vigna di Rachele.

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore