Fai di www.srifugio.it la tua Homepage
    Aggiungi www.srifugio.it ai preferiti
    Invia un contributo testuale
 
  HOME PAGE
  Alla scuola di S.Pietro (cammino di formazione 2021-2022)
  Preghiera del cuore
  Momenti vissuti e da vivere
  Madre Speranza nostra catechista
  Dialogo tra Cristo e la Chiesa
  50 domande e risposte sul post aborto
  Sui passi di San Giuseppe
  Economia domestica
  La violenza in famiglia
  Giovani questa è la nostra fede
  Esortazioni Post-Sinodali
  Piccoli Raggi dell'Amore Misericordioso
  Educata / Mente
  In cammino verso la santità
  Il giudizio di Dio
  Lo spirito dell'arte
  Patris corde
  La Chiesa Madre e Maestra
  Il silenzio di Dio
  Leggiamo i Vangeli
  Io accolgo te
  Vita diocesana
  L'infanzia perduta
  Dignità umana
  Teillard De Chardin
  Piccoli amici di Gesù
  Apriamo i nostri cuori
  Antologia biblica
  La vigna di Rachele
  Il Papa alle famiglie
  Tra cielo e terra
  Diario di bordo
  La parola del Papa
  Madre Speranza
  Dolore illuminato
  Riflessioni
  Risonanze
  Attualità
  Perfetti nell'amore
  Largo ai poeti
  Testimonianze
  La comunità ci scrive
  Fatti edificanti
  Fatti sconcertanti
  La vita dono di Dio
  Massime
  Risatine
  Ricettario
  Anniversari lieti
  Sequenza - Avvisi - Messaggi
  SEZIONI NON FISSE

   Cammino di formazione anni precedenti
  Maschio e femmina li creò (2019-2020
  Stop all'azzardo (2017-2018)
  Storia delle idee (2017-2018)
  Cultura Cattolica (2017-2018)
  Sulle tracce dei Patriarchi (2017-2018)
  Valori e disvalori (2017-2018)
  La storia della salvezza spiegata ai bambini
  Autostima (2016-2017)
  Occhio alla lente (2016-2017)
  Principi non negoziabili (2016-2017)
  Pensieri di pace (2016-2017)
  Giubileo della Misericordia (2015-2016)
  Misericordiae Vultus (2015-2016)
  Riflessioni sulla bolla (2015-2016)
  Le vie della Misericordia (2015-2016)
  Esperienza di Misericordia (2015-2016)
  Stili di vita (2015-2016)
  L'Etica e lo Stato (2013-2015)
  Gender (2014-2015)
  Favole e Verità (2014-2015)
  Noi genitori (2013-2014)
  La Cresima spiegata ai bambini (2013-2014)
  Lumen fidei (2013-2014)
  La Chiesa e le leggi (2013-2014)
  Fides et ratio (2012-2013)
  Gesù spiega i comandamenti (2012-2013)
  I Salmi penitenziali (2012-2013)
  La famiglia alla scuola della Sapienza (2012-2013)
  Giovani tra futuro e fede (2012-2013)
  Il Battesimo spiegato ai bambini (2012-2013)
  Sui passi del tempo (2011-2013)
  I Comandamenti spiegati ai bambini (2011-2012)
  70 volte 7 (2011-2012)
  Le nostre radici (2011-2012)
  Giovani verso il matrimonio (2010-2012)
  Il Catechismo di Pio X (2010-2011)
  Parole piovute dal Cielo (2010-2011)
  Errori e Verità (2010-2011)
  Bambini santi (2010-2011)
  L'Eucaristia spegata ai bambini (2010-2011)
  Filosofie e verità (2009-2010)
  Il sacerdote innamorato di Cristo (2009-2010)
  La TV ci guarda (2009-2010)
  Se non diventerete come bambini (2009-2010)
  Caritas in veritate (2009-2010)
  Piccoli raggi (2008-2010)
  Il catechismo (2005-2010)
   Le sette (2008-2009)
  Missione giovani (2008-2009)
  I nostri talenti (2008)
  Pillole di saggezza (2008)
  Emergenze planetarie (2007-2008)
  Il Vangelo della fede (2007-2008)
  La Via Crucis di S.Leonardo (2007-2008)
  Noi giovani (2005-2008)
  Spazio per l'innocenza (2005-2008)
  Genitori a scuola (2003-2008)
  La Sapienza (2007)
  Vangelo in chiave coniugale e Preghiera a 2 voci (2003-2007)
  Spigolando qua e là (2003-2007)
  Massime e Risatine (2003-2007)
  Provocazioni evangeliche (2004-2007)
  Deus caritas est (2006-2007)
  Con S.Pietro, pietre vive (2006-2007)
  Ut unum sint (2006-2007)
  A piccoli passi (2005-2006)
  Semi di Speranza (2005-2006)
  L'arte di Comunicare (2005-2006)
  Apocalisse (2005-2006)
  Rubriche 2004-2005
  Rubriche 2002-2003
  SEZIONI NON FISSE ANNI PRECEDENTI
 


MAGGIO 2013

     

DIRITTI PER TUTTI Gabriele Soliani

 

FAMIGLIA            Promesse di diritti Il concetto "diritti per tutti" che il presidente Obama porta avanti senza ripensamenti sembra moderno e democratico ma non è così. Come un’onda travolgente arriverà anche da noi e già se ne intravvedono i frutti.

            Intanto il primo a farne le spese giuridicamente, e non solo, è il povero bambino nel grembo della donna perché il diritto maggiore sarà quello della madre a scapito del nascituro. Tutte le leggi abortiste si poggiano su questa artificiosa e antiscientifica affermazione inventata ad hoc per introdurre l’aborto ad ogni costo nel Diritto. Se la donna decide di non volerlo sarà suo "diritto inviolabile" sopprimerlo!

            L'aborto, come facilmente si intuisce, è proprio la negazione dei "diritti per tutti".  Addirittura negli anni nei quali si discuteva per sostenere l’aborto, e per non avere sensi di colpa, si diceva che il feto umano non è un essere umano. Questa è una tale assurdità che perfino i bambini smentiscono!

            Obama, abortista convinto, pensa soprattutto ai matrimoni omosessuali legali in tutti gli Stati dell’unione. L’ha promesso in campagna elettorale e ora deve sostenerli. Infatti, ora negli USA per regolamentare una questione di eredità in una coppia omosessuale sono pronti a definire "incostituzionale" il semplice dato oggettivo dell'unione fra un uomo e una donna come coppia che genera la famiglia e quindi lo Stato. I giudici della Corte Suprema Usa sembrano orientati a decidere a maggioranza (5 a 4) che il matrimonio non è solo tra uomo e donna. Si interrogano se il governo federale abbia o meno interesse a difendere la famiglia e se sia costituzionale che lo Stato riservi il rapporto di coniugalità al matrimonio naturale.

            Ma cosa c'è di tanto difficile da interrogarsi? E’ sotto gli occhi di tutti quanto un passo dopo l'altro fatto solo nell'ambito dei "diritti individuali" abbia portato a questa assurda situazione. Per equiparare il matrimonio e la famiglia naturale alle unioni omosessuali lo Stato deve entrare a gamba tesa nel mondo personalissimo degli “affetti”. E da qui anche nella generazione dei figli e nella loro educazione. Infatti, per dare un figlio ad una coppia di uomini occorre privare il bimbo della madre biologica e nascondergliela per sempre, così come occorre nascondere il padre ad un bimbo di una coppia di donne. Ma gli affetti e i vincoli affettivi non sono "diritti" costituzionali da promuovere o inventare. Se lo Stato comincia a legiferare sugli affetti dovrà entrare nella “privaci” delle persone e distinguere fra quelli buoni e cattivi e fra quelli giusti e ingiusti.  Come potrà arrogarsi il diritto di discriminare fra affetto e affetto?

            Lo Stato non può fare il “grande fratello”. L'unico “vincolo affettivo” che deve proteggere per legge è quello "naturale", cioè quello che genera la famiglia naturale che precede lo Stato e costruisce la nazione. Il vincolo affettivo naturale fra i due sessi differenti è iniziato ben prima dello Stato nella storia dell’umanità. Anzi lo Stato è nato e sopravvive solo grazie a quello e per questo è “un dovere” difenderlo e custodirlo.

            I veri "diritti per tutti" sono altri e cioè l'istruzione, la salute, il lavoro, la sicurezza, il voto, la libertà di espressione e religione... Promettere "diritti per tutti" può essere esaltante, commovente, attirare consenso elettorale ma non costruisce la società.

 

 

Torna all'inizio

Per qualsiasi informazione o se volete partecipare al nostro giornalino inviandoci del materiale scrivete a questo indirizzo
email: s.rifugio@tiscali.it
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2021
 
© Forma e contenuto del sito sono proprietà intellettuali riservate
Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore