Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


MARZO 2014

     

 

Una parola di perdono:

La sezione 99 dell’enciclica Evangelium vitae

Kevin e Theresa Burke, Rachel’s Vineyard Ministries

 

       Nell’enciclica Evangelium vitae (sezione 99), promulgata nella Solennità dell’Annunciazione dell’anno 1995, Papa Giovanni Paolo II si rivolge alle donne che hanno patito l’angoscia e il dolore dovuto all’esperienza dell’aborto procurato. Parlando in nome dell’intero corpo di Cristo e della Chiesa Cattolica, il Papa offre un messaggio personale di speranza e incoraggiamento. Egli dice, essenzialmente: “Non siete sole. Non siete state dimenticate.”

          Fondamentalmente, la decisione di abortire che una donna prende, è una chiara indicazione che i suoi problemi, apparentemente insuperabili, hanno causato una disperazione totale. In seguito, nel mezzo della vergogna e di una angoscia che spezza il cuore, la disperazione è anche l’ostacolo più grande alla guarigione e alla riconciliazione. Tuttavia attraverso la nostra speranza in Gesù Cristo, la realtà dolorosa del passato non deve necessariamente macchiare il presente né determinare definitivamente il futuro.

         Per guarire qualsiasi ferita, dobbiamo prima sapere dove siamo stati feriti, mettendo a nudo tutti gli angoli del nostro cuore dove abbiamo provato dolore, abbandono, rifiuto, tradimento e inganno. Abbiamo bisogno di capire come e perché abbiamo permesso a noi stessi di essere raggirati e manipolati. Il percorso di guarigione inizia quando esaminiamo queste cose in modo da giungere ad una piena comprensione di chi siamo davanti a Dio, con le nostre debolezze, le nostre forze e le nostre tentazioni particolari. L’onestà necessaria per la guarigione comincia con l’ammettere che siamo stati ingannati: E’ morto un bambino; proprio una parte di noi stessi è morta, e la nostra relazione spirituale con Dio è stata danneggiata profondamente.

 

EMORROISSA

        Nonostante tutto ciò, Gesù ci dice con grande autorità e amore, senza badare al nostro passato: “Non avere paura!”

            La speranza e la fiducia nella misericordia di Dio ci danno la fede, la libertà e la forza di superare la paura e di esaminare onestamente il nostro passato. Il pentimento, diversamente dall’oppressivo senso di colpa, “riporta la pace, pur nel dolore; è generato dalla Misericordia e conduce alla Misericordia”, e rimpiazza il disprezzo verso se stessi e gli altri con l’umiltà. L’amarezza riguardo a tutto ciò che è accaduto nell’aborto cede alla tenerezza. Si scopre che c’è un lutto da elaborare, e una maternità o paternità da coltivare, per i bambini mai nati.

Don Antonio Grappone

          Il pentimento rappresenta l’inversione di rotta dalla negazione alla verità e dalla ribellione all’accettazione, insomma, è un’inversione di rotta dalla Morte alla Vita.

            La Misericordia di Dio nasce dal Suo Amore per noi. Similmente, è l’amore di una madre per il suo bambino che dà origine al dolore e all’angoscia che costituiscono il trauma post-aborto. Ed è precisamente l’amore di questa donna-madre che la spinge a cercare la guarigione e la riconciliazione. Nel più profondo del cuore ella sa di aver perso con l’aborto, non solo un anonimo grumo di cellule, ma un bambino di cui avrebbe voluto vedere il volto e a cui avrebbe voluto dare un nome.

 

VIGNA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

            I ritiri della Vigna di Rachele (www.vignadirachele.org   www.rachelsvineyard.org) “spianano la strada” alle madri e ai padri affinché possano fare un cammino che non nega, ma passa attraverso la profonda realtà della loro esperienza e porta verso la pace. Il percorso offerto impiega degli esercizi per elaborare il lutto e delle meditazioni spirituali, insieme ai sacramenti della riconciliazione e dell’eucaristia, celebrati nei punti chiave durante il weekend.

            L’amore di Dio è ”incarnazionale”, ciò significa che sperimentiamo l’amore di Dio Padre attraverso altre persone. Il movimento per la guarigione postaborto è composto da persone e comunità che si mettono a disposizione come strumenti della compassione divina.

            Nel momento di affrontare il dolore del proprio passato e del proprio peccato, l’incontro con persone che incarnano l’amore e la compassione di Dio ci aiuta a rivedere la nostra vita attraverso lo sguardo misericordioso di Dio, con occhi che vedono l’intero spettro della realtà.

            Le persone che hanno abortito hanno bisogno di essere accolte con compassione dagli altri. Non una compassione che fa finta di niente, ma una compassione che ascolta e che “soffre con” la persona ferita dall’esperienza dell’aborto. Un tale incontro aiuta questa persona a rivedere la propria vita, ad esplorare la verità di ciò che è accaduto nell’aborto e ad abbracciare quella verità senza negazione o distorsione.

            La verità, però, non è semplicemente un’astrazione, ma una persona. E’ la persona di Gesù Cristo. Noi abbracceremo la verità abbracciando Cristo. La Sua misericordia inonderà i nostri cuori di grazia. Cos’è questa grazia? La grazia è la vita stessa di Dio che “scorre” dentro la nostra anima.

 

MADDALENA            Mentre il potere di Gesù si manifesta nella guarigione di tante anime, vediamo una moltitudine crescente di persone riconciliate con Dio e con i loro bambini abortiti. (In tutto il mondo più di 60.000 persone hanno fatto l’esperienza della Vigna di Rachele, e tante altre hanno fatto simili esperienze attraverso altri programmi del post-aborto.) Molti di loro si dedicano generosamente a costruire una Cultura della Vita.

            Solo il Signore crocifisso e risorto potrebbe portare un frutto così bello da ciò che sembra un albero innaffiato solo da lacrime. Solo Lui potrebbe trasformare il Calvario della persona che ha abortito in un’esperienza di risurrezione e di nuova vita.

            Egli ci indica chiaramente il cammino da percorrere, e ci mostra la speranza che ci aspetta, nel fatto che Egli, abbracciando la Croce, è arrivato alla Gloria della Risurrezione.

            La Chiesa desidera ed è pronta ad essere uno strumento della compassione di Gesù. La preghiera della Chiesa è che tutti coloro che sono oppressi dal peso dell’esperienza dell’aborto trovino riconciliazione e pace. Ogni membro della Chiesa è chiamato a far conoscere la grande clemenza di Cristo e a sostenere il fardello dell’altro.

            Che le parole dell’Evangelium vitae, la Buona Novella del “Vangelo della Vita”, insieme alle nostre preghiere e azioni, diventino passi che permettano a molte persone di intraprendere un cammino verso la riconciliazione e la nuova vita.

                    Ringraziamo Alessandra DeFilo per la traduzione. Citazione di Don Antonio Grappone aggiunto da Monika Rodman. Tutti i diritti riservati alla Vigna di Rachele/Rachel’s Vineyard Ministries™.

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore